Eventi anno 2015 - 2016 - Ente Parco Regionale dell Olivo di Venafro

Ente Parco dell'Olivo di Venafro logo
Storico Agricolo
SEGUICI
ENTE PARCO REGIONALE DELL'OLIVO DI VENAFRO
Paesaggio rurale storico d'Italia
(D.M. n. 6419 del 20.2.2018 – MIPAAF)
ENTE PARCO REGIONALE DELL'OLIVO DI VENAFRO
Logo Ente Parco
Storico Agricolo
SEGUICI
Paesaggio rurale storico d'Italia
(D.M. n. 6419 del 20.2.2018 – MIPAAF)
Vai ai contenuti
EVENTI
anno 2015

Una rete dei luoghi dell’olivicoltura storica, mitologica e religiosa del Mediterraneo
L'Olivo, meglio di qualsiasi altro albero racchiude in se mito, storia e cultura dei popoli mediterranei. Venafro rappresenta uno dei luoghi più importanti dell'olivicoltura storica mediterranea. Con questa consapevolezza L'Ente Parco persegue l'obiettivo di realizzare una rete di gemellaggi con i luoghi simbolo dell'olivicoltura, finalizzati ad eventi e progetti comuni. Con la regia dell’Associazione Coltiviamo La Pace di Firenze, il Responsabile dell’Olive Branch Foundation di Taybeh - Efraim in Palestina, Don Raed Abusalieh, artefice, assieme a Giovanni Gianfrate dell’Associazione Coltiviamo la Pace, della rinascita dell’antica olivicoltura storica di Efraim e dei territori palestinesi, ha sottoscritto con Emilio Pesino, presidente del Parco Regionale dell’Olivo di Venafro, l’accordo che lega le due realtà a progetti comuni per lo sviluppo dell’olivicoltura storica. Situato a circa 25 km a nord-est di Gerusalemme, ai margini dell'imponente scenario del Deserto di Giuda, il villaggio di Taybe – Efraim è un insediamento cananeo esistente già all'inizio del III millennio a.C., nell'età del bronzo medio. Esso è ripetutamente citato nel periodo biblico, con nomi apparentemente differenti: Afra/Ofra al tempo della conquista di Giosuè, verso il 1200 a.C.; Ofra/Efra all'inizio del regno di Saul (1030-1010); Efraim sotto il regno di Davide (1010-970), con riferimento alla storia di Assalonne; Efron, verso il 912, sotto il regno di Geroboamo I (931-910); Efraim, intorno alla metà dell'VIII secolo a.C., sotto il regno di Geroboamo II, quando il profeta Osea rimprovera gli abitanti del suo territorio perché «portano olio in Egitto» (Osea 12,2). Le indagini archeologiche intensivamente condotte sui rilievi meridionali della Samaria hanno confermato una espansione senza precedenti della produzione d'olio d'oliva nell'età del ferro; come pure è documentata la spedizione dell'olio in Egitto e in Assiria. Per la citazione del profeta Osea, Efraim era già nota agli studiosi europei dell'Ottocento come il primo esempio nella Bibbia e quindi nella storia, di esportazione dell'olio di oliva.
La “Olive Branch Foundation di Taybeh Efraim” è impegnata nella promozione di attività e progetti sia di carattere economico-sociale sia ti tipo culturale per sostenere la comunità cristiana di Terrasanta, operando un piano di sviluppo integrale dell’olivicoltura storica di quei luoghi;
la Fondazione ha realizzato, con il contributo della CEI e dell’Associazione Coltiviamo la Pace di Firenze, un oleificio industriale a Taybeh – Efraim con un centro di lavorazione e promozione dei prodotti oleari, ed in collaborazione con la COPAGRI, ha organizzato in Terrasanta il 1° campionato mondiale di potatura dell’olivo. Esporta i propri prodotti stabilmente in Europa (Francia, Austria, ecc.).
Venafro d’altra parte rappresenta il luogo storico più importante dell’olivicoltura occidentale, dove, grazie a Catone, ebbe inizio la commercializzazione moderna dell’olio d’oliva. Era quindi naturale associare i due luoghi ad iniziative comuni, che rispondendo alle finalità istitutive dell’Ente Parco, impegneranno lo stesso nei prossimi anni.
Altre iniziative simili sono programmate con Vinci e di supporto all’iniziativa dell’Associazione Coltiviamo La Pace per la realizzazione del Parco Storico-devozionale del Getsemani a Gerusalemme.
Anno 2015

IL PARCO A VINCI.
Venerdì 4 dicembre presso la Palazzina Uzielli di Vinci, si è svolta una conferenza sul tema: “Storia degli Ulivi e dei Frantoi, dal Getsemani a Vinci”. Organizzata dal Prof. Silvano Guerrini, animatore culturale del territorio di Vinci e del Montalbano, l’assemblea ha visto, quale ospite d’eccezione, il giornalista Graziano Motta. Questi è stato collaboratore della RAI e di Radio Vaticana, nonché di diversi quotidiani (L’Italia, Il Globo, l’ANSA, l’Avvenire, L’Osservatore Romano) e corrispondente per oltre trent’anni a Gerusalemme, in Medio Oriente e nei Balcani.
I due interventi di Emilio Pesino sul Parco Storico dell’Olivo di Venafro e del noto studioso di Leonardo, Alessandro Vezzosi, su “Il Frantoio di Leonardo, hanno introdotto la sintesi operata dal Prof. Giovanni Gianfrate e supportata dall’Ente Parco Regionale dell’Olivo di Venafro, riguardante la realizzazione dei Parchi storici del Getsemani, di Efraim e di Vinci.
Da questi temi si è sviluppata poi, la colta disquisizione di Graziano Motta profondo conoscitore del Medioriente. E’ stata l’occasione anche per parlare delle tragiche vicende di questi ultimi giorni e dei vari teatri di guerra in Asia Minore e in Africa, essendo il giornalista un grande esperto delle dinamiche che hanno prodotto gli scenari attuali.

anno 2015

EXPO Milano 2015
Anche l’Ente Parco con le città dell’olio molisane è stato presente all’esposizione universale di Milano dal 14 al 20 settembre 2015. Il Parco è stato presente con uno stand a Cascina Triulza dell’EXPO, dove il pubblico ha potuto approfondire i temi legati all’olivicoltura storica e degustare l’olio di Venafro, grazie alla presenza del raffinato olio della Cooperativa Colonia Julia Venafrana.

anno 2015

MATERA 10-12 luglio 2015
Assemblea nazionale delle Città dell’olio - “Da Expo alla Basilicata”. E’ questo il tema intorno al quale sono ruotati gli eventi della tre giorni, cui ha partecipato anche l’Ente Parco: conferenze, cooking show, degustazioni e corsi di assaggio organizzati dal Dipartimento Politiche Agricole e Forestali della Regione Basilicata insieme alla Camera di Commercio di Matera e all’Associazione Nazionale Città dell’Olio, in collaborazione con i Comuni di Matera e Miglionico, Alsia Agrobios, Gal Bradanica e condotta Slow Food.
Un’occasione per parlare di paesaggio e prodotto olio extravergine, ma anche di dieta mediterranea e stili di vita, politiche a sostegno dell’olivicoltura, sviluppo territoriale e turismo dell’olio con tanti ospiti illustri come Andrea Olivero, Vice Ministro delle Politiche Agricole Alimentari.
anno 2015

SERENO VARIABILE AL PARCO E A VENAFRO
Grosso impegno organizzativo dell’Ente per la realizzazione della trasmissione televisiva di RAI 2 “Sereno Variabile” andata in onda il 28 novembre 2015. Tra i vari  momenti organizzati
l’accoglimento del conduttore televisivo Osvaldo Bevilacqua (Sereno Variabile) con il gruppo musicale Mainarde, laFesta dell’olio in Piazza Cimorelli con il gruppo folkloristico i Zigzaghini e la festa della raccolta delle olive nel Parco in località Campaglione, nei pressi della Cattedrale, con degustazione della “Signora di Conca Casale” e rievocazione storico militare della Winterline. Un ringraziamento ai principali artefici dell’evento e cioè Claudio Luongo e Francesco Tomasso.

anno 2015

2 OTTOBRE 2015 – IL PARCO ALL’ACCADEMIA BARILLA DI PARMA
Presente il Parco con un intervento di Emilio Pesino, alla presentazione del libro di Yuko Okuma e Sara Sargenti “Sulle rotte degli antichi” (www.yukoedizioni.com). Il libro è uno straordinario viaggio nei paesi del Mediterraneo alla scoperta della storia di olio, pane e sale dalla nascita dell’agricoltura alla caduta dell’Impero Romano d’Occidente. Il volume è corredato dall’ ampio repertorio fotografico del fotografo Gianni Mània.

anno 2015

VERSO EXPO 2015
L’allestimento dello stand del Parco nella settimana dedicata all'importante evento organizzato a Venafro da ANCI e Comune di Venafro a fine maggio 2014, ha visto il notevole impegno organizzativo dell’Ente Parco con l’allestimento di un apprezzato stand, l’organizzazione della manifestazione Pomeriggio al Parco, di tavole rotonde. Il Parco ha anche ospitato studiosi del CNR IVALSA di Sesto Fiorentino, per lo studio del genoma dell’Aurina.
Hanno potuto apprezzare le qualità dell'olio di Venafro, grazie alle erudite osservazioni degli assaggiatori Vito La Banca, Michele Bocchino ed Ettore Celino. La poesia dei grandi poeti, da Orazio a Giovenale, recitata da Daniele Coletta dell'Associazione teatrale Dietro Le Quinte e accompagnate dal sassofono di Isidoro Grasso della Jam Session school, hanno catturato l'attenzione dei presenti. Particolarmente toccanti gli scritti di William Gentry e Frederick Temple che hanno impresso le emozioni vissute proprio tra gli olivi di Venafro durante l'ultima guerra mondiale.
Una serata è stata organizzata dal Parco presso il locale Buena Vista di Venafro di Maurizio Santilli, concessionario del Marchio del Parco Terre degli Olivi di Orazio, dove alla presenza di specialisti come i Prof. Antonio Cimato (CNR Firenze), Giovanni Gianfrate (Assoc. Coltiviamo La Pace Firenze) Angelo Cichelli (Università di Pescara), Raffaella Petruccelli (CNR Firenze), l’Arch. Maurizio Zambardi (che a breve pubblicherà con l’Ente, un libro sulle emergenze archeologiche del Parco), la D.ssa Nicolina Del Bianco (Dirigente del Settore Foreste della Regione Molise) oltre al Presidente del Parco Emilio Pesino, ai consiglieri Giuseppe Simeone e Nicola Vettese e al Sindaco di Venafro Antonio Sorbo con l’Assessore Dario Ottaviano, sono state affrontate problematiche inerenti la tutela dei luoghi olivicoli storici.

Ente Parco Regionale Dell'Olivo di Venafro
Ente Parco dell'Olivo di Venafro logo
Palazzina Liberty - 86079 Venafro (IS
Copyright 2010 - 2018 Ente Parco Regionale dell'Olivo di venafro - Tutti i diritti riservati
SEGUICI
Regione Molise
Città di  Venafro
Città dell'Olio
Storico Agricolo
Paesaggio rurale storico d'Italia
(D.M. n. 6419 del 20.2.2018 – MIPAAF)
Torna ai contenuti