Archivio attività - Ente Parco Regionale dell Olivo di Venafro

Ente Parco dell'Olivo di Venafro logo
Storico Agricolo
SEGUICI
ENTE PARCO REGIONALE DELL'OLIVO DI VENAFRO
Paesaggio rurale storico d'Italia
(D.M. n. 6419 del 20.2.2018 – MIPAAF)
ENTE PARCO REGIONALE DELL'OLIVO DI VENAFRO
Logo Ente Parco
Storico Agricolo
SEGUICI
Paesaggio rurale storico d'Italia
(D.M. n. 6419 del 20.2.2018 – MIPAAF)
Vai ai contenuti
ATTIVITÀ

2017


8 DICEMBRE 2017 – RICHIESTA DI ADOZIONE DELL’ORTO DEL GETSEMANI A GERUSALEMME
L’Associazione Coltiviamo La Pace di Firenze, l’Ente Parco, Marco Peruzzi impianti a verde di Vinci e l’Associazione Olea Mediterranea hanno prodotto richiesta ufficiale a Padre Francesco Patton, Custode di Terra Santa a Gerusalemme per una Convenzione finalizzata allla Tutela, Conservazione e Valorizzazione dell'Orto degli Ulivi e degli altri appezzamenti del Podere del Getsemani, che potrà riguardare:
- l'esecuzione di attività agronomiche volte alla conservazione delle otto piante storiche, ma anche la eventuale realizzazione di un progetto di risistemazione dell'Orto degli Ulivi e del Giardino del Tradimento per valorizzarne gli aspetti «devozionali» ed «evocazionali» degli episodi evangelici che qui si sono svolti;
- una successiva estensione delle operazioni di risistemazione ambientale all'intero Podere Francescano del Getsemani, sul quale sono già state effettuate delle operazioni di rilevamento georeferenziato degli appezzamenti e degli olivi in essi esistenti.

1 DICEMBRE 2017 – CONVENZIONE PER COMODATO D’USO DI OLIVETO
Approvata nel Consiglio direttivo del 1 dicembre, una convenzione con un privato per la gestione gratuita di un oliveto monumentale, nel quale il Parco è intenzionato a promuovere le buone pratiche agricole, corsi di potatura specializzati per olivi secolari e allocare un nuovo giardino dedicato alle cultivar mediterranee.

25 NOVEMBRE 2017 – INTERLOCUTORI DEL TEMPO AL FESTIVAL RISC DI MARSIGLIA
“Interlocutori del tempo”, opera di Salvatore Insana, nata a Venafro nel Parco Regionale dell’olivo con la collaborazione di Ferdinando Alterio e Elisa Turco Liveri, proiettata al Museum d’Histoire Naturelle di Marseille per il Festivale d Rencotres Internationales Sciences & Cinemas.

NOVEMBRE 2017 – ALTERNANZA SCUOLA LAVORO – SECONDA ANNUALITA’ CON L’ISTITUTO DI SCUOLA SUPERIORE A. GIORDANO
Al via la seconda annualità dell’ASL nel Parco che vedrà, quest’anno, i ragazzi impegnati nella georeferenziazione di muri a secco, mulattiere e cisterne di ville rustiche romane presenti nel Parco.

25 NOVEMBRE 2017 – LA REGIONE NON ACCREDITA AL PARCO LE SOMME DOVUTE PER IL 2015 E IL 2017
Con una strafottenza unica nei confronti di Venafro e della storia millenaria dell’olivo che rappresenta nel Mediterraneo, continua il disinteresse della Giunta Regionale nei confronti dell’unico Parco istituito nella Regione Molise. E’ imbarazzante che un Presidente della Giunta regionale e il suo Assessore all’Ambiente non siano stati capaci di permettere al Parco una normale vita amministrativa, in questi anni, vista l’intensa attività prodotta.

15 NOVEMBRE 2017 – IL PARCO E L’AURINA DI VENAFRO PRESENTI A FICO A BOLOGNA
Ha aperto a Bologna il 15 novembre Fico Italy World, la Fabbrica italiana contadina, nata per raccontare al mondo l’eccellenza agroalimentare del nostro paese. ARPAE Emilia Romagna ha collaborato, grazie al Dott. Sergio Guidi, alla realizzazione del Frutteto della biodiversità con piante e frutti antichi. Tra le quindici piante rappresentative del nostro paese c’è anche la Licinia-Aurina di Venafro.

29 OTTOBRE 2017 – CAMMINATA TRA GLI OLIVI “EVENTO NAZIONALE DELL’ASSOCIAZIONE NAZIONALE CITTA’ DELL’OLIO NEL PARCO REGIONALE – SECONDA GIORNATA DI VENOLEA 2017
Pieno successo dell’evento; almeno 150 persone hanno partecipato all’escursione nel Parco che si è conclusa con la visita di alcuni monumenti e con il pranzo in Piazza Annunziata. L’Ente Parco ringrazia Francesco Tomasso (Olea Mediterranea) per l’organizzazione, le guide Carmen D’Antonino e Ferdinando Alterio, l’Azienda Agricola di Mario Rambaldi per il pranzo a base di farro e fagioli coltivati nel Parco, la Cooperativa Colonia Julia Venafrana per lo squisito olio e Luciano Bucci per aver ospitato gli ospiti nel Museo Winterline. Presenti all’evento anche Mika Takizawa dell’Associazione Olives Road di Roma, Palma Esposito Capo Panel dell’Università di Cassino e Antonio Narciàno della redazione di Cucina e Vini.

28 OTTOBRE 2017 –  CI LASCIA MARIO LEPORE, GIORNALISTA E AMICO DEGLI OLIVI DI VENAFRO
Una grande perdita per la comunità di Venafro è la scomparsa di Mario Lepore, noto giornalista locale con un‘ampia militanza nelle testate regionali. Tanti i suoi articoli a supporto del Parco e tante le battaglie per la sua città. Un commosso ricordo viene espresso dal Consiglio direttivo del Parco per la perdita di una persona affabile, colta e sensibile alle problematiche del territorio.

14 OTTOBRE 2017 – VENOLEA 2017
Torna l’edizione annuale di Venolea. La prima giornata organizzata il 14 febbraio ha visto l’inaugurazione del Giardino degli Olivi Patriarchi d’Italia realizzato con la collaborazione dell’Associazione Patriarchi della Natura in Italia, finalmente completo con la messa a dimora delle piante gemelle di olivi secolari  rappresentativi del Sud d’Italia. A seguire la presentazione del libro “L’Olio di oliva, oro verde del Mediterraneo di Yuko Okuma e sara Sargenti, con le foto di Gianni Mània e la presentazione di Antonio Cimato. Un convegno sull’olivicoltura ambientale, che ha annoverato tra gli altri l’On. Laura Venittelli (Commissione Agricoltura della camera dei Deputati) e Sergio Guidi dell’ARPA Emilia Romagna ha preceduto la degustazione di piatti tipici locali. Il tutto in una splendida mattinata di sole all’aperto nel Parco.

SETTEMBRE 2017 – REGISTRO NAZIONALE DEI PAESAGGI STORICI - PRESENTATO IL DOSSIER FINALE AL MIPAAF
Presentato ufficialmente al Mipaaf dopo un percorso durato due anni il Dossier di candidatura per l’inclusione nella Rete Rurale Nazionale del MIPAAF. A comunicarlo al Parco e al Comune di Venafro è stato il Direttore dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio, Antonio Balenzano. Il Dossier è stato elaborato dall’Università di Firenze – GESAAF e finanziato dal Parco che ha fornito tutta la documentazione ed il supporto necessari.

AGOSTO 2017 – INCENDIO NEL PARCO
Un incendio scaturito altrove e durato ben 14 giorni ha interessato il Parco nella sua parte montana, interessando alcuni oliveti in località Pigne. La siccità non può essere l’unica causa di questo disastro.  Sono innegabili gli effetti che la soppressione del Corpo Forestale dello Stato ha generato. Distratto spesso da altri compiti di ordine pubblico, ridotto nell’organico, al Gruppo Forestale dei Carabinieri è stata tolta la competenza della gestione degli incendi boschivi, sopprimendo così un’esperienza preziosa accumulata negli anni. A ciò si aggiunga lo smantellamento della flotta elicotteristica del Corpo Forestale dello Stato che è stata suddivisa tra Vigili del Fuoco e Carabinieri, perdendo molto della sua vocazione originaria, con molti elicotteri tutt’ora fermi.  Si consideri l’estrema difficoltà della bonifica dell’incendio a causa dell’orografia impervia del territorio, resa vana dall’assenza di elicotteri della regione Molise.

AGOSTO – SETTEMBRE 2017 – LAVORI DI MANUTENZIONE AMBIENTALE
Nonostante le ristrettezze economiche imputabili alle responsabilità marchiane della Regione Molise, sono stati realizzati interventi di manutenzione ambientale sui sentieri, le aree picnic e presso il giardino degli Olivi Patriarchi d’Italia.

11 LUGLIO 2017 – SECONDA EDIZIONE DEL PREMIO “I MIGLIORI OLIVETI DEL PARCO”
Seconda edizione per premiare i migliori oliveti del Parco al fine di incentivare le buone pratiche agricole nel Parco. La valutazione avverrà attraverso i seguenti parametri: condizioni di gestione del suolo degli oliveti e manutenzione dei muri a secco, ove presenti,  stato fitosanitario delle piante, numero e dimensioni di piante di olivo, gestione della chioma ed esecuzione di una buona potatura. Verranno premiati i primi 15 conduttori di fondi classificati con un premio unico pari a 400 €.

GIUGNO 2017 – CONVENZIONI CON GLI ISTITUTI LEOPOLDO PILLA E ISISS A. GIORDANO DI VENAFRO
Sottoscritte convenzioni nell’ambito del Programma Operativo Nazionale “Per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020. Asse I – Istruzione – Fondo Sociale Europeo (FSE). Le attività variano dall‘attivazione di laboratori didattici per lo studio storico-naturalistico e archeologico dell’ambiente del Parco  alla conoscenza dell’olio nell’archeologia e nella storia e nel paesaggio.

8 MAGGIO 2017 - PROGRAMMA INTERREG IPA CBC – ITALIA, ALBANIA, MONTENEGRO – CANDIDATURA PROGETTO “CROSS BORDER OLIVE”
l’ Università di Tirana (Lead Partner),l’ IMAB Bari, l’Ente Parco Regionale dell’Olivo di Venafro, l’ Uri – Urban Research Institute (Albania), le Municipalità di Bar e Valdanos (Montenegro), il Ministero Agricoltura del Montenegro (Associated Partner), hanno presentato il  Progetto  “Cross Border Olive”, nell’ambito del il Programma INTERREG IPA CBC – ITALIA, ALBANIA, MONTENEGRO. L'obiettivo generale del progetto è quello di valorizzare e conservare i beni naturali e il paesaggio degli oliveti antichi, al fine di promuovere i territori quale fonte di turismo intelligente e sostenibile, produzione di qualità, supportando lo sviluppo rurale sostenibile in tali ambiti.

MAGGIO 2017 - ADESIONE AL PROGETTO “MOLISE MED WEEK”
Adesione al progetto turistico della Fondazione Neuromed nell’ambito del “Patto per lo sviluppo della Regione Molise, area tematica Turismo e Cultura, Programma integrato per lo sviluppo e la promozione del turismo - “Molise che incanta” - Avviso per il sostegno ad attività di promozione, marketing, auto narrazione, comunicazione della cultura regionale.

22 MARZO 2017 – CONVENZIONE CON L’ASSOCIAZIONE VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO - VENAFRO
Stipulata la l’intesa per il monitoraggio sullo stato dei suoli agricoli e degli oliveti in riferimento alle normative del Parco e ai regolamenti comunali vigenti, al fine di prevenire gli incendi;
per il supporto organizzativo agli eventi organizzati dall’Ente Parco anche al di fuori del perimetro dell’area protetta e per il controllo sulle violazioni relative al rilascio di rifiuti.

20 FEBBRAIO 2017 - INTESA PARCO - UNIMOL – COMUNE DI VENAFRO
Stipulata la Convenzione tra Ente Parco e l’Università degli Studi del Molise finalizzata a la realizzazione di programmi e/o progetti di innovazione, ricerca e studi, didattica, in accordo con le proprie mission e nelle materie di comune interesse, quali progetti, ricerca, didattica, insegnamento e formazione con riferimento ai profili agro-zootecnico, economico-ambientale, storico-archeologico e culturale.


2016

 
31 DICEMBRE 2016 – REGIONE… SE CI SEI BATTI UN COLPO
Ancora nessun euro relativo alle annualità 2015 e 2016 erogato dalla Regione Molise.

NOVEMBRE 2016 – AFFIDAMENTO DEL DOSSIER DI CANDIDATURA
Affidato  all’Università di Firenze (GESAAF ), convenzionata all’uopo con  l’Associazione Nazionale Città dell’Olio la redazione del Dossier di candidatura per l’iscrizione nel Registro nazionale Paesaggi rurali  storici. E’ l’ultimo atto necessario per l’iscrizione quale unico  paesaggio nel Molise.

OTTOBRE 2016 – IL PARCO NEL GAL MOLISE RURALE
Il  Parco nella Società Consortile del GAL Molise Rurale. Nonostante le  attuali difficoltà di gestione dell'Ente, dopo un complesso iter, il Parco, aderendo alla Società consortile, crea condizioni idonee di  finanziamento per le attività del proprio territorio. Spetterà alla  Regione Molise valutare il Piano di Sviluppo Locale della Società  consortile.

SETTEMBRE 2016 – CENSIMENTO DEGLI OLIVETI INCOLTI
Rilevamento  attuato dall’Ente Parco riguardante gli oliveti incolti. Si spera che  finalmente gli organi deputati al controllo del territorio facciano  rispettare gli obblighi di manutenzione degli appezzamenti olivicoli.

AGOSTO 2016 - CENSIMENTO DEGLI OLIVI SECOLARI
La  rilevazione ha riguardato 165 olivi di grandi dimensioni presenti nel  territorio del Parco. Oggetto della ricerca sono stati l’identificazione  catastale dell’albero e le sue coordinate GPS in WGS-84, l’altitudine,  l’ambiente, gli aspetti di monumentalità (età, dimensioni, forma e  portamento, valore ecologico, valore storico e culturale, valore  paesaggistico).
Le dimensioni esaminate riguardano il diametro  a 1,30 m e l’altezza. L'attività svolta rientra tra quelle  isitituzionali del Parco, attuata nonostante a tutt'oggi la Regione  Molise non ha pagato all'Ente le spettanze 2015 e 2016.
Oltre  che ad implementare il database del territorio, la puntuale rilevazione  della maggior parte dei grandi olivi del Parco è finalizzata alla loro  effettiva tutela.

LUGLIO 2016 – CANDIDATURA NEL REGISTRO DEI PAESAGGI STORICI ITALIANI DEL MIPAAF
L’Associazione  Nazionale Città dell’Olio che con nota del 26.07.2016, l’Associazione  Nazionale città dell’Olio annuncia che il territorio candidato “Parco  Regionale Storico dell’Olivo di Venafro” è risultato idoneo, senza  richieste di integrazioni, all’iscrizione nel Registro nazionale  Paesaggi rurali storici e che  quindi si può procedere alla redazione  del Dossier Ufficiale di candidatura.

MAGGIO 2016 – CONVENZIONE CON L’ISTITUTO ISISS “A. GIORDANO” PER ASL
Sottoscritta  la convenzione per progetti di Alternanza Scuola Lavoro che  impegneranno alcune classi dell’Istituto in attività di studio e ricerca  nel Parco.

MAGGIO 2016 – INTESA CON L’UNIMOL PER TIROCINI FORMATIVI
Sottoscritta  un’intesa con l’UNIMOL  per progetti di tirocini che potranno impegnare  studenti in attività di studio e ricerca nel Parco.

APRILE 2016 - INCREDIBILE SVISTA DELLA REGIONE MOLISE: CANCELLATI I FONDI ASCRITTI AL PARCO NELLA FINANZIARIA REGIONALE 2015
Con  contrarietà si è appreso della cancellazione dei fondi impegnati dalla  Regione nel bilancio 2015 a favore dell’unico parco regionale della  Regione.
Si sottolinea che l’Ente Parco nel rispetto delle  norme vigenti e nei limiti del contributo regionale 2015, ha svolto  regolarmente tutte le attività previste, impegnando le relative somme  con i fornitori di servizi regolarmente erogati a favore dell’Ente, con  Deliberazioni e Determinazioni, tutti atti giuridicamente vincolanti,  che impegnano l’Ente ad erogare tutte le somme dovute ai suddetti  fornitori. L’atto propinato dai servizi finanziari della Regione Molise  risulta pertanto di estrema gravità e sicuramente una primizia negativa  in campo nazionale nella gestione dei parchi regionali. Infatti, la  Regione prima ha autorizzato alla spesa per tutte le attività svolte nel  2015 e poi ha tagliato i fondi per pagarle.
Per tali motivi il Consiglio direttivo dell’Ente ha deliberato il 1 aprile 2016
-di  far voti al Presidente della Giunta Regionale a voler intervenire con  immediatezza al fine di ripristinare il finanziamento di cui alla L.R.  n. 30/2008 (Istituzione del Parco Agricolo dell’Olivo di Venafro),  ascritto dalla Legge finanziaria regionale 2015, pari a 100.000 €,
-di  impegnarsi a prevedere nell’esercizio finanziario 2016, in corso di  approvazione, le somme necessarie per l’attività dell’Ente;
-di  dare mandato al Presidente dell’Ente Parco di tutelare l’immagine del  Parco nei modi ritenuti opportuni e condivisi con il Consiglio
direttivo, qualora la Regione Molise non dovesse restituire all’Ente il  finanziamento per le attività già svolte nel 2015.

1 APRILE 2016 – PREMIAZIONE DEI MIGLIORI OLIVETI DEL PARCO
Premiati  presso la sede del Parco i migliori 10 oliveti del concorso 2015. Il  concorso ha premiato la manutenzione e la cura degli oliveti in relazione ai terrazzamenti e agli olivi secolari presenti. Assegnati un  primo premio di 500 €, tre secondi premi da 400 € euro e 5 terzi premi  da 300 €.

MARZO 2016 – COMPLETATO IL GIARDINO DEGLI OLIVI PATRIARCHI
Completati  i lavori del giardino, sono stati messi a dimora i primi dieci olivi,  riproduzione per talea di famosi olivi secolari italiani: L’Olivo di Campofilone (FM), l’Olivo di Caneva (PN), l’Olivo di Mezzegra (CO),  l’Olivo di Mulazzano (PR), l’Olivo di Palombara (RM),  l’Olivo di Pino d’Asti (AT), l’Olivo di San Remo (IM), l’Olivo di Strega (GR), l’Olivo  di Torbole (TN), l’Olivo di Torille (AO) e l’Olivo di Vigilio (VE).

5 MARZO 2016 - STRUMENTI FINANZIARI PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE
Si  è svolto il 5 marzo, a Castello Pandone, un’importante convegno,  organizzato dall’Associazione Pianeta Terra e dalla Presidenza del Consiglio comunale, cui hanno partecipato oltre al Parco, il Presidente  del WWF Italia Donatella Bianchi e  Antonio Canu, Presidente del WWF  oasi.


2015


DICEMBRE 2015 – ATTIVAZIONE BUONI LAVORO PER LAVORI DI MANUTENZIONE AMBIENTALE
Il  Parco previa evidenza pubblica ha formulato laLong List di personale  esterno, per il conferimento di incarichi per prestazioni occasionali nell’ambito delle attività proprie dell’Ente attraverso il sistema di  pagamento dei “buoni lavoro” (voucher).

4 .12.2015 – IL PARCO A VINCI
Conferenza  sul tema: “Storia degli Ulivi e dei Frantoi, dal Getsemani a Vinci”.  Organizzata dal Prof. Silvano Guerrini, animatore culturale del territorio di Vinci e del Montalbano, l’assemblea ha visto, quale ospite  d’eccezione, il giornalista Graziano Motta, collaboratore della RAI e di Radio Vaticana, nonché corrispondente per oltre trent’anni a  Gerusalemme, in Medio Oriente e nei Balcani. I due interventi di Emilio Pesino sul Parco Storico dell’Olivo di Venafro e del noto studioso di  Leonardo, Alessandro Vezzosi, su “Il Frantoio di Leonardo, hanno introdotto la sintesi operata dal Prof. Giovanni Gianfrate e supportata  dall’Ente Parco Regionale dell’Olivo di Venafro, riguardante la realizzazione dei Parchi storici del Getsemani, di Efraim e di Vinci.

30.11.2015 – COSTITUZIONE CONTRO IL RICORSO DI HERAMBIENTE
Il  Parco ha nominato l’Avv. Adele Russo nel giudizio proposto innanzi al  TAR Molise da HERAmbiente spa, con intervento ad adiuvandum contro  l’annullamento della Determina dirigenziale n. 15 del 14 luglio 2015 del  direttore del Servizio Valutazioni Ambientali della Regione Molise ad  oggetto “D.Lgs. 152/2006 – Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) –  Herambiente s.p.a. – Impianto di coincenerimento di rifiuti non  pericolosi denominato WTE di Pozzilli (IS)”. La Herambiente si oppone  all’AIA che ha praticamente dimezzato le emissioni in atmosfera dello  stesso inceneritore e della COLACEM.

5 - 6 NOVEMBRE – SERENO VARIABILE AL PARCO E A VENAFRO
Grosso  impegno organizzativo dell’Ente per la realizzazione della trasmissione  televisiva di RAI 2 “Sereno Variabile”. Tra i vari  momenti organizzati  l’ accoglimento del conduttore televisivo Osvaldo Bevilacqua (Sereno  Variabile) con il gruppo musicale Mainarde, laFesta dell’olio in Piazza  Cimorelli con il gruppo folkloristico i Zigzaghini e la festa della  raccolta delle olive nel Parco in località Campaglione, nei pressi della  Cattedrale, con degustazione della “Signora di Conca Casale” e  rievocazione storico militare della Winterline. Un ringraziamento ai  principali artefici dell’evento e cioè Claudio Luongo e Francesco  Tomasso.

19 e 20 SETTEMBRE 2015 – DA VENAFRUM A VENAFRO
Patrocinata  dal Parco la bella manifestazione rievocativa storica organizzata  dall’Associazione Gens Julia con l’Associazione Winterline.

30 OTTOBRE 2015 -  VENOLEA 2015
Riuscitissima  edizione di Venolea con la partecipazione di importanti personalità del  mondo scientifico, che ha visto l’inaugurazione della nuova sede e la  firma della convenzione tra CNR e Parco. Ecco il programma effettuato:
ORE 17,30 - Inaugurazione nuova sede dell'Ente Parco
ORE 18,00 - Primi dati sul DNA degli antichi olivi di Venafro
e  firma della convenzione tra l’Ente Parco e il CNR IVALSA di Firenze con   Mauro Centritto, Direttore del CNR IVALSA di Sesto Fiorentino, Raffaella Petruccelli, CNR Ivalsa di Sesto Fiorentino, Tommaso Ganino,  Università di Parma, Domenico Pignone, CNR Bari, Francesco e Rina  Iannacone, Agrobios di Metaponto
ORE 19,30 - Festa nella Piazzetta dell'Annunziata con musica e degustazioni con esibizione folcloristica del Gruppo Zigzaghini
ORE 18,30 – Apertura Museo Winterline
ORE 21,00 – Degustazione prodotti locali presso l’antico frantoio di Doc Pub (riservato agli ospiti).
L’evento  ha visto la collaborazione dell’Associazione Vico Parasacco,  l’Associazione Zigzaghini di S. Giovanni in Galdo, l’Associazione Vigili del fuoco in congedo – Sezione di Venafro. Associazione Winterline.  Presenti, tra i politici, il Presidente della Regione Paolo Frattura, il Presidente del Consiglio regionale Vincenzo Cotugno, l’Assessore  Vittorino Facciolla, i Consiglieri Domenico Di Nunzio e Carlo Veneziale.

14.09.2015 – IL PARCO SALVA IL MUSEO WINTERLINE
A  seguito di incontri tra vari Enti presso la Regione Molise, in  concomitanza dello sfratto subito dall’Associazione Winterline dallo  IACP, si è convenuto, come da verbale dell’incontro del 14.09.2015, che  l’Ente Parco si assume la gestione dei locali che ospitano la Mostra storico militare, in previsione dell’abbattimento delle tasse comunali  sullo stabile e della disponibilità della Regione a sostenere  economicamente l’iniziativa nelle prossima finanziaria regionale. Si  spera che di fronte all’assunzione di responsabilità dell’Ente Parco per  salvare questa istituzione del nostro territorio, corrispondano gli  impegni del Comune e della Regione.

3 OTTOBRE 2015 – IL PARCO ALL’ACCADEMIA BARILLA DI PARMA
Presente  il Parco con un intervento di Emilio Pesino, alla presentazione del  libro di Yuko Okuma e Sara Sargenti “Sulle rotte degli antichi”. Il  libro è uno straordinario viaggio nei luoghi dell’olivicoltura del  Mediterraneo.

OTTOBRE 2015 – NUOVA SEDE DELL’ENTE
Palazzo  della Congrega i Piazza Annunziata è la nuova sede dell’Ente. Il  Palazzo di proprietà dello IACP ospita un centro accoglienza turisti,  l’ufficio del Parco, una sala espositiva dedicata alla raccolte delle  olive nell’Oliveto storico di Venafro e una sala convegni. L’Ente Parco  ringrazia quanti hanno contribuito a titolo gratuito all’allestimento  della Mostra e in particolare Sonia Genua, Domenico Biello, Francesco  Tomasso, Elvio Santamaria e Nicola Vettese.

15 – 21 SETTEMBRE 2015 – PARCO ALL’EXPO DI MILANO
Il  Parco presente assieme all’Associazione Nazionale Città dell’Olio e  alle città molisane dell’Associazione, all’interno del sito espositivo  di Cascina Triulza all’EXPO Milano 2015.
Cascina Triulza, è  dedicato e gestito dalle Organizzazioni della Società Civile (OSC) è  finalizzato a favorire l’incontro tra piccoli medi e grandi produttori  nazionali ed internazionali dell’economia
sostenibile, in cui  peraltro sarà possibile l’acquisto di prodotti tipici del territorio  d’origine così come la promozione di rapporti tra il settore della  produzione e quello del consumo in una sinergia di scambio di esperienze  e di culture economico-commerciali.
L’esperienza è stata  senza dubbio positiva e notevole successo hanno avuto la partecipazione e  l’olio della Coop. Colonia Julia Venafrana.

14.07.2015 – AFFIDAMENTO LAVORI PROGETTO ITINERARI D’ARTE E NATURA IN MOLISE
Affidati  alla M.R.L. Multiservice di Venafro, previa evidenza pubblica, i lavori  di realizzazione del Giardino degli Olivi Patriarchi e di miglioramenti  delle aree del Parco più frequentate. Il Progetto prevede anche la  realizzazione di pannelli didattici a supporto della nuova sede  dell’Ente.

MAGGIO 2015 – CONVENZIONE CON L’ASSOCIAZIONE PATRIARCHI DELLA NATURA
Sottoscritta  la convenzione con l’Associazione Patriarchi della Natura di Forlì per  la realizzazione del Giardino degli olivi patriarchi italiani, in  collaborazione anche con il Comitato per la Bellezza di Roma. L’attività  dell’Associazione consisterà preminentemente  nella ricerca degli olivi  patriarchi più significativi e a maggior rischio di estinzione d’Italia  e nella raccolta e riproduzione del materiale genetico relativo ai  primi 10 olivi plurisecolari individuati. Le strutture del giardino  verranno realizzate invece dall’Ente Parco.

26.05.2015 – LAVORI DI MANUTENZIONE DEL PARCO
Affidato  in via definitiva alla Società Lo.Gi.Ca. Verde, S.r.l., c.da Madonna  del Piano - Monteroduni, previe procedure pubbliche di rito, il servizio  di manutenzione ordinaria degli spazi pubblici ricadenti nel Parco  dell’Olivo di Venafro per il 2015.

APRILE 2015 – ISTITUITO IL PREMIO “I MIGLIORI OLIVETI DEL PARCO”
Patrocinato  dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio, il Parco ha istituito il  concorso per i migliori 10 oliveti del Parco, che premia la manutenzione  e la cura degli stessi in relazione ai terrazzamenti e agli olivi  secolari. Previsto un primo premio di 500 €, tre secondi premi da 400 €  euro e 5 terzi premi da 300 €.

29.04.2015 – CONVENZIONE TRA PARCO E CNR
Deliberato  dal Consiglio direttivo dell’Ente il testo della Convenzione con il  Consiglio Nazionale delle Ricerche – IVALSA Sesto Fiorentino, per  ricerche su “La Biodiversità storica dell’oliveto di Venafro,  l’identificazione e caratterizzazione della cultivar di olivo autoctona  “Licinia di Venafro” e le proprietà organolettiche dell’olio prodotto”.

29.04.2015 – OSSERVAZIONI SULL’INCENERITORE DI POZZILLI
Presentate  le osservazioni inerenti la domanda di Autorizzazione Integrata  Ambientale e la Autorizzazione Unica depositate il 13.07.2013 dalla  Società Herambiente Spa, per l’impianto IPPC, in appoggio alle  iniziative avviate dall’Associazione Mamme per la salute e l’Ambiente.

FEBBRAIO 2015 – RIPRISTINATO ANTICO SENTIERO
Grazie  ad un progetto dell’ARSIAM con la collaborazione dell’Ente Parco è  stato riaperto un antico camminamento a forte valenza naturalistica  nella parte alta del Campaglione.

12 GENNAIO 2015 – PARCHI DEDICATI ALL’OLIVO IN TERRASANTA - INCONTRO
Altro  grande appuntamento organizzato dall’Ente Parco, a chiusura dell’evento  VENOLEA, è l’incontro internazionale, dedicato alla realizzazione di  nuovi Parchi agricoli in Terrasanta, dall’Orto di Gesù a Gerusalemme al  luogo biblico di Efraim in Palestina. Sono intervenuti presso la Dimora  storica Del Prete – Belmonte Fr. Raed Abusahlia, Presidente dell’Olive  Branch Foundation di Taybeh-Efraim, nonché Direttore della Caritas di  Gerusalemme e il Professor Giovanni Gianfrate, responsabile dei progetti  in Terrasanta dell’Associazione Coltiviamo La Pace di Firenze. Sono  state illustrate le iniziative dell’Ente Parco, dell’Associazione  Coltiviamo la Pace di Firenze e dell’Olive Branch Foundation tese alla  realizzazione di Parchi storici olivicoli in Terra Santa ed in  particolare ad Efraim, luogo dell’olivicoltura citato a più riprese  nella Bibbia.
Particolarmente rilevante è stata la presenza di  Fr. Raed Abusahlia, personaggio di caratura internazionale,  ambasciatore di pace del conflitto israelo-palestinese, oltre che  ideatore, assieme a Gianfrate, di nuovi modelli di olivicoltura in  Palestina.


2014


27 DICEMBRE 2014 – PIANO DEL PARCO
Con  la pubblicazione di due determine sono stati affidati incarichi per il  progetto preliminare del Piano del Parco, e per la carta agronomica  sullo stato e la proprietà degli oliveti. E’ stato inoltre predisposto  l’acquisto della strumentazione GIS.

20 - 21 DICEMBRE 2014 – TERZA EDIZIONE DELL’EVENTO VENOLEA
Il  Museo archeologico Nazionale di Venafro è stata la sede principale di  VENOLEA 2014, evento che ha coinvolto 11 associazioni, 5 enti locali, 1  cooperativa, 1 istituto di riabilitazione, 40 aziende, 10 artigiani e 12  musicisti, oltre a 11 relatori e 10 giovani collaboratori.
Il  Convegno “Alberi monumentali d’Italia, frutti dimenticati e parchi  agricoli” nella sala della Venere di Venafro ha visto tra gli altri la partecipazione di Sergio Guidi (Presidente Associazione Patriarchi della  Natura in Italia), Michele Tanno (Presidente Associazione Arca Sannita), Pasquale di Lena (Presidente Onorario dell’Associazione Città  dell’Olio), ancor prima nella stessa sala è avvenuta la cerimonia per l’adesione dell’Ente Parco all’Associazione Nazionale Città dell’Olio,  alla presenza di Enrico Lupi (Presidente dell’Associazione), Antonio Balenzano (Direttore), di Emilio Pesino (Presidente del Parco), Antonio  Sorbo (Sindaco di Venafro) e Massimiliano Scarabeo (Assessore regionale  al Marketing territoriale).
Sempre nel Museo sono stati  allestiti dall’Associazione Gens Julia i banchetti didattici sulla mensa  romana, gli agrimensori e la centuriazione, l’edilizia romana, mentre  nella sala inferiore la mostra Patriarchi della Natura d’Italia in  collaborazione con Associazione Patriarchi della Natura.
La  serata è proseguita in Piazza Merola adiacente al Museo dove è stato  allestito un mercatino natalizio del gusto, con stands espositivi di  artigianato locale, degustazioni di prodotti locali con olio di Venafro e  musica.
Il 21 dicembre nel Parco Regionale dell’Olivo si è  tenuta l’interessante manifestazione “Racconti e Musiche nella  Tradizione” con le esibizioni musicali de “Il Tratturo” e di “J.N.J.”.

17 DICEMBRE 2014 - PARCO DELL’OLIVO, IL PRIMO AD ADERIRE ALL’ASSSOCIAZIONE NAZIONALE CITTA’ DELL’OLIO
Convocato  il consiglio direttivo del Parco con unico punto all’ordine del giorno,  l’adesione dell’Ente all’Associazione Nazionale Città dell’Olio.  L’adesione è stata resa possibile grazie alla recentissima modifica allo  statuto dell’Associazione, che fu pianificata già nel 2012 durante la  prima edizione di Venolea tra il Presidente dell’Associazione Enrico  Lupi e il Presidente del Parco Emilio Pesino.

17 DICEMBRE 2014  - CONFERENZA STAMPA PRESENTAZIONE VENOLEA
Alle  ore 17 presso la sede del Parco sita in via De Utris, conferenza stampa  congiunta dell’Ente Parco e dell’Assessorato al Marketing territoriale  della Regione Molise, che ha cofinanziato la manifestazione VENOLEA, con  illustrazione dei  programmi e delle prospettive dell’evento che anche  quest’anno annovera presenze di rilievo nazionale ed un variegato  susseguirsi di celebrazioni e convegni.

DICEMBRE 2014  - NUOVE AZIENDE CON IL MARCHIO DEL PARCO
Due  nuove Aziende si fregiano del Marchio di qualità per le loro attività:  sono la Dimora storica Del Prete Di Belmonte ed il Bed&Breakfast Il  Verlasce.

21 NOVEMBRE 2014 – CONSIGLIO DIRETTIVO DELL’ENTE PARCO
Ecco gli argomenti all’ordine del giorno:
1. Assestamento di bilancio esercizio finanziario 2014
2. Regolamento del Parco - approvazione
3. Regolamento concessione contributi – modifica
4. Regolamento Marchio collettivo - modifica
5. Concessione del Marchio collettivo “Terre degli Olivi di Orazio” ad azienda richiedente
6. Varie ed eventuali

21 NOVEMBRE 2014 - FESTA DELL’ALBERO
L’Ente  Parco Regionale dell’Olivo di Venafro in collaborazione con  Associazione Olea mediterranea, Rhamnus S.r.l. e la proprietà  Busico-Armieri, organizza il 21 novembre LA FESTA DELL’ALBERO 2014.
Il  Programma dell’Evento che si svolgerà presso la località “Rontorto”  presso Ponte Reale, assieme alle terze classi medie di Venafro e Sesto  Campano, è il seguente:
Ore 10,00 Saluti di benvenuto
Ore 10,15 Alla ricerca degli alberi monumentali: il Pioppo Nero in località Rontorto
Ore 10,30 L’albero cosmico: miti e leggende
Ore 10,45 Consegna alle scuole di olivi di Varietà Aurina
Ore 11,00 L’abbraccio più grande del mondo.
La  festa dell’albero per avvicinare i più giovani all’importanza della  conservazione dei grandi alberi e nel caso specifico del colossale pioppo di località Rontorto, autentico sopravvissuto.

OTTOBRE 2014 – ASSEGNAZIONE GRATUITA DI OLIVI DI VARIETA’ LICINIA
Anche  quest’anno l’Ente Parco ha provveduto all’assegnazione gratuita di  piante di olivo di varietà Aurina nel territorio del Parco Regionale  dell'Olivo di Venafro.

30 SETTEMBRE 2014 – CONSIGLIO DIRETTIVO DELL’ENTE PARCO
1. Organizzazione III edizione dell’Evento Venolea – Variazione di bilancio e procedure per l’organizzazione;
2. Determinazioni su centrale unica di committenza per forniture, appalti e gare;
3. Concessione del Marchio collettivo “Terre degli Olivi di Orazio” ad azienda richiedente;
4. Voti alla Regione Molise per integrazione articolato su parchi agricoli e storici alla Legge Regionale sulle aree protette;
5. Convenzione con il Comune di Venafro per concessione terreno ex ECA,  per attività inerenti all’archeologia e ai fruttiferi tradizionali;
6. Ratifica della Deliberazione Presidenziale n. 2 del 12 maggio 2014 - Utilizzo di personale dipendente della Comunità Montana;
7. Ratifica della Deliberazione Presidenziale n. 3 del 16 luglio 2014 -  Rinnovo contratto  Resp. finanziario con funzioni amm.ve dell'Ente;
8. Presidio turistico del Parco - convenzione;
9. Varie ed eventuali.

28 SETTEMBRE 2014 – PRESENTAZIONE DEL LIBRO SULLA LINEA GUSTAV
Evento  organizzato dall’Associazione Winterline di Venafro per la  presentazione, presso la sede del Parco, del libro guida “ La Linea Gustav, i luoghi delle battaglie da Ortona a Cassino, di Gabriele  Ronchetti e Maria Angela Ferrara. Presenti gli autori.

30 - 31 AGOSTO 2014 - DA VENAFRUM A VENAFRO
Interessante  rievocazione storica di epoca romana a cura dell’Associazione Gens  Julia e degli eventi risalenti alla II Guerra mondiale a cura dell’Associazione Winterline, organizzata nei pressi della Cattedrale e  patrocinata dall’Ente Parco.

11 AGOSTO 2014 - INTERVENTO SULL’OLIVO MILLENARIO “ELEFANTE”
Intervento  fitosanitario di potatura e di contenimento della vegetazione  circostante, per l’olivo millenario localizzato tra Venafro e Pozzilli.

AGOSTO 2014 – LAVORI DI MANUTENZIONE DEL PARCO
Affidati per un periodo di sei mesi lavori di manutenzione di sentieri, staccionate, bacheche e muri
a secco.

24 LUGLIO 2014 – PROTOCOLLO D’INTESA CON LA FILIERA AGRICOLA ITALIANA
Con  la firma del protocollo, Il Parco Regionale dell’ Olivo e la F.Agr.I.  Regione Molise si impegnano a dare il via ad un dialogo costante sui temi quali la conservazione del territorio relativo al Parco, la  riqualificazione dell’ambiente naturale, degli oliveti e del paesaggio  ed il suo sviluppo.

LUGLIO 2014 - UN MUSEO PER LA MILLENARIA OLIVICOLTURA VENAFRANA
Vogliamo  allestire un museo, dedicato alla millenaria storia dell'olivicoltura  venafrana. Esiste a Venafro un museo diffuso, fatto di oggetti antichi  spesso dimenticati, che potrebbe costituire la base su cui impostare  l'esposizione. Contatti con enti e privati sono stati avviati per la  scelta della sede. Confidiamo nella disponibilità di coloro che sono in  possesso di reperti utili all'obbiettivo, per iniziare il censimento delle risorse disponibili.

3 LUGLIO 2014 – OLIVI DI VENAFRO SUL PALCO DEL PONTEFICE IN VISITA IN MOLISE  
“Verranno ospitati sul palco della celebrazione due olivi di Venafro,  di varietà Aurina, che raccolgono la antichissima tradizione dell'olio  locale, che costituiscono un gemellaggio tra il Parco Regionale  dell'Olivo di Venafro e gli olivi della Palestina". Sono le parole di  Mons. Giancarlo Bregantini, Arcivescovo di Campobasso e Boiano, che  daranno visibilità simbolica all'olivo di Venafro gemellato con l'antica  Efraim, dinanzi al Pontefice nella sua visita in Molise sabato  prossimo. Le due piante di 5 anni, allevate dal vivaio Logica Verde di  Monteroduni, verranno ripiantate nel Parco, in uno dei prossimi eventi,  alla presenza dello stesso Bregantini.

GIUGNO 2014 - CARATTERIZZAZIONE GENETICA DEGLI OLIVI DI VENAFRO
Terminata  la prima fase di raccolta di foglie e radici per lo studio genomico di  50 olivi secolari del Parco. Raccolta anche la documentazione  fotografica sulle piante ed in particolare sulle foglie. Misurate anche  30 foglie per pianta. La mole di dati verrà esaminata dal CNR IVALSA di  Sesto Fiorentino. A novembre si passerà alla raccolta dei dati inerenti  le drupe.

GIUGNO 2014 - OSPITI ILLUSTRI AL PARCO
Tra  maggio e giugno alcune personalità rilevanti sono state ospiti del  Parco. Tra loro Antonio Cimato (CNR Firenze), Giovanni Gianfrate (Coltiviamo la Pace - Firenze), Angelo Cichelli (delegato italiano del  Consiglio Oleicolo Internazionale), Yuko Okuma, scrittrice nipponica in procinto di pubblicare un libro sull'olivicoltura mediterranea e Alain  Le Roy, Ambasciatore francese in Italia, a Venafro in questi giorni per una commemorazione. Tranne che per l'Ambasciatore in visita di cortesia,  le altre personalità hanno contatti costanti con l'Ente Parco finalizzati alla ricerca, alla tutela e alla valorizzazione degli olivi  di Venafro.

7 GIUGNO 2014 - OBBLIGO DI MANUTENZIONE E PULIZIA DEGLI OLIVETI DEL PARCO -
PESANTI SANZIONI PREVISTE PER I CONTRAVVENTORI ALLE NORME DI SALVAGUARDIA DEL PARCO REGIONALE DELL’OLIVO DI VENAFRO
Come  è noto con l’estate aumenta il rischio di fenomeni incendiari nel Parco  e nelle zone limitrofe. Al fine di salvaguardare dagli incendi gli olivi del Parco, la L.R.30/2008, istitutiva dell’area protetta, così  recita all’art.5 (Divieti e norme di salvaguardia), comma 1, lettera A,:
a)  i proprietari ed i conduttori dei fondi coltivati ad olivo ricadenti  nel Parco provvedono …ad attuare pratiche agronomiche rispettose dell'ambiente, alla manutenzione dei terrazzamenti, allo sfalcio, anche  tramite l'aratura, delle erbe alte ed al contenimento della vegetazione  al fine di prevenire gli incendi… La contravvenzione alle norme di  salvaguardia è sanzionato con multe variabili da 1.000 a 25.000 euro.
Le  stesse norme sono rappresentate dal Regolamento di Polizia rurale del  Comune di Venafro all’Art. 17 (Oliveti di vecchio impianto), comma 1:  “proprietari e i conduttori di fondi coltivati ad olivo di vecchio  impianto, sono obbligati, negli appezzamenti di proprietà, all’attuazione di pratiche agronomiche rispettose dell’ambiente, allo  sfalcio, anche tramite aratura, delle erbe alte ed al contenimento della  vegetazione al fine di prevenire gli incendi”; l’art. 23 del medesimo  regolamento sanziona gli abusi. La norma è valida anche per gli oliveti  al di fuori del Parco.
Nei primi due anni di attività dell’Ente si è  cercato di venire incontro alle esigenze degli olivicoltori con  un’attività che ha portato direttamente e indirettamente al recupero di  svariati ettari di oliveti pregiati, che sono stati rimessi a coltura  grazie anche alla nascita di una cooperativa agricola che ha associato  vari olivicoltori. Non solo, chi ha voluto, ha potuto usufruire della  manutenzione naturale operata da due allevatori di ovini che operano  nelle due aree principali del Parco.
Tuttavia, oggi occorre  intervenire compiutamente anche sanzionando coloro che non rispettano i  regolamenti citati. Infatti con il recupero colturale del territorio,  sono sempre più pressanti le lamentele di coloro che vedono messi a  repentaglio i propri appezzamenti olivicoli per la cattiva manutenzione  degli oliveti limitrofi.
L’Ente nel bilancio di previsione 2014 ha  impegnato delle somme anche per l’acquisto di strumenti, quali  telecamere da affidare al Corpo Forestale dello Stato, per la  repressione dei fenomeni malavitosi incendiari.

26 MAGGIO – 1 GIUGNO 2014 - VERSO EXPO 2015
L’importante  evento organizzato a Venafro da ANCI e Comune di Venafro a fine maggio  2014, ha visto il notevole impegno organizzativo dell’Ente Parco con  l’allestimento di un apprezzato stand, l’organizzazione della  manifestazione Pomeriggio al Parco, di tavole rotonde e visite guidate  con degustazioni. Il Parco ha anche ospitato studiosi del CNR IVALSA di  Sesto Fiorentino, per lo studio del genoma dell’Aurina.
Interessante  la manifestazione organizzata nel Parco. Sotto la regia di Francesco  Tomasso, i numerosi intervenuti hanno potuto apprezzare le qualità  dell'olio di Venafro, grazie alle erudite osservazioni degli  assaggiatori Vito La Banca, Michele Bocchino ed Ettore Celino. La poesia  dei grandi poeti, da Orazio a Giovenale, recitata da Daniele Coletta  dell'Associazione teatrale Dietro Le Quinte e accompagnate dal sassofono  di Isidoro Grasso della Jam Session school, hanno catturato  l'attenzione dei presenti. Particolarmente toccanti gli scritti di  William Gentry e Frederick Temple che hanno impresso le emozioni vissute  proprio tra gli olivi di Venafro durante l'ultima guerra mondiale. I  più piccoli hanno trovato divertimento con i cavalli gentilmente messi a  disposizione dal Centro Ippico Samarcanda di S. Agapito. Dopo gli  assaggi del pane Di Mambro con l'olio di Venafro (Coop. Colonia Julia  Venafrana, Oleificio cooperativo, Carcillo), Manuela Martone guida del  Parco ha accompagnato gli ospiti in una escursione nell'area. I costumi  tipici venafrani (“pacchiana”) riprodotti dal Parco, in occasione di  queste manifestazioni, hanno arricchito l'evento. L'Ente Parco ha  ringraziato oltre agli intervenuti, il Centro Ippico Samarcanda, il  Panificio Edmondo Di Mambro, il Bar Il Centrale e l'Oleificio Carcillo  per la collaborazione.
Una serata è stata organizzata dal Parco  presso il locale Buena Vista di Venafro di Maurizio Santilli,  concessionario del Marchio del Parco Terre degli Olivi di Orazio, dove  alla presenza di specialisti come i Prof. Antonio Cimato (CNR Firenze),  Giovanni Gianfrate (Assoc. Coltiviamo La Pace Firenze) Angelo Cichelli  (Università di Pescara), Raffaella Petruccelli (CNR Firenze), l’Arch.  Maurizio Zambardi (che a breve pubblicherà con l’Ente, un libro sulle  emergenze archeologiche del Parco), la D.ssa Nicolina Del Bianco  (Dirigente del Settore Foreste della Regione Molise) oltre al Presidente  del Parco Emilio Pesino, ai consiglieri Giuseppe Simeone e Nicola  Vettese e al Sindaco di Venafro Antonio Sorbo con l’Assessore Dario  Ottaviano, sono state affrontate problematiche inerenti la tutela dei  luoghi olivicoli storici.
26 MAGGIO 2014 - Cammina Molise. Quaranta  escursionisti toscani guidati da Paolo Discenza e Mario Del Vecchio fino  a Conca Casale, ospiti del Parco, sono rimasti affascinati dall'olio di  Venafro (Carcillo, Colonia Julia Venafrana e Oleificio cooperativo di  Venafro) e dalla sua storia

22 MAGGIO -  PROGETTO COLONIA JULIA VENAFRANA
Ammirevole  iniziativa della Cooperativa Colonia Julia Venafrana che il 22 maggio  2014 ha presentato la prima produzione di olio di oliva imbottigliata  degli oliveti del Parco e della Pianura, presso palazzo Armieri a  Venafro. Un successo per la cooperativa presieduta dall’Ing. Nicola  Ricamato e animata dal manager Giovanni Venuto che vede la  compartecipazione di 18 soci proprietari di appezzamenti olivicoli in buona parte del Parco.
14 MAGGIO 2014 – Ospiti del Parco studenti  dall'Ungheria e della Leopoldo Pilla di Venafro per il progetto  Comenius, che favorisce gli scambi culturali tra studenti di diverse  nazioni.

12 MAGGIO 2014 – SERVIZI DI GUIDA AMBIENTALE
L’Ente Parco  Regionale dell’Olivo di Venafro intende affidare il servizio di guida e  didattica storico-ambientale presso le principali testimonianze  archeologiche del territorio del Parco. In particolare, tale servizio  dovrà comprendere: l’organizzazione e la gestione di iniziative per la  divulgazione della conoscenza del territorio del Parco e delle  testimonianze archeologiche, la sensibilizzazione del pubblico dei  visitatori e l’organizzazione di laboratori didattici di archeologia  sperimentale. A tal fine l’Ente ha avviato una procedura comparativa per  l’affidamento del servizio.

28 APRILE 2014 - GENOMA, PIANO DEL PARCO E MOLTO ALTRO NEL CONSIGLIO DEL PARCO
Da un’intervista a Primo Piano Molise del 4 maggio
Dott.  Emilio Pesino, l’ultimo consiglio direttivo è stato particolarmente  importante per l’attività dell’Ente, perché sono previsti fondi per il Piano del Parco: “Il Piano è lo strumento fondamentale per il futuro del  Parco, oltre alla cartografia di rito, abbiamo programmato studi di notevole importanza, tra cui lo studio e la caratterizzazione genomica  dei patriarchi più rappresentativi assieme all’Associazione culturale “Coltiviamo la Pace” di Firenze, che coordina il progetto che impegna lo  stesso gruppo di lavoro che ha eseguito l’analoga indagine sugli olivi  dell’Orto di Gesù. Verrà tracciato il profilo genetico e quindi il DNA  di un primo gruppo di 20 piante riconosciute come “Olivi Patriarchi” del  Parco”. Il test sarà eseguito dal Prof. Testolin dell’Università di  Udine; ancora verranno effettuate misurazioni dei profili morfologici e micromorfologici delle piante, a cura Dr.ssa Petruccelli (Ivalsa – CNR –  Sesto Fiorentino). Gli studi saranno coordinati dal Prof. Antonio Cimato del CNR di Firenze, presente anche a Venolea 2013, che voglio  ringraziare per l’impegno ed anche per la proposizione di costi molto  contenuti per l’operazione”.
Perché è importante conoscere il genoma  dell’olivo di Venafro? “Questo studio ci permetterà di stabilire a quali  luoghi del Mediterraneo è associabile quest’antica pianta,  ritracciandone la storia e la sua esportazione (storicamente individuata  in Provenza), da un punto di vista scientifico”.
Il Parco sta  facendo cose straordinarie per riscoprire il valore storico di questo  territorio olivicolo, quali sono le motivazioni di fondo della delibera  dell’ultimo consiglio, con la quale è stata ratificata l’intesa con  Efraim in Israele? “Solo riscoprendo l’importanza dell’olivicoltura antica di questo territorio, è possibile trainare la commercializzazione  di nicchia dei prodotti oleari. E’ questo un punto di forza, che altre realtà non hanno. Sarebbe inutile scimmiottare manifestazioni, concorsi  che avvengono dappertutto, finalizzati esclusivamente alla ricerca della  migliore qualità dell’olio. In questo campo esclusivo, saremmo  perdenti; saremo vincenti se chi produce olio di qualità, utilizzerà il  lavoro del Parco per commercializzare i suoi prodotti; ed oggi devo  dire, già cominciano ad esserci risultati incoraggianti. In quanto ad  Efraim, abbiamo sottoscritto un gemellaggio finalizzato  all’organizzazione di eventi e progetti comuni, con il luogo più  simbolico dell’olivicoltura mediorientale, più volte citato nella  Bibbia, dopo il Getsemani e il Monte degli Ulivi a Gerusalemme”.
Avete  concesso il Marchio del Parco “Terre degli Olivi di Orazio” ad una  nuova Azienda? “Si con apposita deliberazione abbiamo concesso il Marchio di qualità, previa procedura di rito, al Bed and Breakfast  “Buena Vista” di Maurizio Santilli, che ne aveva fatto ufficiale  richiesta ultimamente”.
Quali saranno gli eventi per il prossimo  anno? Prevediamo di ripetere ovviamente Venolea, che sta assumendo  sempre di più un carattere nazionale, dedicato ai temi dell’olivicoltura  marginale e storica, oltre alla partecipazione all’evento “Verso Expo  2015”. Abbiamo deliberato inoltre, nell’ultimo consiglio, di ratificare  una convenzione con l’Associazione Gens Jvlia, per eventi dedicati a  rievocazioni storiche di epoca romana nel Parco”.
Sono previste nuove  pubblicazioni da parte dell’Ente? Si abbiamo deciso di supportare e  pubblicare gli studi dell’Arch. Maurizio Zambardi dedicati alla  zonizzazione archeologica del territorio, che saranno uno strumento  fondamentale anche per il Piano del Parco”
Per quanto riguarda la  tutela del territorio ci sono novità? “Acquisteremo telecamere che  vogliamo affidare al Corpo Forestale dello Stato per la videovigilanza.  Proseguiremo inoltre con interventi di manutenzione del territorio,  quest’anno attuata anche con l’ausilio di allevatori di ovini che  impediscono l’eccessivo sviluppo dello strato erbaceo degli oliveti.  Realizzeremo nuovi sentieri ed una nuova area picnic”.

29  MARZO 2014 - SOTTOSCRITTO A FIRENZE, PRESSO LA SEDE DELL’ASSOCIAZIONE  COLTIVIAMO LA PACE, IL PROTOCOLLO D’INTESA TRA ENTE PARCO E OLIVE BRANCH  FOUNDATION DI EFRAIM (PALESTINA)
Parco  regionale dell’Olivo di Venafro e Taybeh Efraim: un ponte tra oriente  ed occidente, tra storia, mito e moderno sviluppo dell’olivicoltura  ambientale.
Il Responsabile dell’Olive Branch Foundation di Taybeh -  Efraim in Palestina, Don Raed Abusalieh, artefice, assieme a Giovanni  Gianfrate dell’Associazione Coltiviamo la Pace, della rinascita  dell’antica olivicoltura storica di Efraim e dei territori palestinesi,  ha sottoscritto con Emilio Pesino, presidente del Parco Regionale  dell’Olivo di Venafro, l’accordo che lega le due realtà a progetti  comuni per lo sviluppo dell’olivicoltura storica. Dopo i contatti dei  mesi scorsi si è arrivati finalmente alla sottoscrizione di impegni  comuni. Consapevoli dell’importanza unica dell’inimitabile storia legata  all’olivo di Efraim e Venafro, i responsabili delle relative  organizzazioni sono convinti che queste iniziative possano rappresentare  un traino anche per la commercializzazione di nicchia dei prodotti  oleari.
Presente all’evento anche Francesco Marino, Presidente  COPAGRI Toscana, che ha già avviato diverse iniziative ad Efraim. A Don  Raed Abusalieh è stato donato un quadro, raffigurante olivi di Venafro  ed Efraim, dall’artista Sonia Genua.

27 MARZO 2014 - REVISIONE DEL SENTIERO VENAFRO - CONCA CASALE.
Con  l'avvicinarsi delle prossime escursioni attraverso la mulattiera, si è  provveduto ad una revisione dei muri a secco della parte bassa,  all'aggiornamento della segnaletica (vandali permettendo) e non poteva  mancare una piccola discarica storica, venuta fuori dopo la riapertura  del tracciato nella sua parte più alta. In programma domenica 30,  l'escursione organizzata dai Venafrani per Venafro, quella  dell'Associazione culturale La Terra, prossimamente, con escursionisti  toscani, oltre a laboratori archeologici e visite didattiche previste a  maggio e giugno.

MARZO 2014 - ANNULLATA “LA PASSIONE”
L’Ente  Parco prende atto, purtroppo, della decisione di annullare “La  Passione” nella prevista edizione del 2014. La volontà dell’Ente, che aveva deciso di supportare l’evento, ha dovuto arrendersi dinanzi a  difficoltà oggettive, non derivanti dal Parco, ma probabilmente dovute alla “ruggine” creatasi dopo 10 anni di sospensione della  manifestazione. Di comune accordo con le Associazioni storiche che hanno curato l’evento in passato e cioè il Gruppo, l’Associazione Dietro le  Quinte e l’Associazione Gens Jvlia, si è deciso di ricostruire l’evento, sempre nel solco della tradizione classica, a partire dall’edizione del  2015. Il ruolo dell’Ente nella storica manifestazione sarà quello di patrocinare l’evento, cosa d’altra parte già garantita quest’anno, e di  affiancare “La Passione” alle straordinarie iniziative culturali avviate in Terrasanta.
Con l’augurio che la bellissima “Passione “ di  Venafro diventi, dal prossimo anno, un appuntamento costante delle  iniziative culturali di questa città.

MARZO 2014 - 500 PECORE SUL CAMPAGLIONE PER MANTENERE GLI OLIVETI PULITI
L'Ente  Parco Regionale dell'Olivo ha compiuto in questi mesi un'incessante  azione per favorire il pascolo di ovini tra gli oliveti, una tipologia  di manutenzione a costi zero per i proprietari, compatibile con  l'ambiente olivicolo e con i terrazzamenti. Ovviamente l'ultima parola  spetta ai proprietari che liberamente possono contrarre o meno accordi  con gli allevatori. Sono già due gli allevatori impegnati nelle due  parti olivetate del Parco. L'iniziativa rappresenta anche un'ulteriore  azione contro il pascolo bovino, al contrario di quello ovino distruttivo per gli olivi e per i muri in pietra. Nonostante il nuovo  regolamento che vieta il pascolo bovino tra gli oliveti, alcuni furbi  fanno stazionare le mucche in montagna di giorno, per poi scendere di  notte nelle parti alte del Campaglione. Si spera che i controlli del  Corpo Forestale dello Stato, già attivati con successo, debellino  definitivamente il fenomeno, anche in considerazione che le mandrie di  mucche stazionano troppo spesso in aree percorse da incendi, in barba  alle leggi esistenti. Per l'Ente Parco il fenomeno degli incendi  boschivi sulle nostre montagne è strettamente legato alla presenza dei  bovini.

5 MARZO 2014 - MARCHIO DI QUALITA' DEL PARCO CONCESSO A DUE AZIENDE
Con  le Deliberazioni di Consiglio direttivo n. 5 del 3.2.2014 e n. 8 del  14.2.2014, è stato concesso l'uso del marchio collettivo di qualità a due aziende, rispettivamente alla LO.GI.CA. Verde di Monteroduni e alla  Cooperativa Colonia Julia Venafrana. L'Azienda vivaistica LO.GI.CA Verde, che già usualmente rifornisce il Parco di piante di Aurina  certificate, ha ottenuto il marchio, previa l'istruttoria prevista dall'organismo di controllo, proprio per la produzione di queste piante  autoctone che stanno avendo sempre più diffusione nell'area parco. Ma  risultano commesse all'Azienda anche per altre aree regionali.
La  cooperativa Colonia Julia Venafrana ha chiesto ed ottenuto il Marchio  per la produzione di olio extravergine di oliva. Anche in questo caso i  severi controlli operati dal Parco hanno trovato rispondenza tra la  produzione effettuata, il disciplinare di produzione e il quantitativo  massimo di olio ottenibile dagli ettari di oliveto dichiarati  dall'Azienda.

28 GENNAIO 2014 – ARMY IN CAMPaglione
L'Associazione  Winterline con la collaborazione dell'Ente parco Regionale dell'Olivo  di Venafro, organizza ARMY in CAMPaglione, una ricostruzione storica  degli accampamenti, con la narrazione dei fatti che coinvolsero Venafro  nella Seconda Guerra Mondiale. La giornata, prevista in un primo momento  durante VENOLEA 2013, è stata spostata a martedì 28 gennaio. Rivivono i  momenti della Seconda Guerra Mondiale nel Parco Regionale dell'Olivo,  grazie alla ricostruzione storica operata dal Club Vojebske Historie  Usti Nad Labem della Repubblica Ceca e dall'Associazione Winterline di  Venafro. Un altro evento di qualità per commemorare i tragici momenti e  le vittime di quel periodo storico da non dimenticare.


2013


20 DICEMBRE 2013 – ASSEGNATE 180 PIANTE DI OLIVO
Agli  olivicoltori che hanno risposto all’avviso pubblico dell’Ente, sono  state  assegnate 180 nuove piante di Aurina, che arricchiranno il patrimonio genetico del Parco. Le piante tutte certificate, sono  prodotte dal vivaio LO.GI.CA. Verde di Monteroduni che ha una specifica convenzione con l’Ente.

1 DICEMBRE 2013 – VENOLEA 2013 - SERATA A 5 STELLE CON GLI OLI VENAFRANI
Ultimo  giorno di Venolea con una serata conviviale dedicata agli oli di  Venafro: Carcillo, Riccitiello, Coop. Colonia Julia Venafrana e Agricola Siravo. La manifestazione storica rievocativa prevista in mattinata nel  Parco, in collaborazione con l’Associazione Winterline, è stata spostata a data da stabilire, a causa del maltempo.

30 NOVEMBRE 2013 – VENOLEA 2013 - VIE DEL GUSTO NEL CENTRO STORICO
Dalle  18.30 "Le Vie del Gusto": 2 antipasti e 1 vino al caldo di Palazzo De  Utris; 2 primi e 1 vino tra le mura della Sala della Congrega; 1 secondo  + 1 contorno e 1 vino nelle sale di Dimora Del Prete; 1 dolce e 1 vino  al Pourquoi. Dopo l’analoga iniziativa di giugno scorso, il Parco amplia  la manifestazione coinvolgendo palazzi e dimore storiche.

30 NOVEMBRE 2013 - VENOLEA 2013 - RIUSCITISSIMO IL CONVEGNO AL CASTELLO PANDONE
Una  affollata sala ha seguito attentamente le relazioni di uno dei maggiori  convegni dedicati all’olivicoltura storica degli ultimi anni. E ciò grazie alla presenza di ospiti di eccezione, primo fra tutti Antonio  Cimato del CNR Ivalsa Firenze, uno dei maggiori esperti del settore a livello internazionale, la cui attività spazia dalla caratterizzazione e  la tutela degli ecosistemi a rischio di estinzione, allo sviluppo di metodiche innovative per la tracciabilità dell’olio di oliva. Presenti,  inoltre il Presidente dell’Associazione Città dell’Olio Enrico Lupi che  ha illustrato l’iniziativa in corso per il riconoscimento UNESCO del  paesaggio mediterraneo, per la quale il Comune di Venafro e l’Ente Parco hanno inviato specifica documentazione nel recente passato. Lupi ha  annunciato anche una variazione dello statuto dell’Associazione, che permetterà anche ai parchi di poter associarsi.
Il Prof. Antonio  Cichelli, ordinario di merceologia e delegato italiano nel Consiglio  Olivicolo Internazionale (COI), ha disquisito sulle proprietà  organolettiche e chimiche dell’olio, in funzione della  commercializzazione.
Il Prof. Giovanni Gianfrate, responsabile dei  progetti di cooperazione in Terrasanta dell’Associazione Coltiviamo la  Pace di Firenze, ha introdotto il tema del convegno, affermando tra  l’altro, la vicinanza culturale di due luoghi distanti del mediterraneo,  quali il villaggio biblico di Taybeh – Efraim in Palestina, il luogo  più importante dal punto di vista olivicolo storico del Mediterraneo  orientale, assieme al Getsemani, e Venafro, il luogo più importante  dell’olivicoltura storica nel Mediterraneo Occidentale. E proprio in  questo contesto il Presidente del Parco Emilio Pesino, nei prossimi mesi  sottoscriverà un accordo per il gemellaggio tra Venafro e Taybeh –  Efraim con il segretario generale della Caritas di Gerusalemme, Don Raed  Abusahlia, finalizzato a scambi culturali ed iniziative comuni.
La  Professoressa Erminia Zampano, presidente dell’Associazione Coltiviamo  la Pace, ha illustrato le molteplici iniziative dell’Associazione in  Medio oriente, tra le quali la realizzazione di un frantoio industriale  che ha qualificato la produzione olearia locale.
Il Prof. Ferdinando  Alterio ha espresso concetti di alto profilo sulle peculiarità storiche  di Venafro in funzione della simbologia che l’olivo rappresenta per  l’identità del territorio.
Antonio Cimato ha svelato con dovizia di  particolari la risposta al quesito simbolo del convegno: Hanno 2000 anni  gli olivi della passione di Cristo? Lo studioso infatti, ha realizzato  assieme ad Angelo Cichelli ed altri studiosi di alcune università  italiane, lo studio sulla datazione e la caratterizzazione genetica  degli olivi del Getsemani a Gerusalemme. Gli olivi risalgono all’epoca  crociata, hanno quindi un migliaio di anni, ma essendo stati deturpati e  tagliati in epoca antica, le radici potrebbero avere una datazione  molto più antica, in accordo con gli studi sul profilo genetico.

25 NOVEMBRE – NUOVA AREA PICNIC
Completata la nuova area picnic del Parco presso “Madonna della Libera”.

19 NOVEMBRE 2013 - ASSEGNAZIONE GRATUITA DI PIANTE DI OLIVO AUTOCTONO, VARIETA' AURINA
Anche  quest'anno l'Ente Parco assegna gratuitamente piante di olivo  certificate, di varietà Aurina, ai proprietari di oliveti ricadenti nel Parco. Chi fosse interessato può visionare l'avviso pubblico sul sito  web dell'Ente www.parcodellolivodivenafro.eu.

7  NOVEMBRE 2013 – AVVIATA LA REALIZZAZIONE DI UNA RETE MEDITERRANEA PER  TUTELARE LE IDENTITA’ CHE RAPPRESENTANO L’OLIVICOLTURA STORICA
Nell’ambito  del viaggio organizzato in Israele – Palestina dall’Associazione  Coltiviamo la Pace di Firenze e che ha visto la partecipazione dell’Ente  Parco, non poteva mancare la visita all’antico villaggio biblico di  Efraim, teatro di un validissimo esempio di cooperazione. In questo  luogo, dove sono stati ritrovati frantoi ipogei, l’olivicoltura risale  all'VIII secolo avanti Cristo e i suoi olivi sono stati citati dal profeta Osea. A Taybeh, l’Associazione guidata dal Prof. Giovanni  Gianfrate, ha realizzato un frantoio industriale ed altre strutture, in collaborazione con l'arcidiocesi di Firenze. Grazie all’intraprendenza  di Don Raed Abusahlia, segretario generale della Caritas di Gerusalemme,  è stata resa possibile la produzione di un prodotto di qualità,  esportato anche in Francia e Austria. L’Ente Parco e l’Associazione  Coltiviamo la Pace hanno così avviato la realizzazione di una rete di  collaborazioni e gemellaggi tra i luoghi storici dell’olivicoltura  mediterranea, tra i quali il Getsemani, finalizzata alla conservazione,  alla valorizzazione e all’attuazione di progetti comuni. Taybeh – Efraim  rappresenta il primo passo in questa direzione.
Gli incontri avuti  dall’Ente Parco presso gli istituti di cultura italiana di Tel Aviv ed  Haifa, hanno permesso di programmare ulteriori contatti ed iniziative  con le realtà olivicole di un’area che assieme alla Siria, rappresenta  l’inizio dell’olivicoltura mediterranea, mentre Venafro rappresenta  l’inizio della commercializzazione nel mondo antico, grazie a Catone.

23 OTTOBRE 2013 - GLI OLIVI DEL GETSEMANI E VENAFRO
ISRAELE: CONVEGNI E GEMELLAGGI DELL’ENTE PARCO REGIONALE DELL’OLIVO DI VENAFRO
L’Ente  Parco, grazie al sodalizio culturale avviato con l’Associazione  Coltiviamo la Pace di Firenze, sarà ospite di una serie di eventi culturali in Israele, dal 26 ottobre al 2 novembre p.v.
L’iniziativa  è stata fortemente voluta dall’Associazione Coltiviamo la pace ed in  particolare dal Prof. Giovanni Gianfrate, responsabile dei progetti in  Terrasanta e promotore dell’affascinante studio sulla datazione degli  Olivi del Getsemani a Gerusalemme.
Il gruppo di studio del Progetto  Getsemani, composto anche dai Professori Antonio Cimato (illustre  luminare dell’olivicoltura mediterranea) e Giuseppe Iannì del CNR Ivalsa  Firenze, sarà presente assieme al Presidente dell’Associazione  nazionale Città dell’Olio, Enrico Lupi, il 30 novembre a Venafro, in  occasione dell’evento VENOLEA 2013.
In Israele, il Parco sarà  interessato da una proposta di gemellaggio con il villaggio di  Taybeh/Efraim, altro luogo storico dell’olivicoltura, e da un convegno  sull’Olivo e l’olio nella Cultura italiana, il 30 ottobre ad Haifa, che  al momento è così organizzato:

9 OTTOBRE 2013 - DALLE MUCCHE... ALLE PECORE
Uno  dei fenomeni di degrado più importanti degli antichi terrazzamenti  olivicoli del territorio è stato, nel corso degli ultimi anni, il  pascolo abusivo di mandrie di bovini che hanno imperversato con  conseguente danneggiamento delle piante e dei terrazzamenti. L’Ente  vuole favorire il riorientamento del pascolo tra gli oliveti, favorendo  quello ovino. Greggi di pecore, nelle giuste proporzioni di capi per  ettaro, potranno contribuire alla manutenzione degli oliveti, grazie ad  accordi con allevatori in corso e all'acquisto di animali, che il Parco promuoverà con il prossimo bilancio di previsione 2014. Il tutto a  favore degli olivicoltori che richiederanno il servizio, nell'ottica di  un deciso risparmio nella manutenzione del proprio oliveto.
In  quest'ottica assume notevole importanza la Deliberazione dell'ultima  assise comunale che all'unanimità ha approvato le modifiche concordate  tra Parco e Amministrazione comunale, al regolamento di Polizia rurale,  che prevede ora precise norme per sanzionare il pascolo abusivo bovino.

28 SETTEMBRE 2013 - L'OLIVO DI VENAFRO, TRA I PATRIARCHI ARBOREI ITALIANI PIU' RAPPRESENTATIVI
Inaugurato,  ieri 27 settembre, a Villa dei Quintili sull'Appia Antica a Roma, il  Giardino dei Patriarchi dell’Unità d’Italia, dove sono state messe a  dimora le talee derivate dagli alberi monumentali più significativi del  territorio italiano. Venti Patriarchi, uno per regione o provincia  autonoma.
Il progetto è stato reso possibile grazie alla  collaborazione fra la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di  Roma, l’Arpa Emilia-Romagna, il Ministero dell’Ambiente e della Tutela  del Territorio e del Mare, l’Ispra, il Comitato per la Bellezza, con il  patrocinio della Regione Emilia-Romagna. Il progetto ha ricevuto  l’adesione del Presidente della Repubblica.
Tra i venti patriarchi  prescelti figura anche un olivo millenario di Venafro che rappresenterà  nella splendida cornice di Villa dei Quintili sull’Appia antica, la  millenaria olivicoltura venafrana. E’ stato questo il brillante esito  delle iniziative di Sergio Guidi, Presidente dell’Associazione  Patriarchi d’Italia e di Mario Stasi, già consigliere dell’Ente Parco  Regionale dell’Olivo di Venafro.
La pianta derivata dall’olivo di  Venafro prescelto, situato nei pressi del cimitero, affiancherà tra gli  altri, il pero Brusson, il più grande e vecchio della Val d’Aosta, il  cotogno antico di Faenza, in Emilia-Romagna, il corniolo di Montieri in  Toscana, l'olivo di Campofilone, fra i più longevi delle Marche, il noce  di Poggiodomo, a Perugia in Umbria, il fico Reginella di Bucchianico,  antica varietà locale dell'Abruzzo, la vite plurisecolare di Taurasi, in  Campania, l'olivo millenario di Ferrandina, il più antico della  Basilicata, la vite Mantonico di Bianco, da un vitigno risalente  all’epoca della Magna Grecia, l'olivo Luras di 3800 anni, il più antico  d’Europa, con 13 metri di circonferenza.

26 SETTEMBRE2013 - CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 25 SETTEMBRE 2013
Si  è riunito ieri il consiglio direttivo, fresco delle nuove nomine  (Ernesto Cardarelli, Giuseppe Simeone, Nicola Vettese), convocato dal Presidente Emilio Pesino. Consiglio fattivo e utile per affinare le  prossime strategie volte alla tutela e alla valorizzazione del Parco.  Tutti approvati all'unanimità gli argomenti all'ordine del giorno:
-  Marchio collettivo di qualità del Parco: individuazione del contributo  annuale per le aziende aderenti e avvio per il reperimento di un tecnico  per i controlli sulle produzioni olearie;
- Rinnovo dei contratti  vigenti per il Responsabile amministrativo e di quello contabile, in  virtù della rinuncia di questi ultimi al 50% delle indennità e delle  urgenze amministrative imminenti;
- Avvio delle procedure per la gara per il servizio di Tesoreria dell'Ente, essendo scaduta l'attuale convenzione;
-  Variazione di Bilancio - necessaria per il reperimento dei fondi per  l'evento Venolea 2013 e per alcuni lavori quali il rifacimento delle aree picnic;
- Delibera a favore della persistenza delle classi del  liceo classico nel complesso conventuale del Carmine, luogo storico  della cultura venafrana e porta d'ingresso del Parco Regionale  dell'Olivo di Venafro.

24 SETTEMBRE - ARTE E NATURA NEL MOLISE
“Itinerari  d’Arte e Natura nel Molise”, un progetto finalizzato all’integrazione  turistica dei siti archeologici e naturalistici del Molise, che si affianca alle altre iniziative dell’Ente Parco.
Il Parco esprime  appezzamento per la rettifica odierna della Deliberazione di Giunta  Regionale con la quale l’Ente Parco è stato individuato tra i  beneficiari di finanziamenti per la realizzazione della rete turistica  regionale, comprensiva dei luoghi più rappresentativi della Regione.  L’Assessore al Marketing territoriale Massimiliano Scarabeo ha  provveduto a far inserire nella rete anche il Parco, sfuggito per un  disguido alla prima formulazione del progetto “Itinerari d’Arte e Natura  nel Molise” .E’ questo un altro tassello nella programmazione prossima  dell’Ente, il cui consiglio direttivo è fortemente impegnato per dare  luce finalmente diversa al territorio di Venafro.

8 SETTEMBRE 2013 - ESTATE VENAFRANA - ESCURSIONE NEL PARCO REGIONALE DELL'OLIVO DI VENAFRO
Nell’ambito  dll’estate venafrana, l’Ente ha organizzato un’escursione che  dall’Annunziata, attraverso “la Portella”, ha raggiunto le mura ciclopiche.

7 LUGLIO 2013 - PRESENTAZIONE PROGETTO INTEGRAZIONE DISABILI ENTE PARCO - CARSIC
Il  progetto prevede la realizzazione di manufatti artigianali da parte dei  ragazzi del Carsic ed aree attrezzate per le persone con diversa abilità nel Parco regionale. Oggi 7 luglio, in una riuscita  manifestazione sono stati presentati nel primo spazio realizzato dal  Carsic nel Parco, i primi oggetti realizzati. Seguirà nei prossimi mesi,  la realizzazione di percorsi idonei ai disabili. Il Parco esprime un  ringraziamento a tutti gli operatori del Carsic, coordinati da Evenzio  Fanti e alla D.ssa Gina Martino proprietaria degli oliveti dove è stata  realizzata l'area. La giornata si è conclusa con la visita al limitrofo  complesso di mura poligonali recentemente reso fruibile dall'Ente Parco.

27 GIUGNO 2013 – PREMIAZIONE DEGLI OLI MONOVARIETALI DEL MOLISE
Riuscitissimo  l’evento organizzato in Piazza Annunziata a Venafro dall’Union Camere  Molise e dalle Camere di Commercio, con il supporto dell’Ente Parco  Regionale dell’Olivo di Venafro, per la premiazione degli oli  monovarietali molisani. La manifestazione ideata da Mario Stasi e giunta  alla IV edizione, si afferma come uno degli appuntamenti più importanti  del settore, che mette nella giusta luce l’alta qualità dei prodotti in  concorso.
Quest’anno la manifestazione si è tenuta presso il Palazzo  della Congrega e nella splendida cornice di Piazza Annunziata nel  centro storico di Venafro. Questa ha previsto un convegno, la  premiazione degli oli, la degustazione guidata di oli e vini molisani e  ancora visite guidate alla chiesa dell’Annunziata e al Museo Winterline,  grazie alla disponibilità dell’Associazione Nazionale Carabinieri in  congedo, convenzionata con l’Ente Parco.

18 GIUGNO 2013 - LIFE 2013 - CANDIDATURA DEL PARCO PER UN PROGETTO INTERNAZIONALE SULLA PREVENZIONE DEGLI INCENDI BOSCHIVI
Il  progetto, per la cui adesione ha spinto l’Assessore regionale Scarabeo,  prevede l'utilizzo di una rete di sensori opportunamente piazzata in  grado di rivelare in tempo reale l'aumento locale di temperatura, la  variazione di umidità del suolo, nonché la variazione della concentrazione di CO2 nell’aria, fornendo rapidamente una mappatura  della dislocazione dell'incendio. Tutte le informazioni raccolte, sotto  forma di dati grezzi o di dati già parzialmente elaborati a bordo dei  nodi sensori, possono essere facilmente inviate a una centrale operativa  territoriale, al fine di predisporre le azioni di emergenza per  circoscrivere le fiamme.
coIl consorzio che sta candidando il  progetto, a valere sul programma “Life”, sarà composto da una serie di  enti tra cui la Regione Molise che ha individuato come sito pilota il  Parco Regionale dell’Olivo di Venafro, da altri Parchi Nazionali del sud  Europa, dal CNR, da alcuni partners tecnologici e da un centro di  ricerca ambientale che porterà supporto scientifico al partenariato.

15 GIUGNO 2013 - APPROVATO DAL CONSIGLIO DIRETTIVO DELL’ENTE IL MARCHIO DI QUALITA’ PER I PRODOTTI DEL TERRITORIO DEL PARCO.
Il  Marchio collettivo di qualità, che verrà registrato a breve presso la  Camera di Commercio, sarà concesso alle imprese agricole, agroalimentari, vivaistiche, della ricettività e della ristorazione, che  ne faranno richiesta. Condizione è l’adesione ai disciplinari ed al regolamento approvati dall’Ente Parco. Un passo importante per la  valorizzazione dei prodotti locali, in particolare del celeberrimo olio  di Venafro che potrà avvalersi così, del Marchio denominato “Terre degli  Olivi di Orazio”, disegnato e offerto al Parco da Sonia Genua.

6  GIUGNO 2013 - CONVOCAZIONE ASSEMBLEA DEI PROPRIETARI TERRIERI DELL’AREA  DEL PARCO REGIONALE DELL’OLIVO DI VENAFRO E DI QUELLE LIMITROFE
Dando  seguito alle iniziative volte alla promozione dell’olivicoltura  venafrana e all’individuazione di forme di mercato idonee, l’Ente Parco, sollecitato da un gruppo di proprietari terrieri, convoca un’assemblea  per mercoledì 12 giugno, che si terrà presso la “Dimora Del Prete” a Venafro (via Cristo, 49) alle ore 18.00.
L’Assemblea è aperta a tutti  i proprietari terrieri dell’area del Parco Regionale dell’Olivo di  Venafro e della pianura che vogliano finalmente investire sul binomio  qualità – storia dell’olio di Venafro. Non può esserci valorizzazione e  promozione di un prodotto, quale l’olio di Venafro, senza iniziative che  partano dai produttori e che vengano supportate dalle amministrazioni  pubbliche.
Nella riunione verranno illustrate le iniziative dell’Ente  riguardo il Marchio di qualità del Parco e quelle concordate con la  Regione Molise per favorire l’accesso ai finanziamenti di settore.
Verrà  inoltre presentato il progetto esecutivo presentato dal Dr. Giovanni  Venuto per lo sviluppo di una filiera dell’olio extravergine di oliva con marchio registrato.
La riunione sarà utile anche per raccogliere  adesioni a questo progetto, che finalmente potrebbe schiudere quel velo  di disinteresse e diffidenza che spesso ha frenato iniziative simili.

24 MAGGIO 2013 – CONSIGLIO DIRETTIVO DELL’ENTE PARCO
Si è svolto il Consiglio direttivo dell’Ente, alle ore 17.00 presso la sede di via De Utris.
Tutti approvati gli argomenti all’ordine del giorno, che saranno a breve consultabili sul sito istituzionale del Parco:
-  Ratifica Deliberazione Presidenziale n. 1 del 22 marzo 2013  – Utilizzo  di personale dipendente della Comunità Montana del Volturno
- Conto consuntivo 2012
- Piano del Parco – indirizzi
- Lavori di manutenzione – variazione di bilancio

24 MAGGIO 2013 – INIZIATO L’ITER DEL PIANO DEL PARCO
Con  la Delibera di Consiglio Direttivo n. 5/2013 è stato avviato il  complesso iter per la predisposizione del Piano del Parco. Ecco l’iter  previsto per legge:
• deliberazione dei criteri per la redazione del Piano;
•  predisposizione della proposta di Piano da effettuare, con il  coinvolgimento del Servizio regionale competente, in coerenza con la  pianificazione paesistica);
• acquisizione del parere degli enti locali territorialmente interessati;
• verifica di assoggettabilità a V.A.S.;
• V.A.S. (Rapporto Ambientale e Sintesi Non Tecnica - Valutazione di Incidenza per l’area S.I.C.);
• consultazione pubblica (Contestualmente alla comunicazione,  all’Autorità competente, della proposta di Piano, del Rapporto  Ambientale e della Sintesi non Tecnica occorre provvedere al deposito di  tutta la documentazione cartacea ed alla pubblicazione su web, per 60  giorni, durante i quali chiunque può prenderne visione, estrarne copia e  presentare osservazioni scritte);
• valutazione (con parere  motivato entro 90 giorni dalla pubblicazione) del Rapporto Ambientale e  degli esiti delle consultazioni con eventuali proposte di modifiche al  Piano;
• adozione del Piano con contestuale parere sulle osservazioni;
•  approvazione del Piano da parte del Consiglio Regionale, su proposta  della Giunta, e pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione.

14 MAGGIO 2013 - RECUPERO DELLA STORIA E DELLA CULTURA DEI NOSTRI LUOGHI
Intensa  l'attività in tal senso dell'Ente Parco Regionale dell'Olivo di  Venafro, che si farà interprete nei prossimi mesi dell'esigenza di approvare una legge per la tutela del paesaggio agrario molisano.  Terminati i lavori per la riapertura del secondo tratto della Mulattiera Venafro – Conca Casale.

APRILE 2013 – IN CORSO I LAVORI DI RECUPERO DELLE MURA CICLOPICHE
In  via di ultimazione i lavori di asportazione della vegetazione che ha  permesso il recupero di interessanti tratti delle Mura poligonali in località Madonna della Libera.

5 APRILE 2013 - AFFIDATI ALLA COOPERATIVA SOCIALE M.R.L. I SERVIZI DEL PARCO
Grazie  agli accordi assunti con Confcooperative Molise, il Parco ha affidato  servizi di manutenzione, promozione, organizzazione eventi e di  fruizione turistica alla Coperativa Sociale di tipo B, M.R.L.  Multiservice Società Cooperativa Onlus. Le disposizioni legislative  vigenti consentono l'affidamento diretto di servizi a questo tipo di  cooperativa; l'Ente ha il vantaggio di sgravarsi delle incombenze amministrative relative alle prestazioni affidate. La convenzione  terminerà il 31 dicembre 2013 e potrà essere rinnovata solo se i  risultati gestionali dei servizi affidati saranno ottimali. Vale la pena  di sottolineare come i ragazzi di questa cooperativa abbiano scommesso  su un futuro legato all'ambiente, assieme al Parco, nonostante le  difficoltà economiche dell'Ente. Basti pensare che la Regione Molise non  ha ancora trasferito al Parco il contributo 2012 (50.000 €...).

MARZO 2013 – NUOVA CONVENZIONE CON l’ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI  DI VENAFRO
Stipulata  una convenzione con l’ANC di Venafro, finalizzata alla sorveglianza  ambientale e alla fruizione turistica del territorio e del centro  storico di Venafro. Particolare attenzione verrà data al pascolo abusivo  dei bovini che dovrà essere limitato fortemente, visti gli ingenti  danni creati alle colture di olivo.

MARZO 2013 – AL VIA L’AFFIDAMENTO PER IL RIPRISTINO DEL TRATTO MEDIO DELLA MULATTIERA VENAFRO CONCA CASALE
Verrà  ripristinato un altro tratto della storica mulattiera grazie  all’affidamento ad una delle imprese che hanno risposto in passato al bando per la creazione di un apposito elenco per i lavori agricoli e  ambientali.

MARZO 2013 - ALTRE 150 PIANTE DI OLIVI AUTOCTONI NEL PARCO
Grazie  ad una specifica convenzione in corso con la Società vivaistica  LO.GI.CA Verde di Monteroduni, saranno disponibili a breve per ulteriori  impianti 170 piante di "aurina", che il Parco cederà gratuitamente a  chi ne farà richiesta.

FEBBRAIO – MARZO 2013 – INIZIATIVE  A FAVORE DELL’OLIVICOLTURA AMBIENTALE
Proseguono  le iniziative dell’Ente per l’olivicoltura marginale. Compiuto uno  studio propedeutico alla creazione del marchio di qualità del Parco,  strumento fondamentale per la promozione del territorio, dei suoi  prodotti e dei suoi servizi. Si sta provvedendo all’affidamento dello  studio dei disciplinari, ultima fase prima della registrazione del  marchio.

10 FEBBRAIO 2013 –  Incontro presso l’Ente Parco tra il Consiglio direttivo dell’Ente, il  Consorzio di Bonifica della Piana di Venafro e Confcooperative, sulle  sinergie da adottare sul progetto avviato sull’olivicoltura.

8 FEBBRAIO 2013 – CONVOCATO IL CONSIGLIO DIRETTIVO DELL’ENTE PARCO
Si svolgerà venerdì 8 febbraio alle ore 18 presso la sede dell’Ente, il primo consiglio direttivo del 2013.
Due  gli argomenti all’ordine del giorno: Ratifica della deliberazione  presidenziale n. 6  del 30.11.2012 (Verifica equilibri di bilancio e ricognizione attuazione dei programmi - Variazione al bilancio di  Previsione 2012) e il Bilancio di previsione 2013. Verrà definito,  inoltre, il programma dell’Ente per il 2013.

GENNAIO 2013 - CALENDARIO PIERALISI - Il calendario 2013 della “Pieralisi”, storica azienda marchigiana che  produce macchine per frantoi, è stato dedicato al Molise e ai suoi  oliveti. In prima pagina spicca una foto del Parco Regionale dell’Olivo  di Venafro.

26 GENNAIO 2013 – BAGNOLIO 2013
L’Ente  Parco regionale dell’Olivo di Venafro patrocina Bagnolio 2013, mostra –  degustazione dell’olio molisano organizzata da Cenacolo Culturale del  Calice Rosso, Domus Medica, Chiave della salute, in collaborazione con  l’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali del Molise. L’evento si terrà a  Bagnoli del Trigno il 26 gennaio prossimo. Programmato tra gli altri,  l’intervento di Mario Stasi, (consigliere del Parco) sull’olivicoltura  ambientale.

20 GENNAIO 2013 – PROSPETTIVE DELL’ENTE PARCO NEL 2013
Iscritti  sul bilancio di previsione regionale 2013, 75.000 € per la gestione del  Parco. Il contributo è la metà di quello previsto dalla Legge regionale  ed è ovviamente insufficiente per la gestione di un qualsivoglia Ente.  Già nel 2012 il Parco è andato avanti, grazie all’abbattimento dell’80%  delle spese e dei compensi dovuti per legge al Consiglio direttivo, al  Responsabile amministrativo e al Responsabile finanziario. Tale  comportamento degli organi dell’Ente, che non trova riscontro in altri  enti del Molise e non solo, si contrappone all’inefficienza  amministrativa di alcuni tecnici della Regione, che ha causato a  tutt’oggi, il mancato accredito dei fondi stanziati (50.000 €) nel 2012.
Pur  ritenendo comunque positivo l’emendamento che ha portato al  finanziamento, seppur dimezzato, dell’Ente, ci si auspica che la prossima giunta regionale dimostri di perseguire una convinta politica  sui parchi nel Molise. Esempi positivi sono quelli del vicino Abruzzo, ma anche della Campania, regioni nelle quali sono state istituite  numerose aree protette, che sono occasione di lavoro per numerose cooperative di giovani.
Negli obbiettivi dell’Ente per il 2013 ci  sono la finalizzazione del Progetto in corso sull’olivicoltura,  sviluppato assieme a Confcooperative Molise con la collaborazione  dell’ARSIAM, il completamento della sentieristica con una nuova area di  accoglienza, i progetti di integrazione per i disabili già avviati con  l’Istituto CARSIC, manifestazioni come VENOLEA 2013 e la  compartecipazione a progetti europei con istituti nazionali come  l’ISPRA. Non mancheranno progetti naturalistici, attività di  manutenzione del territorio e soprattutto l’affidamento ad una  cooperativa di alcuni servizi, come quello turistico.
Sotto il  profilo della vigilanza, appaiono problematiche le questioni legate al  pascolo bovino abusivo e al bracconaggio, stante le ultime uccisioni di  caprioli (ma anche di capretti!) di squadracce operanti tra Venafro e  Conca Casale. Verranno stipulate nuove convenzioni, confidando tuttavia  nel sempre prezioso ruolo del Corpo Forestale dello Stato che opera  tenacemente nell’area per la sua tutela.


2012


12  DICEMBRE 2012 – DEFINITO IL PROGRAMMA DI VENOLEA 2012, L’EVENTO  ORGANIZZATO DAL PARCO IN COLLABORAZIONE CON SLOW FOOD ALTO MOLISE
La  presentazione del libro patrocinato dall’Ente Parco dell’Olivo di  Venafro,“L’olivo di Venafro – Viaggio nel cuore olivicolo del Mediterraneo” di Ferdinando Alterio, è prevista per il 27 gennaio alle  ore 17,30 presso Castello Pandone.
il 28 gennaio alle ore 11.00,  presso la Sala di Vicolo della Vergine (Piazza dell’Annunziata), ci sarà  il convegno dal titolo “Valorizzazione del territorio attraverso lo  sviluppo delle filiere agroalimentari e delle tipicità locali. Il ruolo  dell’Ente Parco Regionale dell’Olivo”.
La Rassegna di produttori di  olio e di prodotti agroalimentari  è fissata per il 29 gennaio, dalle  ore 10.00 alle ore 22.00, presso Palazzo De Utris nel centro storico di  Venafro, dove verranno allestiti laboratori del gusto, con degustazioni  guidate.
Dalle ore 18,00 alle ore 20,00 sarà aperto al pubblico il  Museo Winterline, mentre nei tre giorni ci sarà la possibilità di  effettuare visite guidate al Parco.

21 DICEMBRE 2012 – PROGETTO SPERIMENTALE DALL’OLIVETO ALLA TAVOLA, DESIGNATO IL RAPPRESENTANTE DELL’ENTE
Dopo  le raccolte finalizzate alla definizione degli standard qualitativi  dell’olio del Parco, l’Ente ha designato il dr. Mario Stasi, consigliere dello stesso, per la redazione del progetto esecutivo in collaborazione  con Confcooperative. L’incarico non prevede alcuna retribuzione economica.

13 DICEMBRE 2012 - SEMINARIO PREVISTO DAL PROGETTO FA.RE.NA.IT. PRESSO LA REGIONE MOLISE
Tenutosi  presso l’Assessorato regionale all’Agricoltura il seminario dedicato al  progetto di comunicazione cofinanziato dall’U.E. e che vede, tra gli  altr,i coinvolti il CTS e l’ISPRA. Il fine è quello di promuovere le  possibilità offerte dalla gestione delle aree SIC (Rete Natura 2000  dell’U.E.) nel mondo agricolo e rurale, contestualmente alle misure  finanziabili dal P.S.R. (Piano di Sviluppo Rurale). L’Ente Parco ha partecipato attivamente all’evento, con interventi mediatici promossi  dall’ISPRA, visto che il suo territorio è stato preso a modello di una possibile integrazione tra SIC e agricoltura marginale (  www.lamiaterravale.it).

12 DICEMBRE 2012 - PROGETTO PER DIVERSE ABILITA’ AFFIDATO DAL PARCO ALL’ISTITUTO CARSIC DI VENAFRO.
Il  progetto finanziato a fine estate dall’Assessorato alle Politiche  Sociali della Regione Molise per un importo pari a 20.000 € e  indirizzato a soggetti con diversa abilità, è stato affidato, previe  procedure di rito, all’Istituto Carsic di Venafro.
Previste  escursioni guidate attraverso la filiera dell’olio e soprattutto un  laboratorio artigianale per la realizzazione di piccoli oggetti attinenti all’area protetta.
Si intende così impegnare soggetti  svantaggiati in attività di alto profilo sociale e ripristinare antiche  tradizioni artigianali di uso comune (lavorazione della “stramma”), che  oggi potrebbero trovare nuova collocazione come oggetti per i visitatori  del Parco.
E’ intenzione del Parco e del Carsic iniziare una  proficua collaborazione che possa produrre effetti rilevanti sul  territorio, quali percorsi e strutture per disabili all’interno  dell’area protetta.

2 DICEMBRE 2012 – BELLA MANIFESTAZIONE ORGANIZZATA DAL MOVIMENTO GIOVANILE DI VENAFRO
Dal  frantoio al Parco attraverso la "Prtella", la stretta viuzza nei pressi  dell'Annunziata. E' la bella manifestazione educativa rivolta alle scuole organizzata dal MGV in collaborazione con l’Ente Parco e con il  Prof. Ferdinando Alterio, che verrà ripetuta il 7 e il 15 dicembre.

22 NOVEMBRE 2012 - Tecnici dell'ISPRA AL PARCO.
Alcuni  tecnici dell'istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca  Ambientale hanno condotto indagini e interviste ad operatori e produttori nell'ambito del Progetto FARENAIT. Tale progetto cofinanziato  dall'UE è volto a rilanciare nel mondo rurale la Rete Natura 2000 e i  Siti d'Interesse Comunitario. Il progetto affronta le tematiche relative  alla biodiversità in ambito agricolo, mediante lo sviluppo di attività  di comunicazione e formative rivolte alla pubblica amministrazione e  agli agricoltori.

10 NOVEMBRE 2012 - SOSPESE LE VISITE GUIDATE SCOLASTICHE AL PARCO ORGANIZZATE DALL'ENTE
Le  visite guidate scolastiche organizzate dal Parco sono al momento  sospese per il mancato rinnovo dei contratti con il personale utilizzato  per le guide. L'attività riprenderà non appena verranno risolti i  problemi tecnici e finanziari dell'Ente. Ovviamente è possibile organizzare in proprio da parte di enti, istituzioni scolastiche e  associazioni, visite guidate sotto la propria responsabilità.

14 NOVEMBRE 2012 – CONVOCATO IL CONSIGLIO DIRETTIVO DELL’ENTE PARCO
All’ordine del giorno del Consiglio, i seguenti punti:
1. Approvazione verbali sedute precedenti
2. Ratifica Deliberazione presidenziale n. 1 del 6 febbraio 2012 - Progetto
Beni Culturali 2a annualità
3. Ratifica Deliberazione presidenziale n. 2 del 16 luglio 2012 -
Rinnovo contratti collaboratore amministrativo e collaboratore contabile
4. Ratifica Deliberazione presidenziale n. 3 del 26 settembre 2012 - Protocollo di intesa
tra l’Ente Parco Regionale Storico Agricolo dell’Olivo di Venafro ed il Consorzio di Bonifica della Piana di Venafro
5. Ratifica Deliberazione presidenziale n. 4 del 18 ottobre 2012 -
Integrazione socio culturale di soggetti con diversa abilità - Approvazione progetto
6. Ratifica Deliberazione presidenziale n. 5 del 4 novembre 2012 - Anticipazione di tesoreria –
7. Approvazione scheda Progetto sperimentale sull’olivicoltura denominato
“Dall’oliveto… alla tavola” a cura dell’ Ente Parco e di Confcooperative Molise
8. Regolamento funzionamento e organizzazione uffici e determinazione
Pianta organica Ente Parco Regionale dell’Olivo di Venafro.

9 NOVEMBRE 2012 – PRIME RACCOLTE SELETTIVE DI OLIVE PER IL PROGETTO SPERIMENTALE SULL’OLIVICOLTURA
Avviate  le prime raccolte di olive finalizzate alla definizione degli standard  qualitativi dell’olio di Venafro. Le quantità raccolte serviranno per le  analisi organolettiche e chimiche dell’olio, dalle quali verranno   fissati i parametri migliori in base al tempo di raccolta. Questa fase è propedeutica a qualsiasi iniziativa volta alla commercializzazione  dell’olio del Parco.

1 novembre 2012 – PISU VENAFRO, SOLO UN BLUFF PER IL PARCO
Dal  sito web del PISU Venafro si legge:”I Pisu, progetti integrati di  sviluppo urbano sono lo strumento attraverso il quale alle città viene attribuito, per il periodo 2007-2013, un ruolo trainante nella  costruzione della competitività e della coesione nel territorio dell’UE.Nell’ambito dei PISU può essere affrontata una serie di problemi  ed opportunità relative a ciascuna area.
Si può prevedere la  realizzazione di opere pubbliche, l’acquisizione di beni e servizi ed  iniziative economiche in settori di notevole rilevanza strategica”.

Obbiettivi,  questi, che allo stato attuale sembrano molto sottodimensionati. Dopo  una prima fase di concertazione con il Comune di Venafro capofila, che  ha visto la costruzione di un  progetto complessivo che nel venafrano  prevedeva tra l’altro, piste ciclabili, una cittadella dello sport e  diversi interventi nel tessuto storico urbano, oggi sembra essere  rimasto molto poco. Dei 470 milioni di euro di fondi FAS stanziati per  la Regione, 70 sono stati decurtati da Monti, buona parte servono per  ripianare il debito della sanità molisana, quello che rimane non è stato  ancora stanziato dal governo. Abbandonato quindi anche il progetto  dell’Ente Parco che prevedeva una ristrutturazione sentieristica per  legare l’area protetta al Centro storico di Venafro e la realizzazione  di un museo dedicato all’olivo, di moderna concezione, nella Chiesa di  S. Antonio abate, presso l’Annunziata. La chiesa è uno scrigno di  ricchezze nel centro storico di Venafro, dove risultano abbandonati  paramenti sacri, arredi lignei, baldacchini in oro zecchino.  Recentemente la Pia Unione, proprietaria dell’immobile, aveva anche  revocato la delibera di concessione di comodato d’uso, riconosciuta  all’Ente Parco dalla precedente amministrazione presieduta da Gennaro  Giannini. La vicenda è sintomatica di quanto sia difficile in questa  città, finalizzare progetti che una volta tanto perseguano  l’arricchimento culturale di una comunità, da sempre sottomessa a  dinamiche con fini spesso diversi.

18 ottobre 2012 – DIRETTA RAI 3 NEL PARCO
Alle  7,15 durante la trasmissione Buongiorno Regione e alle 14.00 durante il  telegiornale, sono previsti due collegamenti con il Parco regionale.

15 ottobre 2012 – EMENDAMENTO IN CONSIGLIO REGIONALE
Su  proposta del Presidente del Consiglio Regionale Mario Pietracupa, il  Consiglio regionale del Molise ha approvato un emendamento all’assestamento di bilancio che prevede per l’anno prossimo un  finanziamento per il Parco regionale pari a 200.000 €. Viene data così una prima sostanziale risposta alle interpellanze prodotte dal direttivo  del Parco circa il futuro dell’Ente. Verrà dato modo all’Ente di finalizzare progetti già intrapresi (progetto sperimentale olivicoltura,  ampliamento sentieristica, manutenzione dei suoli, rete ecoturistica). L’impegno della Regione si concretizza pochi giorni dopo la conferenza  stampa del Presidente Pietracupa e dell’Assessore all’ambiente Velardi  nella sede del Parco.

13 0TTOBRE 2012 - SABATO LA FESTA DELL’OLIVO
Pur  nell’assenza di fondi disponibili al momento per l’Ente, prosegue  l’attività del Parco. Sabato 13 ottobre presso la località Campaglione – Mura ciclopiche verranno messi a dimora olivi autoctoni di varietà  Aurina grazie alla collaborazione del Vivaio LO.GI.CA. Verde di Monteroduni, convenzionato con l’Ente per la produzione di olivi tipici  del Parco. La giornata si svolgerà alla presenza di alcune classi scolastiche e delle autorità locali e consisterà nel ripristino di un  oliveto limitrofo alle Mura ciclopiche. Illustrazioni didattiche  verranno fornite circa l’importanza del mantenimento dell’olivicoltura  marginale di interesse non solo produttivo, ma anche ambientale.

5 OTTOBRE 2012 - FIRMATA L’INTESA CON IL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA PIANA DI VENAFRO
venerdì  5 ottobre presso la sede del Consorzio di Bonifica della Piana di  Venafro, il Presidente Vittorio Nola ed il Presidente del Parco Emilio  Pesino hanno ratificato un’intesa tra i due Enti finalizzata alla  collaborazione istituzionale. Manutenzione del territorio, condivisione  di dati catastali, collaborazione per i regolamenti dell’area protetta e  progetti sul territorio, sono le materie oggetto dell’intesa.
La  convenzione permetterà anche ai privati che ne faranno richiesta, di  usufruire di agevolazioni per la manutenzione degli oliveti.
Opinione  comune dei vertici dei due Enti e che questa intesa rafforzerà la  presenza del territorio ed anche il loro peso istituzionale, nell’ottica  di una progettualità moderna e di una visione condivisa delle varie  problematiche dell’area.

3 OTTOBRE 2012 – CONFERENZA STAMPA REGIONE – PARCO  SUL FUTURO DELL’ENTE
Dopo  la presa di posizione del Presidente dell’Ente Parco Emilio Pesino,  finalizzata ad ottenere chiarimenti circa il futuro dell’Ente, questa mattina alla presenza del Presidente del Consiglio Regionale Mario  Pietracupa e dell’Assessore all’Ambiente Luigi Velardi, si è tenuta la preannunciata conferenza stampa presso la sede del Parco, che ha visto  la partecipazione di tutte le emittenti regionali. Subito la disamina da  parte dell’Ente sulla situazione attuale, che vede lo stesso non  supportato dalla struttura amministrativa regionale con conseguenti  finanziamenti insufficienti: “La tutela dell’olivicoltura marginale  ambientale non necessita di assistenzialismo, ma dei mezzi necessari che  permettano all’Ente di continuare sulla strada intrapresa, fatta di  progettualità, anche in ambito europeo, ed interventi sul territorio.  Noi vogliamo continuare, ma per farlo abbiamo bisogno di certezze, non è  possibile impostare programmi con prospettiva pluriennale, se l’anno  successivo non è presente un euro in bilancio” hanno dichiarato  all’unisono assieme al Presidente, i consiglieri del Parco Mario Stasi e  Nicola Vettese. Presenti anche il Responsabile finanziario del Parco  Benedetto Iannacone ed il Revisore dei Conti dell’Ente Anna Rita  Pizzuto.
Alle istanze prodotte ha risposto il Presidente del  Consiglio Regionale Mario Pietracupa che ha riconosciuto che gli sforzi  prodotti dal Parco sono encomiabili e vanno supportati perché occasione  di crescita socioculturale del territorio. Il Presidente si è lamentato  della presunzione di taluni dirigenti regionali che si arrogano il  diritto di esprimere giudizi che atterrebbero alla sfera politica, e che  sono alla base delle incertezze in cui versa il Parco. Ha poi  sottolineato che la Regione sin dal prossimo bilancio di previsione  assicurerà il finanziamento necessario al suo funzionamento, prescritto  dalla Legge istitutiva. Ha fatto eco al Presidente l’Assessore  all’Ambiente della Regione Luigi Velardi che ha sottolineato come sia  anche auspicabile una sinergia tra Assessorato all’Ambiente e  Assessorato all’Agricoltura per la gestione amministrativa dell’Ente e  di aver posto la questione nei termini esatti al Presidente Iorio che ha  assicurato che dal prossimo bilancio regionale le cose andranno nel  verso auspicato.

3  OTTOBRE 2012 - CONFERENZA STAMPA ALLA PRESENZA DEL PRESIDENTE DEL  CONSIGLIO REGIONALE MARIO PIETRACUPA E DELL’ASSESSORE ALL’AMBIENTE DELLA  REGIONE MOLISE LUIGI VELARDI
Mercoledì  3 ottobre, alle ore 11.00, presso la sede del Parco in via De Utris a  Venafro, il Presidente del Consiglio regionale Mario Pietracupa e  l’Assessore all’Ambiente Luigi Velardi, terranno, assieme al Consiglio  direttivo dell’Ente, una conferenza stampa sulla situazione attuale e  sulle prospettive del Parco Regionale dell’Olivo di Venafro.
L’incontro  istituzionale promosso risponde alle esigenze dell’Ente di avere  certezze sul proprio futuro, nell’ottica della tutela e della valorizzazione di quel patrimonio storico, culturale ed ambientale  rappresentato dagli oliveti di Venafro.
Il Consiglio direttivo  apprezza la solerzia con la quale i due esponenti istituzionali della  Regione Molise hanno risposto alle sollecitazioni dell’Ente, finora  relegato in un “limbo istituzionale”, con prospettive incerte.

5 SETTEMBRE 2012 – ESITI DELLA RIUNIONE SUL PROGETTO SPERIMENTALE SULL’OLIVICOLTURA
Mercoledì  5 settembre alle ore 18 presso la sede dell’Ente Parco dell’Olivo di  Venafro, si è tenuta la riunione aperta a proprietari, olivicoltori e  frantoi, dedicata alla definizione del progetto sull’olivicoltura,  ideato da Confcooperative Molise ed Ente Parco. Presenti alla riunione,  oltre al Presidente del Parco Emilio Pesino e ai Consiglieri dell'Ente  Mario Stasi e Nicola Vettese, il Presidente di Confcooperative Domenico  Calleo e Riccardo Terriaca, tecnico dell'organizzazione. Nella riunione  sono state raccolte le adesioni al progetto che si articolerà attraverso  due fasi. La prima si svilupperà a breve, attraverso campionamenti ed  analisi e servirà a definire gli standard di qualità dell'olio di  Venafro; la fase successiva prevede la produzione e la  commercializzazione con il marchio dell'Ente, seguendo il disciplinare  d'uso, altro frutto del progetto. Prevista anche la formazione didattica  per gli interventi colturali. Tra una settimana ci sarà la prima  riunione organizzativa per l'impostazione definitiva dell'iniziativa.  L'Ente Parco desidera ringraziare tutti i convenuti e coloro che hanno  aderito, con i quali il confronto sarà continuo e pressante.

31 AGOSTO 2012 – FISSATA PER IL 5 SETTEMBRE LA RIUNIONE DECISORIA SUL PROGETTO SPERIMENTALE SULL’OLIVICOLTURA
Mercoledì   5 settembre alle ore 18, presso la sede dell’Ente Parco dell’Olivo di  Venafro, si terrà  la riunione aperta a proprietari, olivicoltori e frantoi, dedicata alla definizione del progetto sull’olivicoltura,  ideato da Confcooperative Molise e Parco . Nelle intenzioni di tale progetto, che dovrà essere supportato economicamente, vi è la  definizione degli standard qualitativi di riferimento dell’olio del  Parco e di Venafro. Senza questo passaggio fondamentale non è possibile  ipotizzare produzioni di nicchia che abbiano criteri di unicità. In  pratica si detteranno i criteri di qualità in base al tempo di raccolta,  alle tipologie di molitura ed ai rispettivi panel test; il tutto  seguendo il disciplinare dell’Ente che verrà affinato grazie al  progetto. L’Ente intende chiarire che sull’iniziativa è stata data, nel  corso degli ultimi mesi, la massima evidenza pubblica, per cui eventuali  esclusioni dal progetto saranno ascrivibili solo alla volontà di chi  non lo ha sottoscritto.

23 LUGLIO 2012 – PROGETTO PER DISABILI DELL’ENTE PARCO APPROVATO DALLA REGIONE
L’Assessorato  alle Politiche sociali ha concesso all’Ente Parco un finanziamento pari  a 20.000 per l’attuazione di un progetto del Parco, indirizzato a  soggetti con diversa abilità. Previste escursioni guidate, un  laboratorio agricolo attraverso la filiera dell’olio e soprattutto un laboratorio artigianale per la realizzazione di piccoli oggetti con la  “stramma” (Ampelodesmus). Si intende ripristinare un’antica tradizione che un tempo produceva oggetti di uso comune, quali ceste, cappelli,  centri tavola, che oggi  potrebbero trovare nuova collocazione come oggetti artigianali per i visitatori del Parco.

22 LUGLIO 2012 – IL PARCO ALLA MANIFESTAZIONE “LE STRADE DEL GUSTO” A PIZZONE
Uno  stand promozionale del Parco è stato allestito alla manifestazione “Le  strade del gusto” tenutasi a Pizzone, organizzata dal Comune in  collaborazione con Slowfood Alto Molise.

18  LUGLIO 2012 - PARTE IL PROGETTO SPERIMENTALE DI CONFCOOPERATIVE ED ENTE  PARCO SULLA PRODUZIONE E LA COMMERCIALIZZAZIONE DELL’OLIO
E’  questo l’esito dell’incontro avvenuto presso la sede del Parco alla  presenza di proprietari, aziende e frantoi dell’area. Il progetto a  breve verrà pubblicato sul sito web del parco nelle sue linee  principali, insieme alla lettera di formale adesione per gli  interessati. In sintesi, il territorio che verrà interessato al  progetto, si avvarrà di pratiche colturali e di raccolta da parte di una  cooperativa locale. La direzione tecnica del progetto detterà i tempi  di raccolta e le condizioni tecniche di produzione per i frantoi secondo  le linee guida del disciplinare prodotto dal Parco. Un sistema  sperimentale che dovrebbe avvalersi di finanziamenti e che dovrà portare  alla definizione di parametri qualitativi idonei per un disciplinare ad  hoc dell’olivo di Venafro. Con l’incontro odierno sono state gettate le  basi per la formazione del partenariato, primi passo fondamentale per  la progettazione definitiva e per il piano marketing. Il progetto è  stato illustrato da Riccardo Terriaca della Confcooperative e da Mario  Stasi, consigliere del Parco. Questi ultimi hanno sottolineato come “si  debba uscire dalla logica perdente della produzione indifferenziata; il  progetto ci permetterà finalmente di fissare gli standard qualitativi di  produzione, base per qualsiasi discorso di commercializzazione”.  Domenico Calleo, Presidente di Confcooperative Molise ha dichiarato:  “Siamo impegnati assieme al parco per dare nuove possibilità a questo  territorio, ma ci attendiamo risposte adeguate da chi sul territorio  coltiva e produce”. Emilio Pesino, Presidente del Parco, ha ribadito  “Credo che potremo contare su un buon numero di adesioni, anche tra i  frantoi. Voglio sperare che la Regione Molise faccia seguire a tali  iniziative fatti concreti. Non possiamo andare avanti nell’incertezza.  Ci stiamo impegnando anche in progetti di partenariato europei, per i  quali è richiesta concretezza economica anche per le quote di cofinanziamento”.

18 LUGLIO 2012 – INCONTRO PRESSO LA SEDE PER IL PROGETTO SPERIMENTALE SULLA PRODUZIONE DI OLIO DI QUALITA’
Mercoledì  18 luglio alle ore 18, presso la sede del Parco, si terrà un incontro  con proprietari olivicoli e i responsabili dei frantoi dell’area, per  presentare il progetto sperimentale sulla produzione e la  commercializzazione dell’olio di Venafro, redatto da Confcooperative  Molise in collaborazione con l’Ente Parco. Dall’incontro dovrà venir  fuori un’azione condivisa che dovrà portare all’imbottigliamento  dell’olio e alla concessione del marchio del Parco per la  commercializzazione. L’iter previsto dovrà servire anche a sviluppare un  preciso disciplinare di produzione del Parco (dopo l’approvazione delle  linee guida da parte dell’Ente), grazie alla gestione associata del  progetto richiesta ai frantoi.

26 GIUGNO – NUOVA CONFERENZA DI SERVIZI PER LA BRETELLA ANAS – POSIZIONE UNANIME REGIONE ENTE PARCO
Nuovo  appuntamento per la Conferenza di Servizi finalizzata all’approvazione  del progetto della “Bretella ANAS”. E’ emerso ancora una volta il  problema dell’attraversamento del Parco in prossimità dello svincolo del  cimitero, che allo stato attuale delle cose e delle norme vigenti non  appare praticabile. La questione è stata sottolineata anche dalla  Regione Molise che insieme al Parco, ha posto l’accento sul fatto che  erano noti da tempo i vincoli sul territorio e che con estrema  superficialità si è provveduto ad indire una conferenza di servizi su un  progetto definitivo e non su un progetto preliminare. In tal modo si  sarebbe potuto adeguare il tracciato raccogliendo preventivamente il  parere di tutti gli Enti coinvolti.

18 GIUGNO 2012 – ANCORA NESSUN CONTRIBUTO REGIONALE AL PARCO
Siamo  quasi a luglio, ma lo scarno contributo regionale erogato per il 2012  all’Ente non è ancora arrivato. L’Ente ringrazia i propri collaboratori  che stanno lavorando gratis, alcuni dei quali hanno accettato di  dimezzare il loro stipendio, credendo in un progetto che altrove  affascina, come dai tanti riscontri ricevuti da tutta Italia. Una  delegazione del Parco ha partecipato alla suggestiva processione di San  Nicandro a Venafro, confidando in un intervento divino presso la Regione  Molise.

10 GIUGNO 2012 – MANUTENZIONE OLIVETI
Affidato con il sistema dei buoni lavori la manutenzione di oliveti nel Parco.

9 GIUGNO 2012 – PROPOSTA DI PARTENARIATO PER PROGETTO EUROPEO SUL TURISMO
Proposta  di partenariato dell’Ente Parco con realtà serbe, slovene, sarde e  inglesi per accedere al bando europeo “Support to transnational thematic  tourism products as means of enhancing competitiveness and  sustainability of European tourism”.

7 GIUGNO 2012 – IL PARCO A “SLOWFOOD DAY 2012”
L’Ente  ha partecipato con uno stand promozionale alla manifestazione  organizzata dalla Condotta Alto Molise di Slow Food a Venafro.

3 GIUGNO 2012 – IL PARCO A ECOVENAFROCK
Il  Parco ha partecipato con uno stand promozionale alla manifestazione  della villa comunale che ha coniugato musica e ambiente. In mattinata la  sede del Parco ed il Museo Winterline sono stati aperti per accogliere i  partecipanti alla passeggiata ecologica organizzata dal Consiglio  comunale di ragazzi di Venafro.

29 MAGGIO 2012 – CONSIGLIO DIRETTIVO ENTE PARCO
E’  convocato il consiglio direttivo dell’Ente, il giorno 29 maggio alle  ore 19.00 presso la sede dell’Ente sita in via De Utris, snc, c/o  Palazzo De Utris a Venafro. Argomenti trattati sono il conto consuntivo  2011, l’approvazione del disciplinare per la raccolta e la produzione dell’olio e la richiesta del finanziamento relativo alla seconda  annualità del Progetto sui beni culturali del Parco.

21 MAGGIO 2012 – AVVISO PER ELENCO MANUTENTORI AREE VERDI
L’Ente  al fine di articolare al meglio gli interventi per la manutenzione dei  sentieri, degli oliveti e delle aree verdi in genere del Parco,  istituisce un elenco per l’esecuzione di lavori per importi non  superiori ai 5000 €, per ciascun ammesso, nell’arco di un anno. Questa  procedura prevista dal D.lgs. n. 276/2003, permette di offrire un  integrazione al reddito di persone in difficoltà, e costituisce un  valido ausilio per le attività dell’Ente. Le domande dovranno essere  inoltrate entro il 30 maggio p.v.

7 MAGGIO 2012 – ASSEGNATE 150 PIANTE DI OLIVO AUTOCTONE DEL PARCO
E’ terminata l’assegnazione delle prime 150 piante autoctone di varietà  Aurina ai coltivatori del Parco Regionale che ne hanno fatto richiesta.  Si tratta del primo impianto di una certa consistenza all’interno  dell’area protetta. Si intende in tal modo contrastare l’immissione di  specie estranee quali il leccino e il frantoio, che inserite nel  contesto del Parco possono favorire lo sviluppo di patologie legate alla  mosca dell’olivo. Le piantine di 3 anni, sono state distribuite dal  vivaio LO.GI.CA Verde di Monteroduni, che ha contratto una specifica  convenzione con l’Ente Parco finalizzata alla produzione di piante di  Aurina certificate.

26 APRILE 2012 – ATTIVITA’ DEL PARCO
Visita  delegazioni dell’Università del Molise e dell’Università della Tuscia  al Parco. In esecuzione lavori per il recupero di un ettaro di oliveti incolti presso le mura romane di Acluzio Gallo.

16 APRILE 2012 – LE TELECAMERE DI GEO & GEO AL PARCO
Una  troupe televisiva di GEO & GEO, la trasmissione televisiva  pomeridiana di RAI 3, ha effettuato riprese ed interviste presso il  Parco, sotto la guida del regista Marco Maggioni. La trasmissione andrà  in onda nei prossimi mesi e costituirà l’ennesima ribalta per il Parco e per le sue attività. Peraltro il binomio olio – storia comincia ad  essere finalmente un’attrattiva anche economica, visto l’interesse  dell’Azienda Principe Pignatelli di Monteroduni, che ha partecipato alla  trasmissione e che attiverà una collaborazione con l’Ente.

10 APRILE 2012 – PASQUETTA VENAFRANA
Anche  quest'anno il Campaglione è stato animato dal tradizionale "cummit", la  pasquetta venafrana. A parte alcuni casi isolati, tutto è andato per il  meglio, grazie al senso di responsabilità della maggioranza dei ragazzi  e delle famiglie che hanno frequentato l'area. Un particolare  ringraziamento da parte dell'Ente Parco, va ai professori che nelle  scuole hanno illustrato ai ragazzi le norme di comportamento definite  per la giornata, all'Ufficio Ambiente del Comune di Venafro, alle  Associazioni Carabinieri in congedo, Vigili del fuoco in congedo e  Italia Verde e non ultimi, al Corpo Forestale dello Stato, ai  Carabinieri e alla Polizia Provinciale.

3 APRILE 2012 - IMPORTANTE CONFERENZA DEDICATA ALLA COMMERCIALIZZAZIONE DELL'OLIO DI VENAFRO
Un discorso difficile, ma che va assolutamente impostato dalle fondamenta.
Ecco  in sintesi gli interventi. Emilio Pesino (Presidente del Parco): la  commercializzazione dell'olio va di pari passo con la promozione del territorio. Le iniziative mediatiche dell'Ente e promozionali come  Venolea devono essere sfruttate dai coltivatori per affermare il proprio prodotto che gode di un binomio qualità - storia unico. Partiamo da una  situazione difficile, dovuta alla scarsa propensione al cooperativismo e  ad una frammentazione della proprietà, tuttavia va anche affermato che  l'Ente non può occuparsi direttamente di commercializzazione, ma deve  ovviamente mettere in campo azioni per favorirla. A tal proposito  approveremo a breve il disciplinare di produzione per la concessione  dell'emblema del Parco, stiamo impostando con la confcooperative e la  regione Molise una cooperativa di supporto all'Ente e alla  commercializzazione, abbiamo contratto una collaborazione con esperti  del settore export food come Il Dr. Giovanni Venuto.
> Mario Stasi  (Consorzio difesa fitosanitaria regionale): il disciplinare del Parco  dovrà essere calibrato sulle specificità del territorio e delle cultivar  presenti. Detterà tutte le modalità di raccolta, potatura e  trasformazione al fine di avere un prodotto eccellente che possa usufruire del marchio del Parco, sinonimo di garanzia, come affermato  anche da Tony May, del Gruppo Ristoratori Italiani negli Stati Uniti, nella recente visita del gruppo al Parco. La qualità va di pari passo  con il rispetto delle regole che noi ovviamente non imponiamo; spetta all'intelligenza dei produttori utilizzare questo strumento.
>  Domenico Calleo (Presidente di Confcooperative): oggi siamo consapevoli  che i finanziamenti pubblici saranno sempre più rarefatti. Ed è ovvio  che un ente come il Parco debba ricercare forme di collaborazione e  finanziamenti per portare avanti la sua attività. In quest'ottica stiamo  approntando dei progetti con il Parco che dovranno portarci alla  costituzione di cooperative di servizi e di supporto alla commercializzazione. L'intento è quello di offrire lavoro attraverso la  gestione e la cura del territorio. Bisogna però assolutamente evitare gli errori del passato, e creare strutture in grado di fruire dei  finanziamenti del settore.
> GIovanni Venuto (esperto del settore  export food): concordo nel dire che certi errori del recente passato,  non vanno riprodotti; alcune aziende si muovono non con l'intento di  aprirsi ai mercati, ma solo per beccare contributi, e ciò é successo  anche nel Consorzio Mangiamolì, che altrimenti sarebbe stata un  iniziativa vincente. Altre aziende invece che ho seguito hanno raggiunto  successi anche in ambito internazionale, è il caso di Papa o Di Mambro.  Per quanto riguarda l'olio è chiaro che i mercati internazionali stanno  soffocando l'Italia, l'unica via percorribile è puntare su prodotti di  nicchia che vanno posizionati con perizia sul mercato.
> Antonio  Russano (vice direttore Coldiretti): Il Parco deve essere il fiore  all'occhiello della promozione del territorio e dell'olio. E' chiaro che  andrebbe fatta un'analisi sulle reali potenzialità produttive e dei  coltivatori effettivamente disposti a mettersi in gioco. Non va sottaciuto che se è vero che il territorio del Parco va difeso, è anche  il suo contesto che va trattato allo stesso modo. Non è possibile pensare alla piana di Venafro come un reticolo di superstrade e svincoli  a danno delle coltivazioni.
> Tra gli intervenuti hanno preso  poi la parola Antonio Valerio dell'Azienda Pignatelli, che ha  chiaramente detto che l'olio di Venafro va "blindato" da un marchio di  qualità rigido, obbiettivo raggiungibile attraverso un disciplinare di  qualità calibrato sulla specie principe: l'Aurina.
> Peppino  Riccitiello ha affermato che deve essere sforzo comune far capire  l'importanza del conferimento al frantoio. Non è possibile che ci sia  olio invenduto. La raccolta e la trasformazione secondo canoni precisi,  può preludere effettivamente ad una commercializzazione che tutti  auspicano.

30 MARZO 2012 – VISITA AL PARCO DI RISTORATORI E GIORNALISTI STATUNITENSI
Il  30 marzo, a partire dalle ore 15.00, è stata programmata in  collaborazione con lo sportello SPRINT della Regione Molise, la visita presso il Parco del Gruppo Ristoratori  italiani (GRI), un’associazione  no-profit fondata nel  1979 e costituita dai più grandi ristoratori  italiani presenti sul territorio americano. La visita risulterà  un’opportunità per la promozione dell’olio di Venafro.

27 MARZO 2012 – PASQUETTA VENAFRANA , INCONTRO AL COMUNE
Fissato  per martedì 27 marzo alle ore 16.00 presso l’Ufficio ambiente del   Comune di Venafro un incontro tra Ente Parco, Comune, Corpo Forestale  dello Stato e Associazioni di tutela ambientale, per organizzare il  servizio di vigilanza durante la pasquetta venafrana, il martedì dopo  Pasqua. Si cercheranno di fermare gli indisciplinati che tanti danni  hanno fatto in passato.

26 MARZO 2012 – INCONTRO PROMOSSO DALL’ENTE PARCO SULLA COMMERCIALIZZAZIONE DELL’OLIO VENAFRANO
L’Ente  Parco intende promuove un incontro tra gli operatori del settore  finalizzato a perseguire politiche condivise per una commercializzazione  adeguata dell’olio locale.
Oltre alla ben nota qualità del  prodotto, va considerato che il retroterra storico dell’olio di Venafro è  unico e irripetibile. Questo binomio che altrove avrebbe sicuramente  avuto riscontro economico e visibilità per le realtà territoriali,  potrebbe risultare vincente anche a Venafro, se ne sussisteranno le  condizioni e le motivazioni.
Per questo motivo l’Ente organizza un  primo incontro sul tema, fissato per il 3 aprile p.v. alle ore 17.00  presso la sala di Vicolo della Vergine (piazzetta dell’Annunziata) a  Venafro.  Argomenti trattati saranno: il disciplinare di produzione del  Parco e la concessione dell’emblema, iniziative per ottenere il marchio  di qualità, una possibile associazione di produttori e la realizzazione  di una cooperativa agricola, le vie per una commercializzazione di  nicchia dell’olio venafrano. Interverranno tra gli altri, Mario Stasi  (responsabile CO.RE.DI.MO.), Domenico Calleo (Presidente  Confcooperative), Giovanni Venuto (consulente export settore Food). L’  invito a partecipare è stato inoltrato anche alla Coldiretti.

23 MARZO 2012 – FIRMATO IL PROTOCOLLO D’INTESA TRA CONFCOOPERATIVE MOLISE ED ENTE PARCO
Con  il protocollo sottoscritto tra i presidenti Domenico Calleo ed Emilio  Pesino le parti si impegnano a sostenere la creazione di nuove attività  produttive, da costituirsi in forma cooperativa, per valorizzare le  risorse naturali, la cultura, le tradizioni e la commercializzazione dell’olio. Un’intesa importante, stante la necessità dell’Ente di  affidarsi a cooperative per la gestione delle attività del Parco.

20 MARZO 2012 - CONFERENZA DI SERVIZI SULLA BRETELLA ANAS NUNZIATA LUNGA.
Nulla  di fatto per l'approvazione dell'arteria stradale che dovrebbe liberare  Venafro dal traffico veicolare da e per Roma. Troppe le osservazioni  tecniche formulate ad un tracciato stravolto rispetto al progetto  originario, che collega lo svincolo della variante ANAS presso la  Madonnella, al cimitero di Venafro. Un tracciato di per sė discutibile,  rispetto a quello poi abbandonato, ma più logico, che andava ad  innestarsi sulla S.S. Dir.6 ben oltre Ceppagna. L'Ente Parco ha ribadito  l'impossibilità a rilasciare il proprio nulla osta, perché ai sensi  dell'art. 5 della Legge regionale istitutiva dell'Area protetta, non  sono consentite strade nel suo perimetro. Un'osservazione tecnica e non  discrezionale, fatta già presente oltre un anno fa alla Conferenza di  Servizi e al Comune di Venafro, che é stata sottovalutata, fino a dover  cozzare oggi contro la realtà.
Il tutto mentre sta per essere oramai  realizzato il collegamento San Vittore - Variante di Venafro, I lotto  dell'Autostrada Termoli - San Vittore, che renderebbe inutile la  bretella ANAS Nunziata Lunga, come ammesso dallo stesso rappresentante  dell'Anas centrale durante la Conferenza di Servizi. L'assise dovrà  riaggiornarsi quindi, a data da destinarsi. Per quanto riguarda  l'interferenza dell'arteria con l'area protetta, le strade possibili  sono due: la variazione dell'innesto della bretella al di fuori del  perimetro del Parco o addirittura la riperimetrazione dell'area protetta  che é di competenza regionale, cioè può essere attuata solo con legge  regionale. E' ovvio che la realizzazione contestuale del tratto  autostradale e della bretella Nunziata Lunga, sarebbe quanto di più  aberrante concepibile, con la dissezione della Piana di Venafro da parte  di un reticolo di strade doppioni e con derivante enorme sperpero di  denaro pubblico. E questo in un momento nel quale l'oculatezza degli  investimenti pubblici dovrebbe essere la norma di un'azione politica,  che nel caso in esame è assolutamente mancata.

9 MARZO 2012 – IN PREPARAZIONE UN INCONTRO CON GLI OLIVICOLTORI E I PRODUTTORI
E’  in preparazione un incontro da tenersi ai primi di aprile, dedicato  alla commercializzazione dell’olio prodotto nel Parco. Pur non essendo una prerogativa diretta dell’attività del Parco, il Consiglio direttivo,  dopo l’ottima riuscita della manifestazione Venolea, intende promuovere  un iniziativa secca per la commercializzazione dell’olio. E’ da  chiarire che solo ritardi culturali e di approccio ad un prodotto unico,  come l’olio di Venafro, hanno impedito finora un attivismo  imprenditoriale privato, che altrove avrebbe dato risultati eccellenti.  La frammentazione della proprietà agricola e l’abbandono costituiscono  aggravanti di difficile soluzione. Tuttavia, la qualità del prodotto e  la sua storia unica tra le aree coltivate ad olivo, costituiscono una  risorsa unica. L’Ente ritiene che il ritorno alla coltivazione  dell’olivo con una visuale aperta e moderna possa indurre indirettamente  anche un recupero dei suoli e la tutela del territorio. Ecco perché si  intende supportare i produttori promuovendo economicamente la  certificazione e l’imbottigliamento dell’olio con adeguati finanziamenti  e favorire la commercializzazione di nicchia del prodotto attraverso  esperti di riferimento del Parco. Ovviamente necessitano da una parte i finanziamenti che nell’ultimo bilancio regionale sono stati tolti  all’Ente, e dall’altra una visione aperta da parte dei produttori  d’olio. L’incontro pertanto riveste importanza assoluta è sarà fissato a  breve.

3 MARZO 2012 – IL TERRITORIO DEL PARCO PENALIZZATO
Diversi  incontri nell'ultimo mese con l'Assessore all’Agricoltura e Foreste  Angela Fusco Perrella, presente anche alla manifestazione Venolea.  Numerosi i temi affrontati, tra cui l'impossibilità di accedere a bandi,  come il 2.1.6 del Moligal per il rifacimento dei muri a secco. Il  problema è sempre quello: i parametri, spesso dettati dall'Unione  Europea, tendono ad escludere l'area venafrana, considerata non montana.  Di qui l'impegno dell'Assessore Fusco Perrella nei riguardi del  Consiglio direttivo del Parco, affinché questa anomalia venga corretta  al più presto.

29 FEBBRAIO 2012 - PASCOLO ABUSIVO SU AREE PERCORSE DAL FUOCO: NUOVO INTERVENTO DEL PARCO
Nuovo  intervento del Parco contro gli incendiari che quest’estate hanno  devastato Monte Corno. Dopo l’ennesimo riscontro di animali pascolanti  in area percorsa dal fuoco e dei loro  cartellini identificativi, la  vigilanza ha provveduto a depositare un esposto presso la forestale.

20  FEBBRAIO 2012 - MARCHIO DI RICONOSCIMENTO E PAESAGGIO OLIVICOLO  MEDITERRANEO, LA RETE DELLE CITTÀ DELL'OLIO SI AFFIDA ALL'UNESCO
Come  annunciato da Enrico Lupi a VENOLEA, il paesaggio olivicolo  mediterraneo, comprensivo ovviamente anche del Parco,potrebbe a breve  essere riconosciuto dall’UNESCO. "Sostenendo la candidatura del  Paesaggio Olivicolo Mediterraneo come sito patrimonio dell'Umanità - ha  affermato il Presidente dell'Associazione Nazionale Città dell'Olio e e  neopresidente eletto della Rete delle Città dell'Olio del Mediterraneo,  Enrico Lupi, commentando i dati forniti dall'esperto della Commissione  Nazionale Italiana per l'Unesco - lavoriamo non solo per dare a questo  una sua visibilità ma anche per sottolineare che non si tratta  semplicemente di un paesaggio inteso in senso geografico, bensì di un  repertorio da salvaguardare di cultura, di storia e di tradizione  millenaria che accomuna tutto il Mediterraneo. La proposta presentata  dalla Rete Mediterranea è finalizzata alla valorizzazione sia del  prodotto che sta alla base della Dieta Mediterranea, l'olio extravergine  d'oliva, sia del background culturale che gli conferisce quel valore  aggiunto che soltanto una attenta gestione del territorio e il lavoro  frutto di un importante impegno dei produttori possono dare”.

10 FEBBRAIO 2012 – DANNI ALLE COLTURE OLIVICOLE DOPO LA NEVE E DISTACCHI DI MASSI DA SANTA CROCE
Non  potevano mancare i danni alle colture olivicole dopo le abbondanti  nevicate dei giorni scorsi. Numerosi i rami spezzati e in qualche caso  danneggiamenti maggiori. Un distacco di massi che avrebbe potuto avere  drammatiche conseguenze, si è avuto nell’area soprastante il teatro  romano. Diversi gli olivi scalzati dai massi, mentre un grosso macigno  che avrebbe raggiunto il Centro storico di Venafro è stato fermato dal  muro di cinta del teatro romano, andato peraltro distrutto per una  decina di metri. Il fenomeno del distacco di massi dai costoni e dagli  affioramenti calcarei delle montagne soprastanti Venafro è del tutto  naturale vista la natura dei suoli. Le escursioni termiche e soprattutto  le basse temperature che fanno ghiacciare e dilatare il volume d’acqua  filtrata tra le fratture dei massi, contribuiscono in maniera  determinante al fenomeno.
Occorrerebbe un sapiente intervento di  protezione civile per il monitoraggio delle situazioni a rischio,  accompagnato da interventi non solo strutturali ma anche da fasce  protettive di vegetazione.

6 FEBBRAIO 2012 – ESPOSTO DEL PARCO CONTRO IL PASCOLO IN AREA PERCORSA DA INCENDI
Nell‘ambito  dei servizi di vigilanza effettuati dall’Ente Parco sono stati  riscontrati animali al pascolo in aree percorse dal fuoco ed in particolare su Monte Corno, interessato quest’estate da due incendi. Il  riscontro dei cartellini identificativi degli animali ha permesso di effettuare un circostanziato esposto al Corpo Forestale di Venafro.  Quest’ultimo, attraverso la stazione di Venafro, è già molto attivo in tal senso avendo provveduto a sanzionare in questo periodo numerosi casi  di pascolo abusivo. E’ ovvio come il fenomeno degli incendi dolosi sia  imputabile al pascolo montano.
Ora finalmente si comincia a sanzionare chi di dovere.

3 FEBBRAIO 2012 – VENOLEA 2012, UN SUCCESSO DA TUTTI I PUNTI DI VISTA. RINGRAZIAMENTI
Conclusa  Venolea 2012, ci si può ritenere molto soddisfatti per l’esito della  manifestazione che ha permesso all’Ente una visibilità anche in ambito  nazionale (il lancio dell’evento c’è stato anche su canali radiofonici  della RAI, come “Decanter” di Radio2, oltre che locali ed interregionali, mentre contemporanea all’evento, c’è stata la  trasmissione di RAI 2 Sereno Varabile) e soprattutto di proporsi come interlocutore con organismi importanti, quali l’Associazione Nazionale  Città dell’Olio.
Il Parco ringrazia tutti i produttori intervenuti, le autorità intervenute ed il pubblico interessato.
Un  ringraziamento particolare all’Associazione Slow Food Alto Molise per  la collaborazione nell’evento, ed in particolare all’Arch. Francesco  Martino e a Carlo Melzani.
Una nota di merito spetta ai collaboratori  del Parco Domenico Biello, Roberto Cambio, Manuela Martone e Antonio  Riccio che ben al di là dei propri compiti, hanno profuso tutte le  energie possibili per la riuscita della manifestazione.
Un  ringraziamento all’Associazione dei Vigili del Fuoco in congedo di  Venafro, presieduta da Elvio Santamaria per la disponibilità e la competenza.
Infine, un ringraziamento all’Istituto autonomo Case  Popolari di Isernia ed in particolare all’Arch. Franco Valente che con  la sua opera meritoria per il recupero del centro storico di Venafro, ha  permesso alla manifestazione l’uso di spazi (Palazzo De Utris, sala di  Vicolo della Vergine, la “Portella”), altrimenti non fruibili.

29  GENNAIO 2012 – VENOLEA 2012, RASSEGNA DEI PRODUTTORI E LABORATORI DEL  GUSTO A PALAZZO DE UTRIS – VISITA DELL’ASSESSORE FUSCO PERRELLA
Palazzo  De Utris allestito al meglio per ospitare la rassegna dei produttori di  olio e di prodotti agroalimentari. Oli di elevata qualità hanno fatto  mostra di sé nei vari ambienti dello storico palazzo. Presenti tutte le  produzioni, ovviamente imbottigliate, di Venafro quali l’Oleificio Cooperativo Venafro, il Frantoio Riccitiello e l’Oleificio Carcillo) e  le tipicità molisane e non solo, d’eccellenza: Coop. Sette Torri  (Fornelli), Coop. San Pietro martire (Fornelli), Azienda Badevisco  (Sessa Aurunca), Coop. Colline del Matese (Piedimonte Matese), Oleificio  M.oli (Mirabello Sannitico), Oleificio Buonagurio (San Giuliano di  Puglia), Azienda Loretta Fratino (Colletorto), Azienda Gasdia (Larino),  Azienda Giorgio Tamaro (Colletorto), Azienda Michele Tamaro  (Colletorto), Frantoio La Sorgente (Poggio Sannita), Frantoio Pavone  (Trivento), Azienda Villani (Campomarino), Azienda Principe Pignatelli  (Monteroduni).
Presenti anche l’Associazione R.I.M.A “Il Tombolo di  Isernia” e tra i produttori agroalimentari l’Azienda Agricola Bruno  Bucci (Conca Casale), il Caseificio Optimum Sancti Petri (San Pietro In  Fine), La Molisana Formaggi (Pozzilli) e l’Azienda Agricola Le Miccole  di Capracotta. Gli ottimi vini molisani proposti dall’Associazione  Italiana Sommelier Molise e la buona cucina del “Delle Palme” di  Pozzilli, hanno fatto il resto. Ottimamente organizzati da Slow Food i  laboratori del gusto e le degustazioni che hanno visto protagonisti gli  oli e i suoi amici (i legumi come il fagiolo confetto di Acquaviva  d’Isernia, la roveja di Capracotta e salumi come la Signora di Conca  casale).
Conclude la serata la presentazione dei risultati del panel  test dell’Aurina di Venafro, ed in particolare dell’olio imbottigliato a  scopo promozionale dal Parco, certificato dalla Sala Panel di  Campochiaro, essendo quella di Venafro non ancora autorizzata.
Nel  pomeriggio c’è stata la visita dell’Assessore all’Agricoltura e Foreste  Angiolina Fusco Perrella, molto interessata all’evento, che si è trattenuta a lungo con gli espositori.

28 - 29 GENNAIO 2012 – VENOLEA 2012, VISITE GUIDATE AL PARCO
Organizzate  in questi due giorni le visite al Parco. Grazie ai recenti lavori di  sistemazione di Piazza dell’Annunziata è stato finalmente possibile  collegare il Centro storico al Parco, attraverso il sentiero n.1 che a  mezza costa, tra ulivi secolari raggiunge la mulattiera Venafro – Conca  Casale e ripiega verso la Cattedrale ed il Teatro romano (visitabile  anche nell’occasione). Estensione della passeggiata, guidata da Manuela  Martone, la visita al Museo archeologico di Venafro.

28  GENNAIO 2012 – VENOLEA 2012, ENRICO LUPI, PRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE  NAZIONALE CITTÀ DELL’OLIO AL CONVEGNO SULL’OLIVICOLTURA
Anche  per il convegno del 28 gennaio, tenutosi alle 11.00 presso la sala di  Vicolo della Vergine (Piazza dell’Annunziata), si è registrata una notevole affluenza di pubblico. Il convegno dopo una presentazione del  Presidente del Parco E. Pesino, è stato moderato da Mario Stasi, responsabile prov.le del CO.RE.DI.MO. e Consigliere dell’Ente. Pasquale  Trematerra, docente dell’UNIMOL, ha affrontato il tema della lotta biologica alla mosca dell’ulivo, presentando uno studio innovativo del  settore; Sebastiano Delfine, docente UNIMOL, ha posto il valore del paesaggio agricolo, come una componente fondamentale della filiera  produttiva olivicola.
Enrico Lupi, Presidente dell’Associazione  Nazionale Città dell’Olio ha illustrato le iniziative per sostenere  l’olivicoltura ambientale e le possibilità che dalla tutela dei paesaggi  olivicoli, possano arrivare fondi grazie all’UNESCO. Ha concluso il  convegno Domenico Izzi, consigliere regionale, sulle politiche adottate  dalla Regione. Alla fine un rinfresco nell’attigua sala del convegno.

27 GENNAIO 2012 – VENOLEA 2012, PRESENTAZIONE DEL LIBRO SULL’OLIVO DI VENAFRO A CASTELLO PANDONE
Grossa  affluenza di pubblico il 27 gennaio, a Castello Pandone in occasione  della presentazione del libro di Ferdinando Alterio “L’Olivo di Venafro,  viaggio nel cuore olivicolo del Mediterraneo”, patrocinato dall’Ente  Parco ed edito dalla Volturnia edizioni. Interventi del Presidente del  Parco, Emilio Pesino, sull’attività amministrativa dell’Ente, del  Presidente della Provincia di Isernia, Luigi Mazzuto, che ha sottolineato la necessità di includere Venolea in un percorso  organizzativo di eventi su scala regionale, di Franco Valente e Aldo  Cervo, che hanno evidenziato le peculiarità e la sistematicità di  indagine che traspare dal libro di Ferdinando Alterio. Quest’ultimo nel  suo intervento, in maniera simbolica, ma suffragata da considerazioni  scientifiche, ha considerato il mitico olivo quasi come l’anello di  congiunzione tra sfera vegetale ed animale. Ha concluso il convegno  Mario Pietracupa, Presidente del Consiglio regionale, che ha  sottolineato che della realtà del Parco, stia acquisendo consapevolezza  anche la Regione, in considerazione dell’effetto volano di questo Ente,  nella promozione del territorio e dei suoi prodotti.

8 GENNAIO 2012 - VENOLEA 2012, SARÀ PRESENTE ANCHE IL PRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE NAZIONALE CITTÀ DELL’OLIO, ENRICO LUPI.
Anche  l’Associazione Nazionale Città dell’Olio sarà presente alla  manifestazione dell’Ente Parco Regionale dell’Olivo di Venafro. Il Presidente Enrico Lupi interverrà il 28 gennaio alle ore 11.00, presso  la Sala di Vicolo della Vergine (Piazza dell’Annunziata), al convegno dal titolo “Valorizzazione del territorio attraverso lo sviluppo delle  filiere agroalimentari e delle tipicità locali. Il ruolo dell’Ente Parco Regionale dell’Olivo”.
Il patrocinio dell’Associazione Nazionale  Città dell’Olio è un’attestazione del riscontro che sta avendo questa  manifestazione, non solo in ambito locale.

11 GENNAIO 2012 – IL PARCO A “SERENO VARIABILE”, SU RAI 2.
Le  telecamere della celebre trasmissione della Rai “Sereno Variabile”,  condotta da Osvaldo Bevilacqua, sono state a Venafro nella splendida  Dimora Del Prete Belmonte. Franco Valente ha illustrato le bellezze del  centro storico di Venafro, Benedetta Del Prete quelle della dimora  storica, mentre Emilio Pesino ha parlato del Parco Regionale dell’Olivo  di Venafro. La trasmissione sarà in onda il 28 gennaio.


2011


4 -11 DICEMBRE 2011 – IL PARCO PRESENTE ALLA FIERA NAZIONALE DEL TARTUFO
L’Ente  Parco è presente con uno stand alla fiera del tartufo di Isernia dal 4  all’11 dicembre. E’ l’occasione per far conoscere programmi ed obbiettivi del Parco attraverso la distribuzione di brochure e stampati.

CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 25 NOVEMBRE 2011
Approvati  all’unanimità tutti gli argomenti all’ordine del giorno tra i quali il  bilancio di previsione 2012 e l’assestamento di bilancio. Deliberazioni  hanno riguardato la pubblicazione del libro del Prof. Ferdinando Alterio  e l’affidamento dell’organizzazione della manifestazione VENOLEA 2012,  all’Associazione Slowfood.
Ancora, è stato approvato un documento per  l’individuazione delle aree incolte, dove effettuare gli interventi di  manutenzione del territorio, mentre sono stati reperiti i fondi per  premiare tramite concorso i conduttori degli oliveti meglio tenuti.

25 NOVEMBRE 2011 – CONSIGLIO DIRETTIVO
Fissato  per il 25 novembre il Consiglio direttivo dell’Ente Parco. Tra gli  argomenti all’ordine del giorno il bilancio di previsione 2012, la pubblicazione del libro di Ferdinando Alterio sull’olivicoltura  mediterranea, la predisposizione degli atti necessari ai progetti di  pulizia e manutenzione degli oliveti incolti, già finanziati.

20 NOVEMBRE 2011 – IL PARCO PRODUCE OLIO PROMOZIONALE
Il  Parco imbottiglierà olio promozionale proveniente unicamente dagli  oliveti del Campaglione. L’intento è quello di far conoscere questo raffinato prodotto dalle qualità uniche e presentarlo a mostre, fiere e  concorsi. Questa iniziativa si spera possa far da traino  all’olivicoltura locale, nella ricerca di un mercato di nicchia e di un  efficace indotto economico.

10 NOVEMBRE 2011 – AL VIA L’ORGANIZZAZIONE DI VENOLEA 2012
E’  iniziata l’organizzazione di Venolea 2012, la manifestazione ideata  dall’Ente Parco in collaborazione con l’Associazione Slowfood per la promozione del territorio del Parco e dei suoi prodotti. Questa si  svolgerà presso Palazzo De Utris nel Centro storico di Venafro, il 14 e  il 15 gennaio 2012. Esposizioni dei produttori d’olio provenienti anche  da altre Regioni e da altre aree protette, laboratori del gusto, visite guidate al Parco, un convegno e degustazioni di piatti tipici, nel  programma della manifestazione che verrà presentata ufficialmente prossimamente.

3 NOVEMBRE 2011 – ENNESIMO INCENDIO SU MONTE SANTA CROCE
Ennesimo incendio su monte Santa Croce, che ha interessato solo marginalmente il Parco.
Le  fiamme sviluppatesi per la distrazione durante la manutenzione di un  oliveto presso il Castello, si sono propagate verso la Torricella alle  falde di Santa Croce. Ancora una volta è venuto meno il rapido  intervento dei mezzi di soccorso aereo, unica possibilità per evitare il propagarsi di incendi su un monte di siffatte pendenze. Da considerare  il concomitante fermo tecnico dell’elicottero della Regione e l’avvenuto  scioglimento delle squadre antincendio della Regione. Grazie  all’encomiabile lavoro dell’Associazione Vigili del Fuoco in congedo di  Venafro, presieduta da Elvio Santamaria, e della Forestale, le fiamme  sono state tenute lontano dagli oliveti pedemontani e dal teatro romano,  grazie anche alla ripulitura di un sentiero effettuata dal Parco  recentemente. Decisivo nella mattinata del 4 novembre il soccorso dei  mezzi aerei che con magistrale abilità sono riusciti ad avere la meglio  sulle fiamme.
Situazioni del genere sono una spia dell’alto grado di  inciviltà delle nostre zone, anche in considerazione di atti vandalici  avvenuti recentemente in un area del Parco.

21 e 22 OTTOBRE 2011 – EFFETTUATE LE PROCEDURE COMPARATIVE PER I BANDI NN. 6,7 e 8
Sono  state effettuate le procedure comparative per i contratti di  collaborazione professionale per attività di marketing territoriale  (bando n.6), supporto alle visite turistiche (bando n.7) e per la  manutenzione dei muri a secco e sorveglianza (bando n.8).
Sono  risultati vincitori, dopo il colloquio del 22 ottobre, il Dr. Stefano  Sequino, del Ministero delle Risorse agricole e Forestali di Palombara Sabina (Roma), la D.ssa Manuela Martone, laureata in lettere con  indirizzo archeologico, di Venafro, e Domenico Biello (Bando n. 8) di Monteroduni. Una trentina le domande pervenute per i bandi nn. 6 e 7,  solo una per il bando n. 8.

8 OTTOBRE 2011 – AL VIA LA RIQUALIFICAZIONE DEI SENTIERI
Staccionate  e bacheche didattiche verranno messe a dimora dapprima nei sentiero n.1  che collega il centro storico al Parco e al teatro romano, poi  gradualmente in tutti gli altri spazi previsti. In via dell’Acquedotto,  presso il teatro romano, è iniziata una sia parziale riqualificazione,  con il rifacimento muri a secco, sostituzione di pericolose recinzioni  con staccionate.

5 OTTOBRE 2011 – PUBBLICAZIONI DEL PARCO
Pubblicata  la prima brochure del Parco grazie alle collaborazioni gratuite di  Emilio Pesino, Ferdinando Alterio, Domenico Biello e Sonia Genua che ha  donato al Parco il logo e altre immagini.
A Dicembre verrà pubblicato  l’importante libro scritto dall’agronomo Prof. Ferdinando Alterio  dedicato alla Storia dell’olivicoltura mediterranea e dell’Olivo di  Venafro, curata dalla Volturnia edizioni. Un volume di assoluta  importanza, frutto di oltre 20 anni di accurati studi che ne fanno  dell’autore uno dei maggiori esperti del settore in ambito nazionale.

3 OTTOBRE 2011 - PUBBLICATO L’AVVISO PUBBLICO PER LA MANUTENZIONE DEGLI OLIVETI INCOLTI
L'Ente  Parco ha pubblicato sul proprio sito web un avviso pubblico con il  quale si intende istituire un elenco, da aggiornare annualmente, di  imprenditori agricoli, singoli o associati, cui affidare lavori di  sistemazione e manutenzione del territorio,  salvaguardia del paesaggio agrario e forestale, cura e mantenimento dell’assetto idrogeologico.
I  lavori riguarderanno terreni compresi nel perimetro del Parco e  riguarderanno, indicativamente, le seguenti tipologie: a) sistemazione e manutenzione degli elementi caratterizzanti il paesaggio agrario e  forestale, quali muretti in pietra a secco, fontanili,  staccionate,  ecc; b) sistemazione di tratti di sentieri e mulattiere; c) piccole  opere di regimazione delle acque superficiali; d) regolazione di siepi;
e) eliminazione di rovi; f) sfalcio delle erbe negli oliveti incolti.

26 SETTEMBRE 2011 - PRONTA LA SEDE DEL PARCO IN VIA DE UTRIS
E’  agibile la sede dell’Ente dopo l’accordo formalizzato con lo IACP. Essa  fungerà anche da presidio turistico grazie al progetto approvato dalla  Regione che permetterà all’Ente di avere due organizzatori e  accompagnatori turistici. In previsione della partenza del servizio previsto a novembre sono stati programmati una serie di incontri con la  Curia, la Soprintendenza archeologica e altri Enti oltre ai proprietari  delle strutture ricettive. Ultimamente ha visitato il Parco  Gustav A.  Schatzmeyr,  giornalista nonché proprietario della rivista austriaca  55plus-Magazin ospitato presso la Dimora Del Prete Belmonte.

24 SETTEMBRE 2011 – INAUGURATO IL TEATRO ROMANO DI VENAFRO
Finalmente,  dopo decenni, viene riaperto l’importante sito archeologico, grazie al  lavoro della Soprintendenza archeologica del Molise. L’area inserita  nella perimetrazione del Parco costituirà, grazie a precisi accordi tra  Parco, Soprintendenza e Comune, un ulteriore elemento di attrazione per  l’area protetta.

22 SETTEMBRE 2011 – CONSIGLIO DIRETTIVO DEL PARCO
Approvato  il progetto “Attività promozionali dei beni culturali dell’Ente Parco  Regionale dell’Olivo di Venafro” finanziato dalla Regione con conseguente variazione di bilancio e avviate le procedure
per il reperimento di n. 2 figure professionali, n. 1 artigiano per l’attuazione del progetto.

22 SETTEMBRE 2011 – CONCESSIONE DELL’EMBLEMA DEL PARCO AL VIVAIO LO.GI.CA. VERDE DI MONTERODUNI
Stipulata  un intesa tra il Parco e l’Azienda vivaistica LO.GI.CA. Verde di  Monteroduni per la concessione dell’emblema dell’Ente.
L’Azienda  vivaistica si impegna a produrre almeno 150 piantine annue da talea  autoradicata di cultivar autoctone del Parco, dotate di attestazione  fitosanitaria, derivate da piante madri certificate e a tenerle a  disposizione dell’Ente per il reimpianto di oliveti.
L’Ente Parco e  l’Azienda potranno promuovere interventi, progetti, corsi di formazione  ed il recupero del germoplasma di varietà ancora non caratterizzate.

16 SETTEMBRE 2011 – FIRMATA LA CONVENZIONE CON L’ASSOCIAZIONE DEI VIGILI DEL FUOCO IN CONGEDO – DELEGAZIONE DI VENAFRO
Sottoscritta  dal Presidente dell’Ente Emilio Pesino e dal Presidente  dell’Associazione dei Vigili del Fuoco in congedo – Delegazione di Venafro Elvio Santamaria, una convenzione finalizzata a supportare  l’Ente
-nella la vigilanza antincendio,
-nel monitoraggio sullo  stato dei suoli agricoli e degli oliveti in riferimento alle normative  del Parco e ai regolamenti comunali vigenti, al fine di prevenire gli  incendi,
-negli eventi organizzati dall’Ente Parco
e a rendere disponibili i mezzi dell’Associazione per le esigenze del Parco.

14 SETTEMBRE 2011 – INCONTRO AL COMUNE ORGANIZZATIVO DI UN EVENTO PROMOZIONALE
Si  è tenuto al presso la sala giunta del Comune di Venafro un incontro tra  Ente Parco, Assessorato al Turismo del Comune di Venafro, Camera di  Commercio, Coldiretti e Associazioni Slow Food e il Gruppo, circa  l’organizzazione di un evento promozionale del Parco. La seduta sarà  aggiornata al fine di valutare l’esistenza dei presupposti  organizzativi, tempi ed un programma preciso.

6  SETTEMBRE 2011 – FINANZIATO PROGETTO ENTE PARCO SULLA FRUIZIONE DEI  BENI CULTURALI DALL’ASSESSORATO ALLA CULTURA DELLA REGIONE MOLISE
Con  nota del 1 settembre 2011 il Presidente della Giunta Regionale Michele  Iorio ha comunicato al Parco il finanziamento del Progetto proposto dal  Presidente dell’Ente e denominato ”ATTIVITÀ PROMOZIONALI DEI BENI  CULTURALI ED AMBIENTALI DELL’ENTE PARCO REGIONALE DELL’OLIVO DI VENAFRO”  ai sensi della L.R. n.17/99 e dell’ Accordo di programma per la  valorizzazione del patrimonio culturale, storico e artistico della  Regione Molise”Cultura e Territorio”.
Per attuare le iniziative  promozionali si intende investire sulle risorse umane con l’utilizzo di  due figure professionali da collocare nella sede del Parco che dovranno
-  organizzare una gestione integrata degli accessi, uniformando orari e  coordinando la fruibilità dei luoghi d’interesse storico e naturalistico  in collaborazione con gli altri enti gestori dei beni culturali ed  architettonici (Comune, Soprintendenza ecc.),
- fungere da accompagnatore turistico
- assicurare un servizio continuativo di supporto informativo,
- coordinare e mettere in rete le emergenze ambientali e storiche del  territorio limitrofo a quello del Parco, al fine di ampliare l’offerta turistica del territorio e renderla più appetibile,
- gestire servizi informatici di supporto quali siti internet dedicati,
- promuovere in ambito scolastico progetti di fruizione didattica del  territorio al fine di migliorare la conoscenza dello stesso, fondamento per la sua conservazione,
- coordinare le iniziative promozionali dell’Ente (manifestazioni, stages, convegni, eventi didattici)
Grazie  al finanziamento pari a 30.000 euro, comprensivo di materiale  promozionale, viene a colmarsi una lacuna nella fruibilità dei beni architettonici e naturalistici del territorio, il cui godimento non è  spesso non praticabile per la chiusura dei siti ai visitatori o per iinadeguata promozione. Il finanziamento sarà prorogabile nelle prossime  annualità.
L’iniziativa verrà inserita nell’ambito di alcune  iniziative già avviate insieme all’Assessorato al turismo del Comune di  Venafro.

2 SETTEMBRE 2011 - ANCORA UN INCENDIO SU MONTE CORNO
Ancora  un incendio sulla sommità di Monte Corno ai limiti del Parco causato da  un innesco incendiario che si è attivato poco oltre la mezzanotte in un  area impervia.
Chiara la matrice dolosa da parte dei soliti allevatori che frequentano la montagna.
Ancora  una volte emergono le criticità nella gestione di questi eventi: la  pendenza elevata ed il ritardo dei mezzi di spegnimento aerei, fondamentali fin dalle prime fasi dell'incendio in questa situazione.  Appare chiaro che l'unica prevenzione efficace è sanzionare il pascolo nelle aree percorse dagli incendi, in maniera assidua.

1 SETTEMBRE 2011 - IL PARCO AVVIA LA MANUTENZIONE DEI SENTIERI
Avviata  la manutenzione, l'asportazione di vegetazione dal primo sentiero  segnato che si sviluppa a monte del teatro romano e della Cattedrale,  per far ritorno poi al centro storico.

30 AGOSTO 2011 - COMPLETATO IL PRIMO INTERVENTO PARCO SULLE AREE PUBBLICHE
I  mezzi della Comunità montana hanno completato per conto dell'Ente Parco  un primo intervento per la manutenzione ed il controllo della  vegetazione lungo le strade dell'area protetta al fine di prevenire  incendi tra gli oliveti. E' bene chiarire che il Parco si è sostituito  al Comune di Venafro e al Consorzio di Bonifica che non hanno effettuato  quest'anno interventi similari. In particolare il Consorzio di Bonifica, che pure percepisce contributi dai proprietari di fondi  agricoli all'interno del Parco, non ha effettuato alcun intervento  nell'area pedemontana atto a prevenire la propagazione di incendi.  Seguirà nei prossimi giorni una richiesta in tal senso da parte  dell'Ente Parco al Consorzio di Bonifica, almeno a partire dall'anno  prossimo.

25 AGOSTO 2011 - GARE PER FORNITURE
Realizzate  le procedure per l'acquisto di materiale informatico per la sede  (computer, stampanti, ecc.), per la stampa di una brochure promozionale  del Parco, di 56 tabelle didattiche 70X100 da posizionare lungo i  sentieri dell'area protetta con annesse bacheche di legno e staccionate,  oltre che per altro materiale espositivo e segnaletico.

13 AGOSTO 2011 - INCENDIO IN UN'AREA ARBUSTIVA SU MONTE CORNO AI LIMITI DEL PARCO NEL COMUNE DI CONCA CASALE.
Incendio  anomalo per la sede in cui è stato appiccato, evidentemente finalizzato  ad aprire nuovi varchi nella vegetazione per il pascolo. Come è noto da  decenni le montagne a ridosso di Venafro sono ostaggio di personaggi,  tra cui allevatori senza scrupoli, che appiccano il fuoco in maniera  scientifica per ottenere lo scopo prefissato.
In realtà le mandrie di  costoro pascolano molto spesso su territori vincolati, perché percorsi  dal fuoco e quindi tutelati dai vincoli del catasto incendi.
E' da  sottolineare come l'area boschiva interessata dall'incendio, nel Comune  di Conca Casale, sia oggetto di iniziative dell'Ente, volte alla sua  inclusione nell'area protetta.
Si deve solo al grosso lavoro che  compie la Forestale, grazie anche al ritrovamento di inneschi  incendiari, una limitazione a situazioni peggiori.
Peraltro, proprio  in questi giorni sono in atto interventi concordati tra Parco e  Comunità Montana per la pulizia di aree incolte limitrofe alle strade  interpoderali e sta per essere sottoscritta una prima convenzione con  l'Associazione Vigili del Fuoco in congedo di Venafro, per il controllo e  la prevenzione degli incendi.
Ma questi primi interventi e quelli  programmati prossimamente dall'Ente, risulteranno vani in assenza di una  presa di coscienza collettiva di Enti e Istituzioni.  
Dopo il  catastrofico incendio del luglio 2007, gli interventi che si sarebbero  dovuti realizzare, quali strisce parafuoco e l'adeguamento della strada  dell'acquedotto all'utilizzo di mezzi antincendio, con punti acqua, sono  rimasti al palo.
Peraltro, un intervento di prevenzione programmato  l'anno scorso tra Comune, Parco e ARSIAM non è stato finalizzato per  problemi burocratici.
E'auspicabile pertanto, un controllo del  territorio costante per vietare il pascolo nelle zone percorse dagli  incendi, per favorire la manutenzione degli oliveti, visto quanto  prevede il Regolamento comunale di polizia rurale esistente. Gli   accertamenti per quanto riguarda l'Ente Parco inizieranno subito dopo  la creazione di un necessario database informatico catastale.

1 AGOSTO 2011 - PRIMI INTERVENTI PER FRONTEGGIARE IL PERICOLO INCENDI
Nonostante  i ritardi che hanno permesso solo ora l'inizio delle attività  dell'Ente, ci si è subito mossi per cercare di fronteggiare, anche se con misure non ancora sufficienti, il fenomeno degli incendi.
A  partire dai primi di agosto, grazie alla convenzione stipulata con la  Comunità montana un mezzo interverrà su aree pubbliche limitrofe alle  principali strade e ed un collaboratore del Parco potrà cominciare ad  espletare attività di vigilanza sull'area. Seguirà a breve una convenzione con un' Associazione abilitata al controllo e allo  spegnimento degli incendi.
E' tuttavia inammissibile che il  regolamento di Polizia rurale del Comune di Venafro non venga  rispettato, soprattutto se alla luce della pianificazione del Parco  verrà fuori che proprietari terrieri che godono di finanziamenti per la  manutenzione degli oliveti non li utilizzano a dovere, o affatto.
E' intenzione dell'Ente andare incontro alle esigenze di tutti con una  serie di iniziative volte al recupero del territorio, tuttavia, se occorrerà, non mancheranno interventi repressivi ai sensi delle vigenti  norme .
L'Ente Parco formula il proprio appello, affinché si osservi  l'obbligo di manutenzione degli oliveti. E' indispensabile infatti, la  collaborazione dei proprietari terrieri nella difesa dello storico  patrimonio olivicolo di Venafro, in un momento di estrema vulnerabilità.  

30 LUGLIO 2011 - CONVOCATO IL CONSIGLIO DIRETTIVO DELL'ENTE
Convocato  per il 5 agosto 2011 il Consiglio direttivo dell'Ente. All'ordine del  giorno l'approvazione di un regolamento di economato ed il punto sulle  difficoltà burocratiche che si sta cercando di superare.

11 LUGLIO 2011 - APPROVATO IL BILANCIO DI PREVISIONE 2011
Approvato,  con il parere positivo del Revisore dei Conti, il bilancio di  previsione 2011 dell'Ente. Punti qualificanti del bilancio sono, oltre  la riduzione di più di un terzo dei compensi spettanti nell'anno in  corso al consiglio direttivo e l'assenza di quelli maturati negli anni  scorsi,
una dotazione organica snella che prevede un coordinatore  amministrativo, un contabile, e due addetti alla manutenzione del  territorio a disposizione dei coltivatori (per queste figure è già stato  esperito il reperimento tramite avviso pubblico),
interventi per la riqualificazione sentieristica e arredo didattico con tabelle, bacheche e staccionate,
finanziamenti alle imprese agricole per la manutenzione del territorio grazie alla Legge sulla Montagna,
convenzioni con associazioni di volontariato afferenti alla protezione civile
servizi tecnici di supporto con la Comunità Montana,
l'organizzazione di un evento autunnale dedicato all'olio e ai prodotti tipici delle aree protette mediterranee,
pubblicazioni di brochure, di un libro dedicato alla storia dell'olivo di Venafro e di una mostra itinerante,
l'organizzazione di un presidio turistico presso Palazzo De Utris.

27 GIUGNO 2011 - CONVOCAZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL 11 LUGLIO
Il  Presidente del Parco ha convocato il consiglio direttivo dell'Ente il  giorno 11 luglio alle ore 16.00 presso la Sala Consiliare della Comunità  Montana, sita in via Conca Casale 17/A a Venafro, con il seguente  ordine del giorno:
1)APPROVAZIONE VERBALI SEDUTE PRECEDENTI E COMUNICAZIONI
2)RATIFICA  DEL. PRESIDENZIALE N.2 DEL 18.06.11 " REPERIMENTO DI N. 1 FIGURE  PROFESSIONALI PER INCARICO DI COLLABORAZIONE - APPROVAZIONE BANDO"
3)APPROVAZIONE RELAZIONE PROGRAMMATICA  E  BILANCIO DI PREVISIONE 2011
4)CONVENZIONE PER SEDE ENTE PARCO CON IACP DI ISERNIA
5)CONVENZIONE CON ASSOCIAZIONE CAMPO BASE DI ISERNIA
6)PROPOSITI CONTRO LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI EOLICI NEI COMUNI DI CONCA CASALE E VENAFRO.
La riunione è pubblica e chiunque può partecipare.

20 GIUGNO 2011 - AVVISI PUBBLICI PER IL REPERIMENTO DI FIGURE PROFESSIONALI
Dando  seguito alle deliberazioni del Consiglio direttivo, il Presidente del  Parco ha pubblicato sul sito web gli avvisi pubblici per reperire, previa procedura comparativa, quattro figure professionali, di cui n. 1  collaboratore amministrativo, n. 1 collaboratore contabile n. 1 collaboratore tecnico e n.1 collaboratore artigiano, cui conferire  specifici incarichi individuali. Le domande di partecipazione alla  selezione vanno inoltrate entro il 5 luglio 2011.

8 GIUGNO 2011 - INCONTRO TRA COMUNE DI VENAFRO, PARCO E SOPRINTENDENZA AI BENI ARCHEOLOGICI
Si  è tenuto a Campobasso presso la sede della Soprintendenza un incontro  organizzato dall'Assessore Nicandro Boggia, volto a definire i criteri  di gestione delle emergenze archeologiche e naturalistiche di Venafro a  fini didattici, fruitivi e turistici. E' emersa la volontà da parte della Soprintendenza di aprire finalmente al pubblico il teatro romano e  di collegarlo a percorsi individuati nel Parco e nel Centro storico. Il Parco sin da subito si è reso disponibile ad ampliare la propria  dotazione di pannelli didattici secondo le indicazioni della  Soprintendenza e all'arredo dei sentieri.

15 MAGGIO 2011 - SEDE DEL PARCO, ACCORDO CON LO IACP PER UN LOCALE IN PALAZZO DE UTRIS
Il  Commissario dell'Istituto Autonomo Case Popolari di Isernia, Gianni  Fantozzi ha accolto la richiesta del Presidente del Parco Emilio Pesino,  circa la possibilità di ubicare la sede dell'Ente in Palazzo De Utris  nel Centro storico di Venafro. Si ritiene che questa soluzione possa  contribuire a dare visibilità e prestigio all'Ente. Lo IACP da alcuni  anni persegue un'apprezzabile attività di recupero di immobili nel centro storico; in particolare Palazzo De Utris possiede le  caratteristiche idonee ad ospitare la sede del Parco, in virtù  dell'indirizzo funzionale conferito alla struttura, che ospita  frequentemente convegni, mostre e stabilmente il Museo Winterline. I  dettagli tecnici dell'accordo verranno elaborati con l'Arch. Franco  Valente, Direttore generale dello IACP.

5 MAGGIO 2011 - SECONDO CONSIGLIO DIRETTIVO IN ATTESA DEI FONDI STANZIATI PER L'ENTE
Prosegue  l'iter di organizzazione interna dell'Ente. Tre le delibere approvate  il 5 maggio (pubblicate nella sezione dedicata alle Deliberazioni del  Consiglio direttivo). La prima è la ratifica dell'accordo con la  Comunità Montana finalizzato soprattutto ad avere una serie di servizi  come l'Ufficio tecnico a favore del Parco. La seconda individua il  personale necessario all'Ente, cioè un collaboratore amministrativo, un  collaboratore contabile ed uno tecnico per la sorveglianza del  territorio, il monitoraggio ed il supporto informatico. L'ultima  delibera avvia l'iter per la costituzione di un elenco di imprese  agricole cui affidare progetti di manutenzione del territorio olivicolo incolto, ai sensi della Legge sulla Montagna.

21 APRILE 2011 - SEDE DEL PARCO, L'ENTE RIFIUTA DI SOTTOSCRIVERE LA CONVENZIONE CON IL CONSORZIO DI BONIFICA
Il Consiglio direttivo dell'Ente Parco ha esaminato le modifiche apportate  unilateralmente dal Consorzio di Bonifica al testo di convenzione concordato in prima istanza.
E' opinione unanime del Consiglio che la  riduzione temporale della convenzione a tre anni (invece di 5) la  prevista successiva ratifica dell'accordo, da parte del Consiglio di  deputazione del Consorzio (che potrebbe rimettere tutto in discussione),  non rendano opportuni investimenti economici sulla struttura adibibile a  sede, stante l'incertezza dell'arco temporale d'uso della stessa.                     
Pertanto, variando le condizioni concordate in  prima istanza, questo Ente non ritiene di dover procedere alla stipula  della convenzione in oggetto. Rimarrà pertanto inutilizzata la bella  struttura del Consorzio, così come il Casello idraulico dello  sbarramento di Ripaspaccata sul Volturno. Queste strutture realizzate  negli scorsi anni sono le classiche cattedrali nel deserto realizzate  con fondi pubblici.

5 APRILE 2011 - COMUNICAZIONE UFFICIALE SUI FONDI DESTINATI AL PARCO
Con  nota ufficiale il Direttore Generale dell Regione Molise Francioni ha  comunicato all'Ente che i fondi destinati al Parco nel 2010, e non utilizzati per mancanza del Consiglio direttivo, sono stati reiscritti  al Bilancio 2011, sempre a favore del Parco. Dovranno seguire i necessari adempimenti tecnici per l'accreditamneto delle somme e quindi  per dare il via, finalmente, alle attività programmate dall'Ente Parco.

21  MARZO 2011 - IL PARCO REGIONALE DELL'OLIVO NON È UN'AREA PROTETTA: È  L'AFFERMAZIONE DELL'ASSESSORE ALL'AMBIENTE DELLA REGIONE MOLISE  SALVATORE MUCCILLI
In una nota del  21 marzo 2011 inviata al Parco, a seguito dell'invio da parte di  quest'ultimo dello Statuto (trasmesso, ai sensi della vigente normativa,  alla Consulta delle aree protette), l'Assessore afferma che il Parco  dell'Olivo non può essere considerato area protetta perché non ha  seguito l'iter previsto dalla Legge Regionale sulle aree protette e cioè  l'approvazione da parte della Consulta sulle aree protette. E' evidente  tuttavia, che le leggi di riferimento del Parco sono quella istitutiva  (L.R. 30/2008) e di rimando quella sulle aree protette regionale (L.R.  24/2004), alle quali l'Ente Parco è subordinato. E ciò indipendentemente  di come si sia arrivati alla istituzione del Parco.

15 MARZO 2011 - IL PRESIDENTE INCONTRA IL DIRETTORE GENERALE DELLA REGIONE MOLISE ANTONIO FRANCIONI
Un  incontro tecnico finalizzato a capire quale ufficio della Regione debba  eseguire la determina per la riassegnazione per al 2011 dei fondi messi  a disposizione del 2010 per il Parco. Infatti i fondi stanziati nel  2010 non sono stati spesi per la mancanza del direttivo del Parco, nominato solo alla fine dell'anno. E' seguito il fattivo e  chiarificatore intervento dello stesso Direttore Generale.

14 MARZO 2011 - VERIFICA DELLE NOMINE IN SENO AL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL PARCO
A  seguito, pare, di un esposto anonimo e di una conseguente  interrogazione, l'Ufficio di Presidenza della Regione Molise ha avviato  una procedura di verifica circa i requisiti curriculari di alcuni membri  del Consiglio direttivo ai sensi della Legge 16/2002. La procedura,  assai irrituale per la Regione Molise, si è tuttavia conclusa con la  riconferma degli attuali consiglieri.

3 marzo 2011 - GLI OLIVETI DI VENAFRO NEL VOLUME PAESAGGI RURALI STORICI
Giovedì  3 marzo alle ore 11.00 si è tenuta, alla presenza del Ministro delle  Politiche Agricole Giancarlo Galan, la conferenza stampa di presentazione del volume "Paesaggi rurali storici. Per un Catalogo  nazionale", edito da Laterza, presso la Sala Cavour del Ministero delle  politiche agricole alimentari e forestali.
L'opera, che raccoglie  123 esempi di paesaggi rurali del nostro Paese, è stata realizzata  grazie al progetto speciale "Catalogo nazionale dei Paesaggi rurali di  interesse storico" finanziato dalla Direzione generale della  competitività per lo Sviluppo rurale del Ministero delle politiche  agricole.
Sono inclusi in questa lista anche gli antichi olivi di  Venafro a conferma delle necessità delle iniziative di tutela avviate  dall'Ente Parco.
La pubblicazione del volume "Paesaggi rurali  storici. Per un Catalogo nazionale", con presentazione del Presidente  della Repubblica Giorgio Napolitano, è la prima delle iniziative  promosse dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali  per le celebrazioni per il 150° anniversario dell'Unità d'Italia.

Febbraio 2011 - PREPARAZIONE DEI REGOLAMENTI E SEGUITO DELLE DELIBERE DEL C.D. DEL 8.2.11
Si  sta dando seguito a tutte le delibere adottate nel primo consiglio  direttivo dell'Ente (convenzione con la Coldiretti, con i vivaisti,  sede, tesoreria) attraverso procedure molto spesso non facili. Allo  stesso tempo si lavora ai regolamenti interni dell'Ente, necessari al funzionamento dello stesso. In mancanza ancora dei fondi regionali  necessari, tutta l'attività viene svolta a titolo gratuito dal  Presidente e dai Consiglieri. Un ringraziamento particolare ad  Alessandro Aceto, responsabile dell'Ufficio legale del Parco Nazionale  d'Abruzzo , Lazio e Molise, a Domenico Biello e a Benedetto Iannacone,  Assessore allo Sport del Comune di Venafro, per la loro opera  professionale prestata a favore dell'Ente.

8 febbraio 2011 – CONVOCATO IL PRIMO CONSIGLIO DIRETTIVO DELL’ENTE
Il  presidente del parco Emilio Pesino ha convocato il 8 febbraio alle ore  15.30 in prima convocazione, e alle ore 16,30 in seconda convocazione,  presso la sala consiliare del consorzio di bonifica della piana di  venafro (ss. dir. 6 n.1, venafro) il consiglio direttivo dell'ente, con  il seguente ordine del giorno:
1.  comunicazioni
2. delibera  presidenziale n. 3 del 31 maggio 2010 recante  "affidamento provvisorio del servizio di tesoreria dell'ente parco  regionale  storico agricolo dell'olivo di venafro"  - ratifica
3. delibera  presidenziale n. 1 del 10 febbraio 2010 recante "accordo  tra ente parco regionale storico agricolo dell'olivo di venafro e la  federazione provinciale della coldiretti di isernia" - ratifica
4. sede del parco - schema di convenzione con il consorzio di bonifica  della piana di venafro per la concessione in comodato d'uso gratuito del casello della vasca alta le noci (venafro)
5. protocollo  d'intesa:  concessione sperimentale dell'emblema del parco alle aziende  vivaistiche,  finalizzato alla produzione di olivi autoctoni.
6. approvazione proposta di statuto dell'ente
7. varie ed eventuali


2010


18 NOVEMBRE 2010 – CONFERENZA STAMPA DELL’ENTE PARCO
Alla  presenza del Sindaco di Venafro, Avv. Nicandro Cotugno e dei  Consiglieri regionali eletti a Venafro, Nicandro Ottaviano e Massimiliano Scarabeo (assente per motivi istituzionali Mario  Pietracupa), si è tenuta nella sala consiliare del Comune di Venafro,  una conferenza stampa sulla situazione e le sulle prospettive prossime  dell’Ente Parco. Ribadita la necessità che la Regione adempia alle  nomine del Consiglio Direttivo e renda disponibile i finanziamenti per  l’area protetta.

16 NOVEMBRE 2010 – PARERE CONSULTIVO RICHIESTO ALL’ENTE PARCO NAZIONALE D’ABRUZZO, LAZIO E MOLISE
In  considerazione della situazione incerta in cui versa l’Ente Parco  Regionale dell’Olivo di Venafro, il Presidente ha chiesto all’Ufficio legale dell’Ente Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, un parere  riguardo la congruità e la legittimità delle deliberazioni adottate in  regime di urgenza, ai sensi dell’art.2 della L.30/2008. L’Ufficio legale  del PNALM ha confermato che la procedura eseguita è corretta e che le suddette deliberazioni hanno titolo di efficacia.

9 AGOSTO 2010 - LA REGIONE NON SI ESPRIME SULLE DELIBERE PRESIDENZIALI DEL PARCO
Il  Direttore Generale della Regione Molise, con nota n. 49507/10 del  9.08.2010, non si esprime circa l'avallo delle citate delibere, non esplicitando di fatto l'organo o il funzionario di vigilanza sugli atti  del Parco e richiedendo, in ultimo, un parere dell'Ufficio legale  della Regione, finora non pervenuto.

14 LUGLIO 2010 - TRASMISSIONE DELIBERE ALLA DIREZIONE GENERALE DELLA REGIONE MOLISE
Sulla  base l'art. 2, comma 4, della L.R. 30/2008, a tenore del quale , "Il  Presidente … adotta i provvedimenti urgenti ed indifferibili che sottopone alla ratifica del Consiglio direttivo nella seduta  successiva…", e vista l'urgenza di predisporre i primi atti propedeutici  e necessari al funzionamento dell'Ente, si è ritenuto di deliberare i  seguenti provvedimenti, previa consultazione informale con l'Ufficio legale del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, da porre a  successiva ratifica del Consiglio direttivo:

1. ACCORDO TRA ENTE PARCO REGIONALE STORICO AGRICOLO DELL'OLIVO DI VENAFRO E LA FEDERAZIONE PROVINCIALE DELLA COLDIRETTI  DI ISERNIA
(avente come oggetto la gestione dei suoli coltivati ad  olivo, le modalità per la manutenzione e l'impegno per il reperimento  delle risorse, la possibilità di affidare a cooperative, aziende  agricole la manutenzione ai sensi dell'Art. 17 della L.94/97 - Legge  sulla Montagna).

2. PROTOCOLLO D'INTESA CON LA COMUNITA' MONTANA
(avente come oggetto la possibilità di utilizzo a scavalco, su  richiesta del Parco, del personale della Comunità Montana con funzioni  tecniche, contabili, amministrative e direttive a favore dell' Ente  Parco, finalizzato ad un risparmio delle risorse gestionali dell'Ente).

3. AFFIDAMENTO PROVVISORIO DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELL'ENTE PARCO REGIONALE
STORICO AGRICOLO DELL'OLIVO DI VENAFRO
(considerata la necessità di allocare le risorse stanziate).
Ma  tali atti potranno essere esecutivi solo se validati dalla struttura  tecnica regionale di controllo e di supporto alle attività del Parco,  che dipende dalla Direzione generale della Regione Molise.
Spetta ora alla Regione Molise approvare o rigettare le delibere e soprattutto indicare cosa vuole fare di questo Parco.

28 GIUGNO 2010 - INTERROGAZIONE AL CONSIGLIO REGIONALE
Interrogazione  del Consigliere Massimiliano Scarabeo al Presidente del Consiglio  Regionale Picciano, al Presidente della Giunta Regionale Iorio,  all'Assessore all'Ambiente Muccilli e all'Assessore all'Agricoltura e  Foreste Cavaliere, sulla paradossale situazione del Parco dovuta ai  ritardi della mancata nomina del Consiglio Direttivo dell'Ente.
Posto  l'accento, tra l'altro, sulla nota "sui generis"dell'Ufficio Parchi  della Regione Molise che si è dichiarato incompetente alla vigilanza e controllo dell'Ente Parco.

19 GIUGNO 2010 - CONSIGLIO DIRETTIVO DELL'ENTE - APPELLO AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE
Inviata una nota al Presidente del Consiglio regionale sulla mancata costituzione del Consiglio Direttivo del Parco.
A 13 mesi dalla nomina del Presidente del Parco, infatti, benché la  Regione Molise abbia previsto uno stanziamento di € 150.000 per l'esercizio 2010, l'Ente a tutt'oggi non è in grado di funzionare per  impedimenti di ordine tecnico-amministrativo, in primis la mancata nomina del Consiglio direttivo e del Revisore del Conti da parte del  Consiglio Regionale.
Al Presidente dell'Ente, infatti, non sono stati affidati poteri commissariali.
Inoltre  la Legge istitutiva non prevede la figura di organo di gestione, né  tale funzione può essere esercitata dal Presidente dell'Ente, stante la  rigorosa separazione tra compiti di indirizzo politico-amministrativo e  compiti di gestione, prescritta per tutti gli Enti pubblici dal D.Lgs  165/2001.
Sulla  base l'art. 2, comma 4, della L.R. 30/2008, a  tenore del quale , "Il Presidente … adotta i provvedimenti urgenti ed  indifferibili che sottopone alla ratifica del Consiglio direttivo nella  seduta successiva…", sono stati portati avanti provvedimenti  propedeutici all'avvio istituzionale delle attività e cioè:  l'Accordo  con la Coldiretti (avente come oggetto la gestione dei suoli coltivati  ad olivo, le modalità per la manutenzione e l'impegno per il reperimento  delle risorse, la possibilità di affidare a cooperative, aziende  agricole la manutenzione ai sensi dell'Art. 17 della L.94/97 - Legge  sulla Montagna), il Protocollo d'Intesa della Comunità Montana (avente  come oggetto la possibilità di utilizzo a scavalco, su richiesta del  Parco, del personale della Comunità Montana con funzioni tecniche,  contabili, amministrative e direttive a favore dell' Ente Parco,  finalizzato ad un risparmio delle risorse gestionali dell'Ente) e  l'affidamento provvisorio del servizio di tesoreria.
Ma tali atti  potranno essere esecutivi solo se validati dalla struttura tecnica  regionale di controllo e di supporto alle attività del Parco, che peraltro è in fase di individuazione da parte del Direttore generale  della Regione Molise.
Perdurando tale situazione, si rischia  seriamente di non poter utilizzare i fondi erogati dalla finanziaria  regionale per l'anno in corso.

7 GIUGNO 2010 - INCONTRO CON IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DR. LUIGI MAZZUTO
Tema  dell'incontro effettuato tra il Presidente del Parco e il Presidente  della Provincia è stata la collaborazione per un progetto per il turismo  nel territorio del Parco e la creazione di una rete di coordinamento  per la fruizione dei siti turistici dell'Alto Volturno.

3 GIUGNO 2010 - INCONTRO CON IL DIRETTORE GENERALE DELLA REGIONE MOLISE ANTONIO FRANCIONI
Dopo  la nota nella quale l'Ufficio Parchi della Regione Molise si è  dichiarato incompetente al controllo tecnico-amministrativo  dell'attività dell'Ente Parco, è stato chiesto al Direttore Generale  della Regione Molise Antonio Francioni di individuare tale  indispensabile struttura di supporto.

30 aprile 2010 - SEDE DEL PARCO PRESSO LA CHIESA DI S. ANTONIO DA PADOVA
Effettuata  un'accurata ricognizione degli oggetti sacri contenuti nella Chiesa  sconsacrata di proprietà della Pia Unione e affidata in comodato d'uso  al Parco. Stimato un primo intervento di 20.000 € per manutenzione  ordinaria del luogo.

28 aprile 2010 - IPOTESI DI MANIFESTAZIONE ANNUALE DEL PARCO
Definito  il programma di massima di una manifestazione che con cadenza annuale  nel primo autunno, dovrà supportare le attività promozionali del Parco e  dell'olio venafrano. Si è individuato in un concorso nazionale dedicato  all'Olio dei Parchi e aree protette nazionali, una chiave di lettura  alternativa alle numerose manifestazioni e fiere del settore. Numerosi  gli eventi di contorno programmati. Alla stesura ha collaborato il  primis l'Associazione Slowfood dell'Arch. Francesco Martino, oltre  all'Associazione Musa di Angelo Bucci. E' evidente che il successo di  una tale manifestazione dipenderà da una serie di fattori, tra i quali  il coinvolgimento di Enti e Associazioni, il reperimento di fondi, oltre  alle possibilità di funzionamento del Parco.

20 aprile 2010 - L'UFFICIO PARCHI DELLA REGIONE MOLISE NON COMPETENTE AL CONTROLLO AMMINISTRATIVO DEL PARCO
In  risposta alle problematiche sollevate dal Presidente del Parco,  l'Ufficio Parchi della Regione Molise, con una nota del 20 aprile 2010,  si dichiara non compente al controllo amministrativo e finanziario  dell'Ente Parco, indicando per tali funzioni il Servizio di Supporto  alle Attività del Direttore Generale alle Politiche Agricole, Forestali e  Politiche della Montagna.

20 aprile 2010 - RIUNIONE A CAMPOBASSO CON L'ASSESSORE ALL'AMBIENTE SALVATORE MUCCILLI
Analizzate  con l'Assessore regionale le problematiche relative all'avvio ufficiale  delle attività del Parco, oltre a questioni tecniche affrontate anche  grazie alla presenza alla riunione di Benedetto Iannacone esperto delle  problematiche contabili e amministrative degli Enti pubblici.  L'Assessore ha promesso un suo intervento per sbloccare le nomine  dell'Ente Parco a ormai un anno dalla designazione del Presidente e ad  un anno e mezzo dal termine del suo mandato.

18 aprile 2010 - "RIPULIAMO IL CAMPAGLIONE", MANIFESTAZIONE ECOLOGISTA ORGANIZZATA DAL COMUNE DI VENAFRO E DALL'ENTE PARCO
Un'azione  di volontariato coordinata dalla Protezione civile di Venafro, dalle  Associazioni Carabinieri in congedo e Italia Verde di Fragnete (IS), ha  permesso di ripulire quest'area del Parco dai rifiuti lasciati dalla  Pasquetta venafrana.

10 aprile 2010 - UN PROGETTO PER I RESIDUI DI SFALCIO E POTATURA
Il progetto presentato da Parco e Comune all'Assessorato all'Ambiente  regionale, riguarda i residui vegetali che verranno avviati a biotriturazione al fine del loro riutilizzo come pacciamante,  alleggerente per i terreni argillosi, o come compost. Per l'avvio del  progetto verranno prescelte alcune aree olivetate abbandonate dove si  effettueranno potature e controllo della vegetazione spontanea, in modo tale da contribuire anche alla manutenzione di questi suoli, oggetto di  frequenti incendi. Tale necessaria fase di avvio intende porsi come esempio pilota ed alternativa alle usuali pratiche di smaltimento dei  residui legnosi che prevedono esclusivamente la bruciatura. Altre aree  olivetate deputate a funzioni ricreative verranno invece attrezzate con  raccoglitori per la raccolta differenziata, in materiale e dimensioni  idonee ai luoghi, e con percorsi e tabellonistica didattica sugli  argomenti inerenti il progetto.

9 aprile 2010 - INCONTRO CON L'ASSESSORE ALLA PROTEZIONE CIVILE FILOTEO DI SANDRO
Esaminata  con l'Assessore Di Sandro la perdurante situazione relativa al ritardo  delle nomine del Consiglio Direttivo che difatti blocca l'attività del  Parco. Tema dell'incontro è stata la verifica di possibili  collaborazioni tra Ente Parco e Protezione civile. In virtù della riorganizzazione regionale del settore che prevede presidi regionali  attrezzati (di cui uno a Venafro), è stato preso l'impegno di sottoscrivere una convenzione tra Ente Parco e Assessorato alla  Protezione civile per l'utilizzo di uomini e mezzi afferenti a questo settore, anche nel Parco.

6 aprile 2010 - L A PASQUETTA VENAFRANA AL CAMPAGLIONE
Anche  quest'anno si è consumato il classico "cummit" tra gli olivi di Venafro  con lo strascico di rifiuti e comportamenti incivili. La giornata andrà  regolamentata negli accessi (possibile l'esclusivo ingresso all'area  con navette) e con controlli puntuali. A tal proposito, si ringrazia la  stazione locale del Corpo Forestale dello Stato per l'azione ispettiva  che ha permesso il deferimento alle autorità competenti di soggetti  responsabili di comportamenti incivili.

20 marzo 2010 - IN PREPARAZIONE LO STATUTO DEL PARCO
La  bozza di statuto del Parco, atto primario fondamentale per il  funzionamento dell'Ente che dovrà essere ratificato nel primo consiglio direttivo, è ormai giunto alla bozza definitiva, grazie anche alla  collaborazione del Dr. Alessandro Aceto dell'Ufficio legale del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise.

18 marzo 2010 - RATIFICATA LA CONVENZIONE CON LA COMUNITÀ MONTANA DEL VOLTURNO
Sottoscritto  dal Commissario straordinario della Comunità Montana Antonio Di  Ludovico e dal Presidente del Parco Emilio Pesino, l'accordo per  l'affidamento dei servizi gestionali direttivi, amministrativi e  contabili del Parco alla Comunità Montana. Oltre ad un risparmio  notevole per le risorse finanziarie assegnate al Parco, la convenzione  permetterà sin da subito di avviare le proprie attività ed impegnare i  fondi a disposizione. Altrimenti, la nomina di un direttore avrebbe  distratto buona parte di questi per gli emolumenti dovuti per legge.  Inoltre la tempistica delle nomine amministrative e i relativi atti  (statuto, regolamento, bilancio) avrebbero potuto compromettere  l'utilizzo dei fondi, visto che a tutt'oggi non viene ancora nominato il  Consiglio direttivo.
La durata della convenzione è fissata al 31.12.2010.

5 marzo 2010 -  OLEOPOLIS, CONVEGNO A RAVISCANINA NEL PARCO DEL MATESE
Nell'ambito  della VIII edizione del premio Nazionale Olio extravergine d'oliva  "Sirena d'oro di Sorrento", si è tenuto a Raviscanina un convegno sul  tema "Il paesaggio agrario fra tradizione e innovazione". Tra i relatori  Sveva Di Martino, Direttrice del Museo dell'Olio della Sabina, Mario  Festa, esperto d'arte ambientale, Raffaele Sacchi, Docente  all'Università degli Studi "Federico II" di Napoli, Emilio Pesino, Presidente del Parco Regionale dell'Olivo di Venafro, Giuseppe Messina,  Esperto in Pianificazione ambientale e cooperazione, Nicola Sorbo,  Presidente dell'Associazione Città Paesaggio.

15 febbraio 2010 - RATIFICATO UN IMPORTANTE ACCORDO CON LA COLDIRETTI
Sottoscritto  dal Presidente Provinciale della Coldiretti Giovanni Monaco e dal  Presidente del Parco Emilio Pesino, un'importante intesa che disciplina  gli interventi del Parco a vantaggio dell'olivicoltura, nelle more delle  risorse finanziarie disponibili. Viene rafforzata così l'iniziativa  dell'Ente che avrà al proprio fianco la Coldiretti, che oltre a  rappresentare la maggioranza degli olivicoltori, fornirà la propria esperienza per una serie di progetti finalizzati alla manutenzione del  suolo olivicolo e alla produzione di olio di qualità. Il testo del protocollo può essere scaricato su questo sito nella sezione Ente  Parco/Progetti e Intese.

7 febbraio 2010 - INIZIA FINALMENTE L'ITER PER LA NOMINA DEI CONSIGLIERI DELL'ENTE PARCO
Sul  BURM del 1 febbraio 2010 è stata pubblicato l'avviso di nomina per i  consiglieri ed il revisore dei conti dell'Ente Parco. Le manifestazioni  d'interesse dei candidati dovranno essere inviate alla Presidenza del  Consiglio Regionale entro 30 giorni dalla pubblicazione del BURM. L'iter  ormai avviato dovrebbe portare alla nomina dei consiglieri non prima di  maggio-giugno 2010.

5 febbraio 2010 - IL LUPO ALLE PORTE DI VENAFRO
Avvistamenti  recenti e ripetuti di lupi nel Parco e sui monti alle spalle di  Venafro. Un primo esemplare è stato avvistato su Sammucro nei pressi  dell'unica masseria esistente. Altri due, invece, si sono avvicinati nel  Vallone delle Noci ai margini del Parco. Si conferma così, l'alta valenza naturalistica di quel territorio che spazia dalle Mainarde fino  ai contrafforti sulla Piana di Venafro.

3 febbraio 2010 - LA "CASCINA DELLE NOCI", PRIMO AGRITURISMO DEL PARCO REGIONALE
Sono  ultimati i lavori del primo agriturismo del Parco in località Le Noci  in uno scenario naturale di indubbia attrattività. Nato dalla ristrutturazione di antiche abitazioni rurali, la struttura diverrà un  punto di riferimento per la ricettività dell'area protetta e non solo.

2 febbraio 2010 - PRIME INIZIATIVE DI PROMOZIONE TURISTICA NEL PARCO
L'Associazione  Cippus Informa Molise ha predisposto la degustazione gratuita di olio  del Parco presso la Finestra del Molise, noto locale alle porte del  Parco a Ceppagna. Tra Ente Parco e Associazione Cippus verrà ratificata  una convenzione per realizzare presso la "Finestra sul Molise" un punto  informativo sulle attività dell'Ente, sui sentieri e le iniziative del  territorio.

28 gennaio - PROPOSTA PER IL PIANO FORESTALE 2010
Una  proposta progettuale è stata inoltrata all'Assessore all'Agricoltura e  Foreste Cavaliere dal Parco, redatta in collaborazione con l'Ufficio  ARSIAM di Venafro (Dr. Roberto D'Alessio e Giacomo Verrecchia) e  L'Ufficio Ambiente del Comune di Venafro (Geom. Virgilio Porcelli).
Questa  prevede interventi di sfalcio e riduzione della presenza di  Ampelodesmos mauritanicus, la cosiddetta "sdramma" in aree di maggior  pericolo per la propagazione degli incendi. In particolare gli  interventi riguarderanno un'area tra la Torricella e l'abitato di  Venafro, il percorso dell'acquedotto Campate Forme, la località Creta  rossa e Le Noci.

25 gennaio 2010 - INTESA CON LA COMUNITÀ MONTANA DEL VOLTURNO
Presso  la sede della Comunità Montana si è tenuta una riunione tecnica  finalizzata a definire il Protocollo d'Intesa tra Parco e Comunità Montana per la gestione dell'area protetta. Presenti alla riunione il  Commissario Dr. Antonio Di Ludovico, il Responsabile dell'Ufficio tecnico Ernesto Del Prete per la Comunità Montana, Il Presidente del  Parco Dr. Emilio Pesino ed il Dr. Alessandro Aceto dell'Ufficio legale del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise. In virtù dei fondi  assegnati all'Ente Parco dalla finanziaria regionale, non sufficienti  per costituire un Ente regionale, il Parco intende delegare i compiti  amministrativi, di direzione e contabili alla Comunità Montana. Con l'abbattimento dei costi di gestione il Parco potrà effettuare i primi  interventi sull'area protetta.

14 gennaio 2010 - EMENDAMENTO ALLA FINANZIARIA REGIONALE PER IL PARCO REGIONALE DELL'OLIVO DI VENAFRO
Con un emendamento alla finanziaria regionale è stata predisposta  un'erogazione pari a 150.000 € per il funzionamento dell'area protetta, a  valere per il 2010.
Questo atto costituisce un primo tassello per la  realizzazione di quella struttura agile e snella, che con criteri di  economicità dovrà essere di supporto alla salvaguardia dell'olivicoltura  tradizionale e storica di Venafro e alle attività promozionali  connesse.
Il finanziamento è stato ottenuto grazie all'impegno del  Consigliere regionale Massimiliano Scarabeo, promotore dell'emendamento  alla finanziaria.

Gennaio 2010 - PROTOCOLLO D'INTESA CON LA COLDIRETTI
In via di definizione un accordo con la Coldiretti che impegna le parti a  perseguire obbiettivi comuni per la tutela dell'olivicoltura tradizionale, attraverso progetti comuni ed interventi del Parco nella  manutenzione del territorio. Tuttavia l'approvazione del Protocollo è di  competenza del Consiglio Direttivo del Parco che al momento non è stato  ancora nominato dalla Regione.


2009


23 dicembre 2009 - CONVOCATA LA PRIMA RIUNIONE DEL GRUPPO DI LAVORO SULL'OLIVICOLTURA
Il  Presidente del Parco ha convocato la prima riunione del Gruppo,  presenti oltre al Parco con  Emilio Pesino e Ferdinando Alterio, al Comune di Venafro, rappresentato da Sergio Petrecca e Virgilio Porcelli e  alla Coldiretti, presente con il Vicedirettore Antonio Russano, i tecnici individuati dall'ARSIAM (Dr. Roberto D'Alessio e Giacomo  Verrecchia), dalla Coldiretti (Dr. Mario Stasi) e dalla Comunità Montana (Dr. Alfonso Pagano). Dopo ampia discussione, considerata la costante  emergenza incendi che condiziona qualsiasi attività da intraprendere nell'area, si è deciso di puntare su progetti di m.anutenzione di aree  sensibili da inserire nel Piano Forestale 2010.

11 dicembre 2009 - CONFERENZA A CASTELLO PANDONE
Proseguono  le conferenze organizzate dalla Direzione Regionale per i Beni  Culturali e Paesaggistici e dalla  Soprintendenza per i Beni Storici  Artistici ed Etnoantropologici del Molise dedicate al paesaggio agrario,  in occasione della Giornata Mondiale per l'Alimentazione promossa dalla  FAO.
Venerdì 11 dicembre, alle ore 17.00, è la volta del Presidente  del Parco Dr. Emilio Pesino, che affronta le principali problematiche  relative all'istituzione del'area protetta e la storia del suo  paesaggio.

5 dicembre 2009 - INAUGURATA LA SALA PANEL DI VENAFRO
Finalmente  inaugurata la Sala Panel di Venafro, seconda del Molise, ufficialmente  riconosciuta dal Ministero delle Risorse Agricole e Forestali. La  struttura nella quale verrà certificata la qualità dell'olio prodotto  nella Provincia di Isernia sarà gestita dal Comune di Venafro e  dall'ARSIAM. Il Parco esprime soddisfazione per un risultato  concretizzato grazie alle sinergie esistenti tra Comune, Arsiam e Parco.  Le difficoltà di gestione non mancheranno vista la scarsa domanda  locale, ma la Sala Panel farà da sprone alle aziende locali per la produzione di olio di qualità

9 novembre 2009 - PISU, AMMESSO A FINANZIAMENTO PROGETTO DEL PARCO
Il  tavolo istituzionale del PISU di Venafro, ha approvato la scheda del  Parco relativa alla realizzazione del centro visite dell'area protetta presso la Chiesa di S. Antonio da Padova, con un percorso tra centro  storico e oliveti a monte della Cattedrale, attraverso la caratteristica via della "Portella". E' prevista anche la formazione didattica ed un  laboratorio del gusto dedicato all'olio d'oliva.

3 novembre 2009 - IL PARCO HA LA SUA SEDE
E' la bella chiesa di Sant'Antonio da Padova nella Piazzetta  dell'Annunziata, in uno degli angoli più suggestivi del Centro storico  di Venafro. Ristrutturata a seguito del sisma del 1984, è stata concessa  al Parco dal Presidente della Pia Unione Gennaro Giannini. Si tratta di  una sede ideale per manifestazioni, riunioni e punto di partenza  ottimale per la visita al centro storico della città e al Parco.

24 ottobre 2009 - STUDIO DI FATTIBILITA' SU PREVENZIONE DEGLI INCENDI E FRUIZIONE SENTIERISTICA DEL PARCO
Il Parco ha avviato uno studio finalizzato a creare un efficiente sistema  di monitoraggio ambientale e per la fruizione dell'area. Pur non avendo  strutture e finanziamenti in dotazione il Parco effettuerà lo studio di  fattibilità avvalendosi di professionisti che si sono offerti a titolo  gratuito.

28 ottobre 2009 - PISU, SCREENING DELLE PROPOSTE EFFETTUATE
Dopo  la richiesta dell'Ente Parco di partecipare al partenariato del PISU e  gli incontri con i tecnici incaricati dall'Agenzia SFIDE, si è deciso di  puntare su un unico progetto riguardante il Parco. Questo prevede la  destinazione a centro visite della Chiesa di S. Antonio da Padova, con  esposizioni dedicate alla coltura millenaria dell'olivo e l'arredo di un  sentiero che dal centro storico, attraverso la via della "Portella", si inoltri tra gli oliveti a monte della Cattedrale.

22 ottobre 2009 - LA PROVINCIA CONCEDE AL PARCO UNA FORNITURA PER L'ARREDO SENTIERISTICO
Il  Presidente della Provincia di Isernia Luigi Mazzuto concede al Parco,  che ne aveva fatto richiesta, una fornitura di staccionate di 200 m. per  l'arredo sentieristico e la messa in sicurezza del primo tratto del  sentiero Teatro romano - Mulattiera comunale per Conca Casale.
Inizia così nel migliore dei modi la collaborazione tra Parco e Provincia per la valorizzazione del Parco.

19 ottobre 2009 - IL PARCO SCRIVE ALL'AUTORITA' DI BACINO DEI FIUMI LIRI-GARIGLIANO E VOLTURNO
Si  invita l'Autorità di Bacino a tener in debita considerazione il Parco  nella pianificazione di bacino ed in particolare nell'iter relativo ad eventuali aggiornamenti dei piani di bacino esistenti, quali il Piano  rischio frane, considerato l'elevato rischio idrogeologico del  territorio inserito nel Parco Regionale dell'Olivo di Venafro.

16 Ottobre 2009 - GIORNATA MONDIALE DELL'ALIMENTAZIONE PROMOSSA DALLA FAO
La  Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale, la  Direzione Generale per i Beni Paesaggistici e Culturale del Molise e la  Soprintendenza per i Beni Storici, Artisti ed Etnoantropologici del  Molise, organizzano una serie di incontri dedicati al paesaggio agrario  del Molise. Due gli incontri previsti al Castello Pandone di Venafro: il  30 novembre lo storico Franco Valente parlerà sulle "Colture Antiche  nel Paesaggio Moderno della Valle del Volturno", mentre il 11 dicembre,  Emilio Pesino esporrà una relazione su "Gli Ulivi di Venafro. Storia del  Paesaggio e finalità del Parco Regionale".

15 ottobre - CONVOCAZIONE DEL GRUPPO DI LAVORO SULL'OLIVICOLTURA
Parco  e Comune convocano il gruppo di lavoro per il rilancio  dell'olivicoltura tradizionale nel territorio di Venafro. L'invito  finalizzato a studiare ed applicare strategie per la valorizzazione dei  prodotti oleari è stato inviato alla Provincia, alla Comunità Montana,  all'ARSIAM, alla Coldiretti, alla CIA e all'Associazione Olivicoltori  "Liciniano".

9 ottobre 2009 - L'ARSIAM ADERISCE AL GRUPPO DI LAVORO SULL'OLIVICOLTURA
Con nota indirizzata al'Ente Parco l'ARSIAM aderisce formalmente al gruppo di lavoro sull'olivicoltura.

29 settembre 2009 - INCONTRO CON IL DIRETTORE GENERALE PER I BENI PAESAGGISTICI E AMBIENTALI RUGGERO PENTRELLA
L'incontro  tra il Presidente del Parco ed il Direttore Generale per i Beni  paesaggistici ed Ambientali del Molise è avvenuto nella sede della Soprintendenza ad Isernia. L'Arch. Pentrella si è espresso riguardo alla  richiesta pervenuta dal Parco, riguardante la richiesta di utilizzare come sede dell'Ente alcuni ambienti del Castello. Ha infatti precisato  che in base alle norme statali non è possibile alcun affidamento diretto, bensì solamente dopo aver contratto un eventuale collaborazione  nella gestione del bene vincolato. In particolare il Parco dovrebbe  indicare un elenco di "bellezze univoche" in base al Codice Urbani e  richiederne il vincolo alla Soprintendenza per poi contribuire alla  gestione delle norme di tutela. Il colloquio cordiale e positivo è  foriero di collaborazioni future.

22 settembre 2009 -  IL COMANDANTE DEL CFS G. POTENA CONFERMA L'IMPEGNO NELLA VIGILANZA DEL PARCO
A  seguito delle istanze prodotte dal Presidente Emilio Pesino, il  Comandante del Coordinamento prov.le del CFS ha confermato con nota del  22 settembre 2009 l'impegno della Forestale per la vigilanza del Parco.  Tuttavia, nella stessa viene precisato che le sanzioni previste dal  regolamento di polizia rurale del Comune di Venafro per i trasgressori  delle norme potranno essere elevate dalla Forestale, solamente allorquando l'area parco verrà tabellata.

20 settembre 2009 - E' ON LINE IL SITO WEB DEL PARCO ( www.parcodellolivodivenafro.eu )
Il  sito è stato curato in grafica e pubblicazione da Domenico Biello. Foto  e testi di Emilio Pesino, collaborazione di Mario Stasi.

16 settembre 2009 - SALA PANEL: IL PARCO INCONTRA L'ARSIAM E IL COMUNE DI VENAFRO
Incontro  al Comune di Venafro, stimolato dal Parco, per definire finalmente le  questioni relative all'avvio delle attività della Sala Panel. Presenti  alla riunione Emilio Orlando (Presidente dell'Arsiam), Emidio  Mastronardi (Direttore Generale dell'Arsiam), Emilio Pesino (Presidente  del Parco), Sergio Petrecca (Consigliere delegato all'Ambiente del  Comune di Venafro) e Virgilio Porcelli (Resp. Ufficio Ambiente del  Comune di Venafro). L'Arsiam si è impegnata a costituire entro un mese  il Gruppo Panel (assaggiatori), mentre tutti gli Enti presenti  costituiranno un gruppo di lavoro finalizzato a ridare slancio  all'olivicoltura del territorio.

15 settembre 2009 - PIANO RISCHIO FRANE, IL PARCO CHIEDE GLI ELABORATI ALL'AUTORITA' DI BACINO
In  previsione della formulazione del Piano del Parco, il Presidente invia  una richiesta per l'ottenimento della cartografia relativa al Piano rischio frane approvato dall'Autorità di Bacino dei fiumi  Liri-Garigliano e Volturno. La pianificazione interessa  anche  una  buona parte del Parco, vietando insediamenti edilizi nelle parti basse  olivetate, possibili invece per il Piano paesistico vigente, che allo  stato attuale è anche il Piano del Parco.
E' evidente che è  intenzione del Parco limitare fortemente gli insediamenti edilizi  attraverso l'aggiornamento del Piano dell'area protetta.

7 settembre 2009 - PRESENTATE UFFICIALMENTE LE PROPOSTE PISU AL COMUNE
Protocollata  al Comune la proposta PISU condivisa con l'Unione Commercianti Venafro,  l'Associazione Winterline e l'Associazione Faunistico-venatoria di  Pozzilli. Inizierà a breve un confronto sul tema con i sindaci dei  comuni del venafrano per concordare un iter condiviso.

17 agosto 2009 - INTERROGAZIONE SULL'APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO DI POLIZIA RURALE
Il  Presidente del Parco, vista la scarsa osservanza delle norme di Polizia  rurale, comprendenti tra l'altro la "pulizia" degli oliveti, chiede all'Assessore comunale competente Avv. Alfonso Cantone di conoscere  l'attività di vigilanza del Corpo di Polizia Municipale, organo deputato  all'applicazione del regolamento di Polizia rurale.

16 agosto 2009 - VETRINA SU RAI UNO PER IL PARCO
Un  servizio televisivo dedicato a Venafro e al Parco, con intervista al  Presidente, è andato in onda su Rai Uno durante la trasmissione Sabato  & Domenica Estate del 16 agosto.

14 agosto 2009 - PREVENZIONE CONTRO GLI INCENDI E MANCATO RISPETTO DELLE NORME
Il  Parco chiede l'intervento del Corpo Forestale dello Stato ed in  particolare al Coordinamento del CFS di Isernia. Le norme relative alla manutenzione e alla pulizia delle erbe alte degli oliveti vengono  rispettate solo in parte, mettendo in tal modo in serio pericolo l'area olivetata per il possibile propagarsi di incendi, anche esterni al Parco

13 agosto 2009 -  ISTANZA ALLA PROVINCIA PER UN CONTRIBUTO PER L'ARREDO SENTIERISTICO
Il  Parco fa richiesta di fornitura staccionate per arredare e mettere in  sicurezza il primo tratto del sentiero mura ciclopiche - Mulattiera Venafro - Conca Casale.
Tale istanza è motivata dalla necessità di  dare visibilità a ad un ambiente di notevole interesse naturalistico e  paesaggistico dell'area venafrana, per la cui gestione non si gode al  momento di fondi regionali. Infatti, a causa di disguidi, per l'anno in  corso non sono stati assegnati al Parco i finanziamenti stabiliti.

6 agosto 2009 - ENTE PARCO E ASSOCIAZIONI FORMULANO UNA PROPOSTA PER I PISU
In  coerenza con il regolamento (CE) 1080/06 art. 8, i PISU promuovono tra  l'altro, lo sviluppo urbano sostenibile e più in particolare il rafforzamento della crescita economica, il recupero dell'ambiente  fisico, la riconversione dei siti industriali in abbandono, la tutela a  la valorizzazione del patrimonio naturale e culturale, la promozione  dell'imprenditorialità, l'occupazione e lo sviluppo delle comunità  locali, nonché la prestazione dei servizi alla persona.
E' pertanto  compatibile con le finalità del PISU, la proposta presentata dall'Ente  Parco Regionale dell'Olivo di Venafro, insieme alle'Associazione  Winterline, all'Unione Commercianti e all'Azienda Faunistico - venatoria  di Pozzilli, finalizzata alla valorizzazione e alla fruizione del  patrimonio ambientale dei Comuni di Venafro, Conca Casale, Pozzilli e  Sesto Campano. Un articolato documento che propone infrastrutture  leggere per la fruizione turistica dei Comuni, del Parco e del Centro  storico di Venafro, collegando questi beni, attraverso un piano di  gestione turistica, alle emergenze naturalistiche vicine (Alta Valle del  Volturno e Mainarde, Oasi Le Mortine, Parco della Memoria Storica di S.  Pietro Infine, Le Ciampate del Diavolo di Tora, ecc.)

1 agosto 2009 - INCONTRO CON IL PRESIDENTE DELL'ASSOCIAZIONE NAZION. CITTA' DELL'OLIO
Nel  corso di un importante convegno, ottimamente organizzato  dall'Associazione Aquilonia sul tema della valorizzazione delle  produzioni oleari di nicchia, a San Pietro Infine, alla presenza di  Enrico Lupi Presidente dell'Associazione Nazionale Città dell'Olio,  Emilio Pesino ha annunciato l'adesione dell'Ente all'Associazione  Nazionale Città dell'olio che permetterà ai produttori locali di avere  un proprio spazio per il commercio elettronico del proprio olio in  ambito nazionale ed internazionale. Un'opportunità a costi zero per i produttori,che utilizzeranno la grande visibilità dell'Associazione  Città dell'Olio. Presente al convegno anche la Regione Molise,  rappresentata ufficialmente dal Segretario del Consiglio Regionale  Massimiliano Scarabeo, che ha tracciato il difficile iter istitutivo del  Parco in Consiglio regionale.

31 luglio 2009 - FIREWATCH PER IL RILEVAMENTO PRECOCE DEGLI INCENDI BOSCHIVI
Il  Presidente del Parco presente in Val Fondillo su invito del Parco  Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise alla dimostrazione del sistema Firewatch. Utili i contatti intrapresi con la ETG una Società tedesca  del settore. Il sistema Firewatch è stato progettato per il rilevamento automatico e precoce del fumo in spazi aperti su grandi distanze.  Qualsiasi ambito territoriale, pianeggiante o montuoso, può essere sorvegliato grazie a scanner ad alta soluzione. Il sistema rileva il  fumo e per questo può riconoscere incendi anche in aree nascoste alla visuale. I vantaggi di un tale sistema che per la Piana di Venafro  necessita di un'unica postazione sarebbero enormi: allarme precoce, eccezionale risoluzione anche per distanze superiori a 15 km,  ottimizzazione del personale addetto usualmente alla sorveglianza e all'intervento contro gli incendi boschivi, archiviazione dei dati,  facilità d'uso, bassi costi operativi.

30 luglio 2009 - INCENDI: LE NORME DEL PARCO VANNO RISPETTATE E FATTE RISPETTARE
Comunicato  stampa del Presidente del Parco ancora sulla mancata manutenzione degli  appezzamenti olivicoli. " E' indispensabile che le forze dell'ordine  operino con puntualità nei controlli soprattutto al fine di prevenire le  irregolarità. In particolare mi appello al Corpo di Polizia municipale  competente per il regolamento di Polizia rurale del Comune di Venafro.
Purtroppo  al momento all'istituzione del Parco non è ancora seguita la nomina del  Consiglio direttivo, propedeutica all'avvio delle attività. Lo  slittamento delle nomine a settembre, vista la chiusura presumibilmente  anticipata dei bilanci della Regione Molise (avvenuta negli ultimi anni a  ottobre), renderà difficile l'utilizzo dei fondi predisposti per il  Parco per l'anno in corso.
Al momento non si ha, quindi, alcun mezzo  a disposizione per ovviare ad una situazione così preoccupante. Anche  se va detto che queste difficoltà sono fisiologiche per un Ente che deve  essere costituito dal nulla".

20 luglio 2009 -  ENTE PARCO E COMUNITA' MONTANA: PROVE TECNICHE DI COLLABORAZIONE
Incontro  informale con i tecnici della C.M. Volturno. Allo studio la possibilità  di convenzionamento con l'Ufficio tecnico della Comunità Montana e  l'utilizzo dei mezzi e degli operai della stessa, al fine di abbattere i  costi di gestione del Parco.

14 luglio 2009 - RICHIESTA CONTRIBUTO A MOLISE ACQUE
Viene  richiesto un contributo economico per realizzare cartelli informativi  da installare lungo le arterie principali all'ingresso delle città. Tali  cartelli riporteranno gigantografie del Parco dalle dimensioni 2 metri x  140.

14 luglio 2009 - RICHIESTA UFFICIALE PER LA SEDE DEL PARCO NEL CASTELLO MEDIEVALE DI VENAFRO
Il  Parco con nota del Presidente indirizzata al Direttore Generale per i  Beni Culturali e Paesaggistici del Molise Arch. Ruggero Pentrella chiede  ufficialmente alcuni vani del Castello da adibire a sede. Si legge  nella nota inviata:"Sarebbe estremamente gratificante per l'immagine del  Parco, ma anche della comunità di Venafro, poter disporre di uno o più  locali siti nel Castello Pandone di Venafro, in quanto il maniero,  incluso nei limiti del Parco Regionale, potrebbe essere il fulcro di una  serie di attività legate alla valorizzazione dell'area protetta e del  centro storico di Venafro".

11 luglio 2009 - CHIESTO IL RIPRISTINO DELL'ANTICA MULATTIERA VENAFRO - CONCA CASALE
In  una lettera inviata all'Assessore ai LL.PP. Claudio Petrecca del Comune  di Venafro, il  Presidente del Parco Emilio Pesino chiede che ci si attivi per richiedere fondi per il ripristino dell'antica mulattiera  Venafro - Conca Casale che dai pressi della Cattedrale s'inerpica sulla montagna per raggiungere Conca Casale.

11 luglio 2009 - IL RESTAURO DELLA TORRICELLA OCCASIONE PER IL PARCO
Il  Presidente del Parco del Parco incontra i progettisti dei lavori in  esecuzione sulla "Torricella", bastione di pietra e storia incluso nel Parco. I risultati dell'intervento sono ottimi se si considerano le  notevoli difficoltà progettuali e contestuali all'intervento.  Quest'ultimo è stato strutturale, essendo la torre pericolante, ma non  per questo non conservativo. Viene pertanto concordato con il Comune  l'arredo sentieristico del tracciato esistente per raggiungere  l'avamposto di guardia.

10 luglio 2009 - ESPOSTO DELL'AIVVE E DEL PARCO PER UN OLIVO SECOLARE ESPIANTATO
Un  esposto dell'Associazione Italia Verde Volontari per l'Europa di  Fragnete Isernia) e del Parco ha messo la Forestale sulle tracce di un enorme olivo espiantato dalla collocazione originaria. Le indagini hanno  escluso un furto, ma hanno accertato uno spostamento dello stesso di  qualche centinaio di metri, nei pressi di una villa.

7 luglio 2009 - PARCO SENZA FONDI NEL 2009
Nessun  capitolo di bilancio prevede l'allocazione dei 150.000 € destinati  dalla Legge istitutiva del Parco Regionale dell'Olivo di Venafro. Il disguido sarebbe imputabile alla dimenticanza di qualche funzionario  regionale. Sebbene la mancanza del Consiglio Direttivo, la cui nomina è  prevista per settembre-ottobre, e la chiusura annuale anticipata di  cassa della Regione, non avrebbero permesso per l'anno in corso alcun  utilizzo di fondi, il fatto implicherà la richiesta, da parte del  Presidente del Parco, di un adeguato finanziamento maggiorato, già per  l'anno prossimo.
Da registrare in merito l'intervento del Consigliere  regionale M. Scarabeo che ha prodotto un interrogazione ufficiale al  Presidente della Regione M. Iorio e all'Assessore al Bilancio G.  Vitagliano.

20 giugno - GLI EVENTI E LE MANIFESTAZIONI LEGATE AL PARCO
Primi  approcci con la Proloco e l'Associazione Slowfood rappresentate  dall'Arch. Francesco Martino al fine di programmare una serie di eventi e  manifestazioni nel territorio del Parco.

16 giugno 2009 - RICHIESTA ALL'ANAS PER APPOSIZIONE SEGNALETICA PARCO SULLE STATALI
L'ANAS   accoglie con solerzia e massima disponibilità la richiesta del  Presidente di mettere a dimora segnaletica indicante il Parco sui principali snodi stradali prossimi a Venafro.

10 giugno 2009 - IL PRESIDENTE CHIEDE ALL'ARSIAM LA COSTITUZIONE DEL GRUPPO PANEL
Con  una missiva del 10 giugno inviata al Presidente dell'ARSIAM Emilio  Orlando. Il Presidente del Parco ribadisce l'urgenza dell'attivazione  della Sala Panel e la costituzione del Gruppo Panel di Venafro. Da  troppo tempo ormai, l'apertura di questa struttura viene rinviata e la  problematica che la investe si trascina inesorabilmente nel tempo.  Risale al 31 marzo 2008, infatti, la DGR n. 342 con la quale viene  approvato lo schema di convenzione tra la Regione Molise ed il Comune di  Venafro per la sua gestione. Necessaria la costituzione ed il  riconoscimento del Gruppo Panel, cioè il gruppo degli assaggiatori, per  l'avvio delle attività di cui potrebbe avvalersi anche il Parco.

8 giugno 2009 - TRASMISSIONE AL COMUNE DI VENAFRO DI PERIMETRAZIONE E NORME DEL PARCO
Nella  nota inviata all'Assessore all'Urbanistica del Comune, Marco Valvona si  produce un'ampia disamina sulla prevalenza e la congruenza del Piano  del Parco con gli altri strumenti pianificatori vigenti sul territorio.

8 giugno 2009 - PREVENZIONE DEGLI INCENDI BOSCHIVI
Il Presidente trasmette alla stazione locale del Corpo Forestale dello  Stato il testo della L.R. 30/2008, pubblicato sul BURM del 15.11.2008,  concernente l'istituzione del Parco Storico, Agricolo dell'Olivo di  Venafro" ed il Regolamento comunale di Polizia rurale, approvato con  Deliberazione n. 27 del 6 agosto 2008, dal Consiglio comunale di  Venafro. Inoltre viene stimolato il Comune ad emettere l'Ordinanza per  la prevenzione degli incendi.

18 maggio 2009 - NOMINA DEL PRESIDENTE DEL PARCO
Primo atto ufficiale legato all'istituzione del Parco regionale. Il  Presidente della Giunta regionale, On. Michele Iorio nomina il Dr.  Emilio Pesino Presidente dell'Ente Parco Regionale Storico Agricolo  dell'Olivo di Venafro, con Decreto n. 126 / 2009 pubblicato  successivamente sul BURM n. 13 del 16 giugno 2009.

Ente Parco Regionale Dell'Olivo di Venafro
Ente Parco dell'Olivo di Venafro logo
Palazzina Liberty - 86079 Venafro (IS
Copyright 2010 - 2018 Ente Parco Regionale dell'Olivo di venafro - Tutti i diritti riservati
SEGUICI
Regione Molise
Città di  Venafro
Città dell'Olio
Storico Agricolo
Paesaggio rurale storico d'Italia
(D.M. n. 6419 del 20.2.2018 – MIPAAF)
Torna ai contenuti